Home Big della Musica Tullio De Piscopo - Ciapa Ciapa al Maruchein (1995)

Tullio De Piscopo – Ciapa Ciapa al Maruchein (1995)

Un j'accuse ironico che affronta con piglio decisamente sbarazzino il sentimento popolare contro il diverso e lo straniero.

-

Tullio De Piscopo Ciapa Ciapa al Maruchein 1995Nel 1995 la Lega era ancora Nord e verde, ce l’aveva orgogliosamente duro e professava il disprezzo per negri e terroni, mica quella congrega di fighetti mollicci vittime dei social media che con qualche abile operazione di marketing va a raccattare voti ben al di sotto del Po con delle cazzo di felpe blu.

Sicuramente altri tempi in cui la parola negro non era prerogativa di sterili e ridicoli dissing via tastiera tra discutibili rapper di casa nostra e tutti accettavano di buon grado il generico termine di vu cumpra’ o marocchino per indicare gli immigrati africani che cercavano di rifarsi una vita nel nostro Paese.

In realtà per la casalinga di Voghera, ma anche per il metalmeccanico di Ivrea, tutto quello che era a sud di Roma era considerato genericamente Africa. Tanto che spesso durante le partite di calcio o su colorati murales, tutti i meridionali venivano invitati ad utilizzare dei prodotti ad azione detergente. Che cari. Altre volte invece mostravano un inaspettato interesse per fenomeni geologici eruttivi di Etna e Vesuvio ben prima che Alberto Angela diventasse il sex symbol della divulgazione scientifica in prima serata.

A dar voce a questi africani d’italia arrivò l’istrionico percussionista napoletano Tullio De Piscopo che piombò al Festivalbar del 1995 con Ciapa ciapa al maruchein, un brano dal sapore estivo e spensierato, ma che nascondeva un j’accuse ironico contro quel sentimento dilagante di una certa Italia di allora. La canzone prende spunto proprio da un’esperienza personale, quando in Emilia alla fine degli anni ’60 il maruchein era proprio l’italiano meridionale emigrato al nord in cerca di lavoro e di fortuna. Trascorsi 30 anni lo stesso fenomeno si stava ripetendo questa volta con gli emigrati provenienti davvero dall’Africa, fomentando così un facile sentimento popolare contro il diverso o lo straniero, capro espitorio di tutti i problemi socio-economici.

Ciapa ciapa al maruchein è una baracconata contro l’idiozia delle persone che utilizza la stessa espressione non propriamente politically correct per rovesciare la questione e prendere per il culo proprio chi denigrava gli immigrati, il tutto in un brano ballabile, con accenti di world music e con qualche rimasuglio di italo disco.

Nonostante la travolgente esibizione in playback al Festivalbar il brano non diventò affatto un tormentone finendo però sull’album di Tullio De Piscopo Zzacotturtaic, titolo di maggior acume e compresione solo se letto al contrario.

Il risultato non sarà certo un capolavoro, ma va comunque riconosciuto il coraggio di aver affrontato con piglio decisamente sbarazzino un argomento tanto caldo allora come in passato e tantopiù oggi.

Vittorio “Vikk” Papa e Domenico Francesco Cirillo

Ciapa ciapa marucchein

Ciapa ciapa marucchein
(ciapa ciapa marucchein)
Ciapa ciapa ‘o marucchi’
(ciapa ciapa ‘o marucchi’)

Ciapa ciapa marucchein
(ciapa ciapa marucchein)
Ciapa ciapa ‘o marucchi’
(ciapa ciapa ‘o marucchi’)

Ciapa ciapa marucchein
(ciapa ciapa marucchein)
Ciapa ciapa ‘o marucchi’
(ciapa ciapa ‘o marucchi’)
‘o padrone cia’ futtute
(’o padrone cia’ futtute)
Ciapa a stu’ curnuto
(ciapa ciapa a stu’ curnuto)

Grida grida alla città
(grida grida alla città)
E lo stato cosa fa?
(e lo stato cosa fa?)
Non cerchiamo carità
(non cerchiamo carità)
Ma soltanto libertà
(ma soltanto libertà)

Siamo noi
Che lasciamo casa
Donne e uomini
Che non si scoraggiano
Mentre noi
Come tetto e alberi
Siamo noi
Noi noi noi
Figli di un re

Ciapa ciapa marucchein
(ciapa ciapa marucchein)
Ciapa ciapa ‘o marucchi’
(ciapa ciapa ‘o marucchi’)
‘o padrone cia’ futtute
(’o padrone cia’ futtute)
Ciapa ciapa a stu’ curnuto
(ciapa ciapa a stu’ curnuto)

Dateci
Almeno un po’
Di questa neve noi
Poi sarà domenica
Liberi
Senza compromessi
Noi siamo noi
Solo noi figli di un re

I più letti

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Carmen Russo – Nuda (1985 – 7″)

Il 1985 di Carmen Russo sembra scandito dal ricordo di spiagge esotiche come la tastierina nell’intro del pezzo ci suggerisce; un’atmosfera frizzantina e leggera....

Momo – Fondanela (2007, CD singolo)

Eccoci di nuovo a parlare del Festival di Sanremo. Questa volta però non vi parleremo di “artisti” partecipanti, di vincitori e di vinti, ma...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato é quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato é quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...