Home VIP Canterini Simona Tagli - Uhmm... Bellissimo (1992 - 12")

Simona Tagli – Uhmm… Bellissimo (1992 – 12″)

Simona Tagli alle prese con la musica dance in un testo scritto da Cristiano Malgioglio

-

Simona Tagli - Uhmm BellissimoSimona Tagli: tanta roba direbbero in molti. In effetti la bionda showgirl milanese ha rappresentato un must nel panorama di bellezza televisivo del periodo a cavallo tra gli anni ’80 e gli anni ’90. Tutti noi infatti ricordiamo le sue partecipazioni ai varietà di prima serata e mattutini targati Rai e Fininvest, in cui la bella Simona ci ha deliziato della sua presenza e della sua oggettiva simpatia, impreziosita dalle chilometriche gambe e da panni spesso succinti o aderenti che ne mettevano in risalto le forme: dall’eterno Drive In a Il Grande Gioco dell’Oca, passando per Domenica In, Piacere Raiuno e Il Grande Gioco del Mercante in Fiera, su Telemontecarlo.

Non poteva anch’ella avere un trascorso canterino? Ovviamente sì. Pochi se ne ricordano, ma noi di Orrore a 33 Giri lo abbiamo rispolverato. Tutto ebbe inizio nel 1992 sotto l’egida dell’etichetta Azzurra Records: un singolo dance intitolato Uhmm….Bellissimo, ennesimo tentativo da “o la va o la spacca” di sfruttare il traino della “bella bionda” di turno e racimolare soldi da qualche passaggio in TV, radio o discoteca. Il pezzo è in effetti senza pretese, caratterizzato da un sound tipico del periodo, con tastierate à gogo, effetti elettronici, accenni di cassa dritta e l’immancabile testo rappato (male) dall’artista, alternato a dei maliziosi urletti di piacere e tonalità sensuali che si ripetono nel ritornello, Uhmm… Bellissimo. Nulla più per una canzone che non riesce neppure ad arrivare a una lunghezza di 3 minuti, probabilmente vista la povertà dell’intero progetto, nonostante (se si può dire così) la mano di Cristiano Malgioglio, il cui unico pregio è quello di essere presente nella mitica Fiky Fiky Compilation.

Senza nulla togliere alle velleità artistiche di Simona, la preferivamo mille volte in versione sexy showgirl e, in effetti, digitando il suo nome su YouTube troviamo diversi estratti di inquadrature delle sue mise ma pochi riferimenti alla sua carriera canora. Qualche anno fa ha deciso di abbandonare il mondo dello spettacolo per aprore un salone di bellezza per mamme e bambini, non prima di averci regalato un fetente disco di cover  per San Valentino. In ogni caso noi la ringraziamo per averci lasciato questa perla di orrore anni ’90 e la ricordiamo sempre scosciata e con affetto.

I più letti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

1 COMMENTO

  1. Adesso la Simona si è candidata a Milano con la destra; in quanto a questo brano, meglio astenersi perché scivoleremmo nel pecoreccio, e ci basta e avanza la commediaccia comicarola-scoreggiona stile Lino Banfi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...