Alexi Lalas figurina padova

Alexi Lalas: un rocker sul capo da calcio

Far From Close (1996 – CD)

alexi lalas far from closeNel campionato successivo 1995-1996 il Padova, letteralmente spolpato dal mercato e senza aver rimpiazzato i partenti in modo adeguato, sprofondò ben presto nelle zone basse della classifica e anche il rendimento del difensore americano calò.

Forse per tutti questi motivi i tifosi misero in giro voci false che avesse numerose amanti, che arrivasse agli allenamenti sfatto o che pensasse più a incidere i suoi pezzi che a giocare a calcio, così ben presto e senza un motivo preciso si ritrovò in tribuna e quindi decise di ritornare a metà stagione negli Stati Uniti a giocare nella nuova Major Soccer League, non prima però di pubblicare in Italia il suo primo album solista.

“Far From Close” venne registrato nel 1996 con Mel Previte & the Gangsters of Love come backing band (che in seguito collaboreranno con Ligabue ed Edoardo Bennato) e pubblicato per Totem/Warner.

alexi lalas discografia
© Neal Preston/CORBIS

Il disco è una discreta raccolta di puro rock 100% a stelle e strisce abbastanza standard, in bilico tra Counting Crows, Hootie & the Blowfish e Bruce Springsteen, ma con meno talento. Senza sorprese si alternano brani più tirati come l’iniziale “Turn Over” (il calcio non c’entra nulla) o “Crash” (cover dei Primitives) e soprattutto buone ballate mai zuccherose come “Walk Away”, “Underground Paradise” e soprattutto “Under The Mountain” (forse il brano migliore del disco) che mettono in luce tutti i limiti artistici di Alexi Lalas, ma anche il discreto talento come cantautore.

Il disco, pur non brillando per originalità e con un Alexi volenteroso al microfono, ma ancora troppo acerbo, rimane solo un lavoro discreto ed più che altro una rarità visto che finì direttamente nei cestoni dei supermercati per poi volatilizzarsi nel nulla.

Tracklist:
01. Turn Over
02. Sweet Mercy Ride
03. Crash (Primitives cover)
04. Sacred Ground
05. One More Time With You
06. Walk Away
07. Far From Close
08. Stumble
09. Under The Mountain
10. Rokker
11. Underground Paradise
12. Walk Away (Reprise)

Ginger (1998 – CD)

alexi lalas gingerTornato in patria per vestire la maglia dei New England Revolution, Alexi Lalas non abbandona affatto la musica e per il suo secondo album (ma il primo per il mercato americano) decide di fare tutto da solo suonando tutti gli strumenti (ad eccezione di qualche chitarra affidata a Martin Crotty e al cameo vocale della sua ragazza Jill McNeal); il tempo trascorso dalla sua prima prova solista sembra sia stato salutare.

Il disco ha un suono nettamente più fresco e convincente, anche se continua a pescare a piene mani nella tradizione americana senza aggiungervi molta personalità, questa volta però accelerando le ritmiche e affilando le chitarre (quasi hard rock) avendo come riferimenti Replacements, ma soprattutto Soul Asylum e Goo Goo Dolls degli anni ’90.

Oltre alla fulminante doppietta iniziale di “Goodnight Moon” e “Pretty Mess” si ricordano con piacere “This Should Be”, “What I’ve Done” e il soprendente brano acustico “Half A Chance” posto come ottimo finale.

Pur non facendo gridare al miracolo il disco è ben prodotto e suonato e non sfigura accanto a “A Boy Named Goo” o “Let Your Dim Light Shine”, se questo sia un bene o un male lo lasciamo decidere a voi. Per noi rimane sicuramente il suo album migliore.

alexi lalas discografia
Alexi Lalas nel 1998

Per promuovere il disco Alexi girò in tour anche in Europa con la sua band come supporto agli Hootie & the Blowfish; il successo non arrivò e la carriera musicale sembrò terminare mestamente, ma a discapito delle previsioni non fu così. Nel frattempo tornò al calcio, ma questa volta non giocato; nel 1999 la Sony pubblicò Alexi Lalas International Soccer, un videogioco per la Playstation esclusivamente per il mercato americano e giapponese e nel 2000 fu l’autore del libro “Soccer for Dummies” dedicato ai neofiti del pallone.

Tracklist:
01. Goodnight Moon
02. Pretty Mess
03. Drive-By Serenade
04. Pop School
05. Sonic Lullaby
06. This Should Be
07. Vacancy
08. What I’ve Done
09. Gemini
10. Half A Chance

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!