Home Illustri Sconosciuti La Prohibida - Flash (2006 - CD)

La Prohibida – Flash (2006 – CD)

La regina della gay music spagnola

-

La Prohibida FlashItalia e Spagna, lasciando da parte gli stereotipi, sono due penisole che si specchiano vicendevolmente idealizzandosi l’un l’altra.

Dopo il dopoguerra l’Italia era indubbiamente più avanzata a livello di democrazia, libertà di costumi e benessere, nessuno avrebbe mai pensato che i cugini impegnati in “sieste” e “fieste” avrebbero potuto un giorno farci “ciao, ciao” sotto tutti i punti di vista: sociale, culturale ed economico.

Se oggi l’Italia è un feudo dello Stato Pontificio e una nazione praticamente in bancarotta, la penisola iberica, lungi dal soffrire della “deriva zapatista”, pare al contrario diventare lentamente una nazione moderna, emancipata dal potere culturale cattolico ed economicamente in crescita.

Musicalmente parlando la Spagna tutta è estremamente viva e, pur se sono passati parecchi lustri dalla rivoluzione camp-cultural-punk de “La Movida”, musicalmente interpretata da Alaska e dal duo Almodóvar y McNamara, oggi da quel movimento di rottura stanno ancora germogliando i semi allora gettati, utilizzando le tecnologie del nuovo millennio.

Tutto questo lungo preambolo era assolutamente necessario per spiegare da dove proviene La Prohibida, una bella travestita che ripesca l’immaginario più glitter-kitsch-pop anni ’80 senza alcuno scopo sterilmente revivalistico, ma bensì come icona e stereotipo, utilizzando un look che prende in equal misura da Spagna (la cantante intendo!), gli S.S. Sputnik e Jem and the Holograms. La novella diva ha riscosso un buon successo in patria che l’ha spinta a intraprendere un tour sudamericano di due mesi fino a portarla anche in Italia per qualche data.

Il segreto che si cela dietro questo album non è certo la musica in sè, anche se tra le tracce si nascondono pezzi davvero splendidi come l’incredibile title track (che riesce in quello che Madonna non è mai riuscita a fare, ovvero mischiare con nonchalance le melodie appiccicose di tormentoni anni ’80 come “Material Girl” e la dance più nuova di “Hang Up”), il moderno retro-pop iberico di “En La Pared” impreziosito con ammiccamenti degni della migliore Amanda Lear, l’azzeccatissima cover di “Amoureux Solitaires” di Lio e “No Busques Compañia” incisa anche in un perfetto italiano; non mancano episodi evitabili di pop tamarro come “Sin Tu Amor” e porcate insalvabili come “European Lovesong”, ma quello che conta è l’attitudine e l’orgoglio di mostrarsi per quello che si è davvero, “prendere o lasciare”.

Se ci hanno rimandato indietro Raffaella Carrà ci sarà pure un motivo, no?

Tracklist:
01. Flash
02. En La Pared
03. Amor Eléctrico
04. Sin Tu Amor
05. European Lovesong
06. Prohibida Y Perdida
07. Saliva
08. Huye Conmigo
09. Love For Ever Robot
10. Amoureux Solitaires (Lio cover)
11. Desnuda O Vestida
12. No Busques Compañía
13. Nombre De Final
14. Flash (En Francés)
15. Flash (Pumpin Dolls Club Mix)
16. No Busques Compañía (Isaac Junkie Mix)

I più letti

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...