Home Musica Strana The Fish Police – The Marzipan Transformations (2013 - CD)

The Fish Police – The Marzipan Transformations (2013 – CD)

-

The Marzipan TransformationRiuscite a pensare a qualcosa di più incredibile di un gruppo con un rapper che balbetta e con un chitarrista che sposta le dita una ad una prima di fare ogni accordo?

Loro sono i The Fish Police, il più pazzo combo musicale d’oltremanica dove i succitati rapper e chitarrista sono due ragazzi autistici, adulti vulnerabili estremamente arguti che hanno scritto il disco hip hop più imprevedibile degli ultimi anni.

“The Marzipan Transformations” sembrerebbe una raccolta di quelle canzoncine che si scrivevano alle medie per prendere in giro i professori dove la profondità dei testi non va molto oltre i gusti alimentari e le puzze corporee; la cosa che rende grande questo disco è che a lavorare alle idee di Dean Rodney e Matt Howe c’è la Heart and Soul, una Onlus inglese che favorisce le iniziative artistiche di ragazzi affetti da vari tipi di disturbi dell’apprendimento e non lo fa cercando di commuovere con patetismi vari (pensate a certe iniziative equivalenti italiane) ma facendo della fottutissima, spassosissima autoironia.

Fish Police band

E così ci troviamo di fronte a un piccolo carro armato del nonsense, un disco colorato e bambinoide dove puoi sentire un’ode ai Chicken Nuggets che sembra una sorta di r’n’post-punk talmente slabbrato e “sbagliato” da risultare irresistibile, o un brano electro-dark su una ragazza giapponese che passa troppo tempo in biblioteca (“Se la farà la doccia? Chissà come puzza”), per arrivare alla muzak corale di “Coco Butter” o a quel pazzesco mix di Contortions e jingle dei cereali che è “DJG”. E se la cosa vi incuriosisce “Fishwater” ha un bel video che vi spiega come entrare nel club dei Fish Police:

Un disco hip hop che non fa niente per suonare figo, un pastiche bubblegum-gangsta e anti-sexy, infarcito di elettronica giocattolosa, suonato e prodotto con gran fantasia da gente che ha lavorato (e si sente) con Grace Jones, un sound eclettico e mutevole che porta alla mente De la Soul, Beastie Boys, Gorillaz, Kraftwerk e un non so che di Talking Heads (se David Byrne non ha ancora prodotto un loro disco è perché evidentemente ancora non li conosce), ma la cosa più bella è che in mezzo a una produzione così scintillante risaltino perfettamente le imprecisioni dei due, la voce un po’ fuori tempo, i testi incoerenti, la chitarra che ronza, come a rimarcare che i due non son qui a farsi compatire da nessuno, sono fighissimi e lo sanno: una clamorosa lezione d’attitudine per tutti, senza dover andare a Chissadove’s got Talent o a commuovere il web, questi salgono sul pulmino e suonano nei club, facile.

Ah, compratelo per favore, i vostri soldi finanzieranno altre iniziative simili, e ce ne sono di fighissime.

I più letti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...