Home Big della Musica The True Symphonic Rockestra - Concerto In True Minor (2008 - CD)

The True Symphonic Rockestra – Concerto In True Minor (2008 – CD)

L'incredibile storia dei 3 tenori rock guidati dal cantante dei Dream Theater

-

True Symphonic RockestraFino ad ora il 2008 non ci aveva regalato grandi emozioni, ma questo “Concerto In True Minor” ad opera della True Symphonic Rockestra si candida ad essere uno dei massimi picchi dell’anno in fatto di cattivo gusto.

Qualcuno la chiamerà metal extravaganza, ma in realtà si tratta di un disco assolutamente divertente (a suo modo) che vi regalerà un’oretta di risate garantite.

Immaginate una raccolta schizofrenica composta da arie tratte da famosissime opere liriche (“Nessun Dorma” già ripresa anche dai Manowar, “Libiamo Ne`lieti Calici”, “La Donna e Mobile”), estratti di famosi musical come “Cats” e “West Side Story”, ultranoti classici del pop internazionale (“My Way”, “Moon River”, “Singin’ In The Rain”), brani tradizionali (“Cielito Lindo”) e canzoni della tradizione napoletana (“Tu, Ca Nun Chiagne”, “O Sole Mio” e “Funiculi Funicula”) interpretati da due tenori (veri) come Thomas Dewald (docente all’Università di Mainz) e Vladimir Grishko (Ministro della Cultura in Ucraina) e dalla superstar James LaBrie (voce dei prog-metallers Dream Theater) che in questo contesto appare completamente fuori posto e ridicolizzato dai primi due, non solo per quanto riguarda il fattore strettamente tecnico, ma soprattutto per la sua pronuncia italo-napoletana scandalosa.

Quello che affossa completamente il progetto sono però gli arrangiamenti piatti, eccessivi e fastidiosi ad opera di Dirk Ulrich come se bastasse una doppia cassa ad elicottero a creare una brano heavy metal credibile.

Oltre a toppare in pieno il lato musicale, il maestro tedesco ha la cattiva idea di piazzare il suo faccione in copertina e in tutte le foto promozionali al fianco dei tre interpreti, ribattezzati per l’occasione Rock Tenores, per tacere dell’artwork dozzinale e del nome di questo bislacco progetto, degno del peggior Joe De Maio.

Senza tanti giri di parole uno degli album più divertenti che mi sia capitato di ascoltare ultimamente, peccato che questo non fosse l’obbiettivo del progetto.

Tracklist:
01. Nessun Dorma

Tribute to Hollywood (Medley)
02. My Way
03. Moon River
04. Singin’ In The Rain

05. Granada
06. Tu, Ca Nun Chiagne

Cat Stories From the West Side (Medley)
07. Ochi Tchorniye (trad.)
08. Memories (Cats)
09. Cielito Lindo (trad.)
10. Tonight (West Side Story)

11. Libiamo Ne Lieti Calici
12. La Donna E Mobile
13. Non Ti Scordar Di Me
14. O Sole Mio

Solo Songs
15. Dein ist mein ganzes Herz
16. With A Song In My Heart
17. Dorogoi Dlinnoyu (trad. Russian version)

Around the World (Medley)
18. America (West Side Story)
19. Funiculi Funicula
20. Brazil

21. Pourquoi Me Réveiller

I più letti

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Donato Mitola: l’ineffabile cantante di Mai Dire TV

Aggiornamento maggio 2018: Abbiamo avuto conferma da ex colllaboratori di Donato Mitola che purtroppo l'istrionico performer è scomparso qualche anno fa. Siamo ancora alla...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

8 COMMENTI

  1. Molto bello, anche se a sprazzi viene meno l’arrangiamento rock e si respira un po’ un’aria “Pavarotti & friends” 🙂

  2. Difatti mi chiedo come James possa essersi lasciato coinvolgere da una puttanata simile dove, oltretutto ci fa pure una figura barbina.
    Money… I suppose.

  3. Che dire? Veramente imbarazzante sentire cantare LaBrie in un penosissimo italo-napoletano. Gli arrangiamenti (?) sono scandalosi…tutto è scandaloso ed imbarazzante. E' un disco da una parte INDECENTE da una parte divertentissimo. Che figuraccia!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...