Home Sesso e Musica Renato Zero - Al Cinema (1991)

Renato Zero – Al Cinema (1991)

-

Renato Zero Al CinemaNel novembre 1991, all’indomani del trionfale Sanremo di “Spalle Al Muro” e in pieno ritiro dalle scene, Renato Zero dà alle stampe “La Coscienza Di Zero”, ovvero un tuffo al cuore di pazzesche emozioni per tutti i sorcini del tempo che si trovano incisi brani che prima di allora appartenevano perlopiù alle notti di Zerolandia.

Così, con gli arrangiamenti originali e pressoché con gli stessi testi, si trovano insieme “Civiltà” e “Nafta”, l’intro de “Il Cielo” dai primi spettacoli sotto il tendone blu, la versione di “No! Mamma, No! / Mamma” che Renato cantò ad un Fantastico e svariate altre chicche perse nei cassetti (suoi) e nei ricordi (nostri) fino al più recente “L’Aquilone Piero” cantata al Teatro Argentina nel 1990 in occasione di una serata dedicata a Piero Ciampi.

Tra le tante canzoni spunta “Al Cinema” che va a pieno titolo nel filone più svagato dell’eclettica produzione zeriana, oltre che omaggio (benché originalissimo) alla sua amata Roma che per una volta viene cantata in maniera scanzonata e divertita.

La canzone è la storia di una persona qualunque che per “distrarsi un po’” va al cinema a vedere un film poco impegnato, ma chissà perché e chissà percome la proiezione si rivela un po’ movimentata, anche troppo, se ad un certo punto il clima si fa tanto bollente da essere impossibilitati alla fuga e alla fine si accoglie con gioia l’arrivo della polizia.

A suo modo geniale, peccato (almeno non mi risulta, ma accoglierei con gioia ogni smentita) non sia mai stata eseguita dal vivo.

Frase cult (altro che Pupo): “Scusi, un gelato. Dio mio, com’è salato”.

Al Cinema

Roma che per molti sei l’America
Zeppa di affaristi e di fast food
Fra il traffico lo smog e la politica
Non ti si vive più
Che spettacolo un tempo tu
Quasi quasi me ne vado al cinema
Ho bisogno di distrarmi un po’.
“Coscia lunga con la lingua a forbice”
Ecco il film che fa per me a luce rossa
È pieno com’è un posto non c’è
Mi arrangio sto in piedi
La luce che va giù sono un po’ eccitato
Scusi un gelato dio mio com’è salato —
Si faccia un po’ più in la senta
Ma che fa tocca tocca tocca
È bollente il clima in questo cinema
Troppe mani vanno su e giù
Non capisco più qual è la gamba mia
Di chi sia quel braccio lì
Come avrò fatto a intrecciarmi così
Meglio andar via
La giacca è mia
Mi molli i calzoni
La luce che va su
C’è la polizia portatemi via
A luce rossa no non ti ho mai vista no
Roma, capitolina, ma che sporcacciona!

I più letti

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Donato Mitola: l’ineffabile cantante di Mai Dire TV

Aggiornamento maggio 2018: Abbiamo avuto conferma da ex colllaboratori di Donato Mitola che purtroppo l'istrionico performer è scomparso qualche anno fa. Siamo ancora alla...

Playlist – Le peggiori canzoni italiane del 2019

Tutto non scorre. Anche il 2019 ci ha presentato puntuali come negli ultimi anni un polpettone di suoni pescati dai soliti plug in di...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...