Home VIP Canterini Daniela Poggi - Discografia

Daniela Poggi – Discografia

-

Daniela Poggi Discografia

Molti di voi conosceranno Daniela Poggi per la sua lunga carriera cinematografica che la vide protagonista di film culto quali Mi faccio la barca, Prestami tua moglie, Culo e camicia e I camionisti, o per la sua lunga permanenza al timone del programma Chi l’ha visto?; in pochi invece ricorderanno la bella attrice savonese quando, nel bel mezzo degli anni Ottanta, decise di darsi al canto, come la maggior parte delle sue colleghe.

Il debutto avvenne nel 1985 sull’onda della moda dell’italo disco con il 45 giri “Cielo / Break Up”, inciso per la Polydor (che accoppiava la versione italiana a quella inglese sul lato B); un lancio in grande stile che ha poco da invidiare ai grandi classici del genere, scomodando nientemeno che Luigi Albertelli, Vince Tempera e Massimo Bracco, dream team per le sigle dei cartoni animati, e Stefano Gori, già autore per Amanda Lear, Passengers e Ciao Fellini.

Nonostante la sua inevitabile ripetitività il brano ottenne un discreto successo per essere inciso da un’attrice svociata, grazie al fatto di essere stato utilizzato come sigla per il programma televisivo Shaker e ad un videoclip super sensuale che spinsero il singolo nei posti alti delle classifiche.

Nonostante la somiglianza con “Bandido” dei La Bionda, va detto che “Cielo” ha un bel piglio trascinante, e riesce nell’intento di ricreare un’atmosfera estiva e sognante, nonostante le imbarazzanti stonature.

Daniela Poggi DiscografiaIncredibilmente oggi il 45 giri è diventato un vero cimelio per collezionisti dopo che nel 2013 “Break Up” venne ristampato sul “Hot Girls of Italo Disco”,  un magnifico 12” in vinile rosa in edizione limitatissima a 150 copie, accoppiato con “Musica Spaziale” di Patrizia Pellegrino con tanto di poster senza veli della nostra soubrette.

Il disco-cimelio si esaurisce subito venendo però ristampato su vinile nero nel 2014. A differenza di altre sue colleghe Daniela Poggi oggi va comunque fiera del suo passato come racconta in un’intervista: «Quando incisi “Cielo” non sapevo proprio cosa sarebbe successo e sono molto felice che sia diventato un cult. Ho saputo che alcuni sono arrivati a chiedere persino 2000 euro per cederne una copia».

Il vero culto però va ricercato nell’LP del 1988 “Donna speciale”, album stampato i tiratura limitatisisma pare intorno alle 500 copie dall’etichetta Videostar, prodotto da Giuseppe Aleo con gli arrangiamenti di Franco Delfino (entrambi ex membri della band electro-progressive-space rock I Signori della Galassia) e soprattutto con mezz’ora di terribili stonature.

Si parte con un classico brano dai toni ecologisti nemmeno fosse Romina Power: «Aria pulita e gusto per la vita / un fiore tra le dita / respireremo ancora ai laghi». Poi si gioca la carta dell’ironia, con una canzone che parla di una donna felice di essere miope… Ma il vero apice si tocca con «chançonnier chançonnier / canta le tue storie / racconta le vittorie / tanto poi è lo stesso / se le conosco già», un brano che meriterebbe di essere suonato in tutte le serate revival che contano per i livelli di cretineria quasi poetici che riesce a sfiorare.

L’altra gemma nascosta è “Autostop”: un’esaltazione della vita on the road che anticipa tematiche care al film Thelma & Louise con liriche quali: «ma lui chi è che sa fare girare il motore / autostop autostop / ma lui chi è che sa farmi di nuovo volare».

daniela poggi donna specialeNonostante quello che ne pensiamo noi Daniela Poggi ricorda piacevomente questo “Donna speciale”: «Quello fu un piccolo divertimento e francamente non ricordo molto della produzione ma solo tanta gioia nello scrivere e cantare. All’interno c’era il brano intitolato “Miope” e l’idea partì proprio da me, in quanto sono miope per davvero. Non proseguii la strada della musica perché ero impegnata in altri ambiti, come quello cinematografico e televisivo, ma credo che l’importante sia lasciare un segno del nostro passaggio terreno. Se ciò che facciamo resta, nel bene sia chiaro, è un regalo grandissimo».

Per la legge del contrappasso Daniela Poggi, rapidamente abbandonata la musica, divenne famosa quando si dedicò alla ricerca di persone scomparse mentre proprio la sua discografia spariva fagocitata dal dimenticatorio collettivo che noi, devoti del suo insegnamento televisivo, abbiamo deciso di ricercare e riportare alla luce.

Discografia:

  • 1985 – Cielo / Break-Up (Polydor, 881 926-7, 7”)
  • 1988 – Donna speciale (Videostar, VS 000162, LP)
    • A1. Aria Pulita
    • A2. Miope
    • A3. Chançonnier
    • A4. Dentro Il Mondo
    • B1. Autostop
    • B2. Donna Speciale
    • B3. Ti Prenderà
    • B4. Aria Pulita (instrumental)
  • 2013 – Hot Girls Of Italo Disco (Bordello A Parigi/Mothball Record, HGID001, 12” ediz. limitata a 150 copie in vinile rosa)
    • A1. Patrizia Pellegrino – Musica Spaziale
    • A2. Patrizia Pellegrino – Musica Spaziale (Flemming Dalum Edit)/li>
    • B1. Daniela Poggi – Break-Up
    • B2. Daniela Poggi – Break-Up (Hysteric Edit)
  • 2014 – Hot Girls Of Italo Disco (Bordello A Parigi/Mothball Record, HGID001, 12” ristmpa ediz. limitata)

I più letti

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Carmen Russo – Nuda (1985 – 7″)

Il 1985 di Carmen Russo sembra scandito dal ricordo di spiagge esotiche come la tastierina nell’intro del pezzo ci suggerisce; un’atmosfera frizzantina e leggera....

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Momo – Fondanela (2007, CD singolo)

Eccoci di nuovo a parlare del Festival di Sanremo. Questa volta però non vi parleremo di “artisti” partecipanti, di vincitori e di vinti, ma...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato é quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...