Home Illustri Sconosciuti Jane Chiquita - Banana (1984 - 7")

Jane Chiquita – Banana (1984 – 7″)

-

Jane Chiquita - BananaQuesto delizioso 45 giri è un vero e proprio classico italo-trash proveniente dagli anni 80 che per qualche arcano motivo in pochi oggi ricordano nonostante facesse parte della colonna sonora del film “Il Futuro è Donna” di Marco Ferreri con Ornella Muti.In realtà il motivetto scritto a quattro mani da Renato Pareti e Sergio Menegale ha tutte le carte in regola per essere un classico del genere: una musichetta tanto stupida quanto orecchiabile, un testo dai doppi sensi davvero poco velati ed una svampita interprete femminile il cui nome, o più precisamente il cognome, lascia intendere chiari legami con una nota società statunitense dal famosissimo bollino blu, leader nel mercato proprio delle banane.

Sin dalla notte dei tempi il frutto reso immortale da Andy Warhol ed i Velvet Underground è sempre stato associato ad un chiaro immaginario erotico; in questo caso le allusioni ed i doppi sensi sono palesi sin dalla copertina dove la bella Jane Chiquita (triste quanto efficacissimo bignami dell’Africa da cartolina) è saldamente aggrappata ad una banana gigante dai chiari riferimenti fallici.

Il brano, anche grazie all’interpretazione fanciullesca, chiaramente ispirata ad Ilona Staller, trova il perfetto equilibrio tra giocoso nonsense, innocenza adolescenziale e chiari richiami sessuali (“La buccia sono io, il dolce dentro tu, per non finire bananiamoci di più”) guadagnandosi sicuramente uno spazio nella vostra discoteca tra “Sbucciami” e “Gelato al Cioccolato”, vi pare poco?

BananaBanana

me gusta la banana

é dolce come il miele

mi piace da morire

se mangi la banana

ti tira un po’ più su!

Banana

banana americana

col cuore da sbucciare

più dentro c’é l’amore

che scalda come il sole

le spiagge di bambù!

Banana tu per me

banana io per te

la stessa cosa insieme io e te

la buccia sono io

il dolce dentro tu

per non finire bagnamoci di più!

Banana

gialla la banana

l’Africa é vicina

il volo da una liana

il graffio di una jena

un libro di Hemingway.

Banana

che notte di banana

tu cadi dalle stelle

col gelo sulla pelle

che pizza di banana

non dormiremo più.

Banana tu per me

banana io per te

la stessa cosa insieme io e te.

La buccia sono io

il dolce dentro tu

per non finire bagnamoci di più.

Banana

me gusta la banana

é dolce come il miele

mi piace da morire

se mangi la banana

ti tira più su!

I più letti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

4 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...