Home Illustri Sconosciuti Leandro Barsotti - Fragolina (1997 - singolo)

Leandro Barsotti – Fragolina (1997 – singolo)

-

Leandro Barsotti FragolinaSignore e signori, a grande richiesta ecco a voi mister Leandro Barsotti!

Barsotti è un genio, uno di quei geni che capiremo tra 30 anni. In ogni caso adesso, a quasi 20 anni dalla sua partecipazione al Festival con questo brano nella categoria Nuove Proposte (per la verità partecipò, molto in sordina, anche l’anno prima), il mondo non è ancora pronto a capire il suo linguaggio metafisico.

Già leggendo la sua biografia si capisce che non siamo davanti ad un uomo comune. Si laurea in criminologia e contemporaneamente si dedica alla sua grande passione per la musica fondando un gruppo a metà tra il jazz e il rock. Quando la band fu vittima del furto di tutti gli strumenti, Leandro capì che qualcuno gli stava inviando un chiaro segnale: doveva abbandonare il gruppo ed intraprendere una carriera solista.

Qualunque sia la divinità che gli inviò quel segnale, io mi chiedo: ma si poteva fare una padellata di cavoli suoi? Il punto di forza di Barsotti sono sicuramente testi e titoli dei suoi brani (anche perché le potenzialità vocali sono pari a zero): “Ho La Vita Che Mi Brucia Gli Occhi”, “Dio Beve Champagne”, “Pellerossa Love”, “Mick Digei” sono solo alcuni dei titoli della sua sconfinata discografia. Ma perlomeno (masochisti e parenti del cantante a parte che comprarono gli album) nessuno ebbe la sfortuna di ascoltarli.

Purtroppo “Fragolina”, in virtù della partecipazione a Sanremo 1997, venne ascoltata da una media di 13 milioni di spettatori, che comunque presumiamo abbiano cambiato canale dopo la prima strofa.

Come detto in precedenza, Barsotti opta per un linguaggio metafisico: insomma, il testo è un’accozzaglia di parole messe insieme a casaccio dove le uniche cose comprensibili sono, nell’ordine, l’uso di sostanze stupefacenti dell’autore unita ad una rara incapacità e la passione dello stesso per il culo di Fragolina… Tutto sommato avrei preferito non capire nemmeno questo.

Ma gustatevela:

Sono affacciato sul balcone del cosmo
Guardo la gente che cammina giù nel cielo
Passa un’astronave bionda
I miei amici mi salutano dagli oblò
Un pezzo a me un pezzo a te
Mi vedo vagabondo a mezzanotte
Che cerco prede per il libero amore
Divento un calabrone intorno al tuo alveare
Aspetto che mi lasci entrare
Un pezzo a te un pezzo a me
Non andar mai via fragolina mia
Non lo vedi che lo adoro il tuo culetto d’oro
Non lo vedi che ti adoro
Oh no fragolina mia
Un pezzo a me un pezzo a te

Sono affacciato sul balcone del cosmo
Faccio esperienza uscendo dalla mia pelle
Una nuova regola per questo universo
Non esiste più la forza di gravità
Un pezzo a me un pezzo a te
Seduti in macchina fuori da casa tua
Le mani stanno sotto la camicia
In tasca ho qualche cosa che fa bene all’amore
L’estate la passiamo via così
Un pezzo a me un pezzo a te
Non andar mai via fragolina mia
Non lo vedi che lo adoro il tuo culetto d’oro
Non lo vedi che ti adoro
Oh no fragolina mia
Un pezzo a me un pezzo a te

Dopo averlo letto una domanda sorge spontanea: cosa avrà voluto dire Barsotti con l’espressione “In tasca ho qualche cosa che fa bene all’amore”? La giuria decise che avrebbe vissuto perfettamente anche senza la risposta e Barsotti venne subito eliminato. Fragolina venne inserita nell’album “Fragolina Collection”, un best of dei suoi “più grandi successi” (quali ci domandiamo noi?).

Seguì il silenzio per alcuni anni. Oggi Barsotti continua a lavorare nella musica soprattutto come autore di qualche fortunato cantante.

Barbara Ghiotti

I più letti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

6 COMMENTI

  1. Veramente oggi il Lea fa il readattore al Mattino di Padova (quotidiano del gruppo Espresso-Repubblica) dopo essersi occupato di cronaca nera in virtù della sua laurea in criminologia(?)

  2. Leandro Barsotti. Capo-redattore del grande Mattino di Padova (il giornale cattolico della provincia, da sempre votato al bieco pettegolezzo e alla calunnia …) e responsabile web dello stesso (spassoso!). Un uomo di grande cultura al posto giusto per un giornale d’eccellenza. Spassoso !

  3. effettivamente successe così: la sua esibizione fu la prima nella sera inaugurale. E io cambiai canale dopo il primo “un pezzo a me, un pezzo a te”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...