Home Musica Strana The Beatles - You Know My Name (Look Up The Number) (1970)

The Beatles – You Know My Name (Look Up The Number) (1970)

La canzone più matta dei Beatles

-

Beatles You Know My NameIl 09/09/09 è una data storica per tutti i fans dei Beatles: dopo ben quattro anni di lavoro vengono finalmente ripubblicati tutti gli album della band in edizione rimasterizzata, senza contare la contemporanea release di “The Beatles Rock Band”, già videogame dell’anno ancor prima del suo rilascio ufficiale. Lasciamo perdere i dibattiti su che cosa sia filologicamente più corretto, se le versioni mono o quelle stereo, sorvoliamo su brani indifendibili come “Obla-Di, Obla-Da” o “Yellow Submarine” (ancora oggi non mi capacito del perché su “Revolver” non sia finita la splendida “Rain” invece di quella fetecchia di filastrocca sottomarina – probabilmente solo per far cantare qualcosa a Ringo Starr) e cerchiamo di celebrare questo giorno alla nostra maniera, ovvero andando a pescare negli angoli più polverosi della discografia dei quattro scarafaggi.

Proprio questi spazi dimenticati ai più nascondono un gioiellino: il pastiche “You Know My Name (Look Up The Number)” che personalmente ritengo uno dei loro apici creativi. Il brano ha una lunga gestazione iniziata negli anni acidi del periodo “Sgt. Pepper” (prima metà del 1967) per essere terminato solo a fine 1969 quando di fatto i Beatles esistevano solo sulla carta (a riprova di questo, il fatto che il brano doveva essere inizialmente un singolo della Plastic Ono Band mentre all’ultimo minuto finì sul lato B del 45 giri di “Let It Be”).

La composizione si sviluppa attorno alla frase “you know my name, look up the number” (presa in prestito dalla copertina dell’elenco telefonico) ripetuta tantricamente per tutta la durata del brano. Si inizia con un accenno downtempo che però porta rapidamente a un gospel-R&B ubriaco su una base easy listening, trasformandosi successivamente in una parodia di cocktail-lounge music volutamente cheesy, concludensi con un finale jazzato in cui John e Paul giocano a fare i crooner trasfigurando il testo in puro rumore, con tanto di rutto finale.

La magia del brano scaturisce proprio dalla sua leggerezza (che non sfocia in stupidità) e ricercata inconsistenza (meno cerebrale di “Revolution 9”) e forse proprio questo ha fatto sì che la coppia di ex amici si sia riunita per l’ultima volta attorno a un microfono ad intonare questi amati-odiati versi sghembi. Non a caso proprio “You Know My Name (Look Up The Number)” è la canzone dei Beatles preferita di Sir. Paul McCartney.

I più letti

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

La sigla italiana di Lamù: un mistero irrisolto (forse)

Il caso della sigla italiana dell'anime Urusei Yatsura, meglio noto ai fan nostrani come Lamù, è uno dei grandi misteri della storia della musica...

Roberto Angelini – Gattomatto (2003 – singolo)

È difficile parlar male di un bravo artista, ma questa “Gattomatto” riesce a ogni ascolto a mettermi addosso una tristezza impressionante, a cominciare da un...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Le 10 migliori canzoni dei film di Bud Spencer e Terence Hill

Abbiamo perso quello forzuto, grosso e bonaccione nel 2016 mentre quello biondo, belloccio e scaltro ci ha regalato l'ennesima pellicola fatta di cavalcate in...

5 COMMENTI

  1. Quoto J.J. John! Tra l'altro, pare che in una delle sessioni di registrazione del brano fecero la loro comparsa Mick Jagger e Brian Jones!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato é quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...