Home VIP Canterini David Zed - Balla Robot (1980 - 7")

David Zed – Balla Robot (1980 – 7″)

-

David Zed - Balla Robot (1980 - 7")Quando ero bambino negli anni ’80 e vedevo in televisione in trasmissioni come “Domenica In” o “Discoring” l’uomo-robot ne ero magneticamente attratto. Il motivo? Ignoto. Forse quel suo abito di plastica blu elettrico o le sue mosse meccaniche unite ad una perfetta immobilità facciale che lo avevano reso noto in Italia e nel mondo come l’uomo-robot o meglio Mr. Zed. Ideato il personaggio inedito e vincente David Kirk Traylor ci ha costruito una brillante carriera durata almeno due decenni e votata, quasi in maniera ascetica, a rappresentare sempre e soltanto lo stesso personaggio.

Nei primi anni ’80, nel pieno del suo successo, David Zed si prese la briga di incidere una manciata di 45 giri tutti piuttosto interessanti e devoti all’electropop sulla scia del Gary Numan più melodico. Ciò che rende straordinariamente interessanti questi brani (ad esclusione della tarda cover di “Witch Doctor”) sono però i testi autoreferenziali dedicati ovviamente al mondo dei robot; nel caso di “Balla Robot” il tutto è speziato da più o meno vaghi ammiccamenti a sfondo sessuale dall’inizio alla fine del brano.

Sarà per quel giro di riff insistente o per le mosse (di danza?) che vengono impartite, ma il brano sembra quasi una proto-versione del celeberrimo “Gioca Jouer”; sarà un caso?

Piccola curiosità, riconoscete il G. Magalli tra gli autori?

Balla Robot
(G. Magalli-G. Santamaria-D. Sorrenti-C. Deangelis-M. Dicario)Sono un robot
amo i juke-box,
se metti una pila dentro di me
vedrai che suonerò,
che ballerò il “Balla Robot”.
Dai muovi le gambe
e non le piegar
apri le braccia
e chinati in giù
su dai ci riuscirai
anche se tu bulloni non hai.Girati un po’
piegati in giù
alzati e poi
ritirati su.
Balla Robot!
Sfiorami un dito e toccami un po’
senti la scossa che do!Ho messo una pila dentro di me
il mio transistor batte per te
Su dai, balla con me
ti insegnerò il “Balla Robot”.
Ora la testa tu devi girar,
insieme alle gambe prova a spostar,
su dai, ci riuscirai
anche se tu a pile non vai.Girati un po’
piegati in giù
alzati e poi
ritirati su.
Balla Robot!
Se fai così, mi accenderò,
senti la scossa che do!Girati un po’
piegati in giù
alzati e poi
ritirati su.
Balla Robot!
Se fai così, mi accenderò,
senti la scossa che do!Sono un robot
amo i juke-box,
se metti una pila dentro di me
vedrai che suonerò,
che ballerò il “Balla Robot”.
Dai muovi le gambe
e non le piegar
apri le braccia
e chinati in giù,
vedrai ci riuscirai
anche se tu bulloni non hai.

I più letti

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Roberto Angelini – Gattomatto (2003 – singolo)

È difficile parlar male di un bravo artista, ma questa “Gattomatto” riesce a ogni ascolto a mettermi addosso una tristezza impressionante, a cominciare da un...

La sigla italiana di Lamù: un mistero irrisolto (forse)

Il caso della sigla italiana dell'anime Urusei Yatsura, meglio noto ai fan nostrani come Lamù, è uno dei grandi misteri della storia della musica...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Le 10 migliori canzoni dei film di Bud Spencer e Terence Hill

Abbiamo perso quello forzuto, grosso e bonaccione nel 2016 mentre quello biondo, belloccio e scaltro ci ha regalato l'ennesima pellicola fatta di cavalcate in...

2 COMMENTI

  1. guarda cosa dice sul suo sito:
    https://www.mrzed.com/monkey/homeita.htm

    Quello che non sanno, e non vogliono sapere, e’ che non sono un uomo che fa un robot, ma un robot che fa un uomo che fa il robot. Sono stato costruito, o saro’ costruito nel vostro futuro. Sono il prototipo ZX3500/d7. Sono stato utilizzato come cavia in uno dei primi esperimenti sugli spostamenti nel tempo […]

    — fantastico !

  2. Al campanello di casa c'era solo una foto con il taglio degli occhi, ti apriva come se fosse un robot, uno spasso vero per noi bambini….E' veramente un robot che fa un uomo che fa il robot!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato é quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...