Home VIP Canterini John Wayne - America, Why I Love Her (1973, LP)

John Wayne – America, Why I Love Her (1973, LP)

-

John Wayne America Why I Love HerCosa c’è di più americano di John Wayne vestito da cowboy e una bandiera a stelle e strisce che sventola sullo sfondo? In effetti per chiarire ulteriormente il concetto avrebbero potuto aggiungere il monte Rushmore e la Coca Cola.

Quando parliamo di retorica vuota e patriottismo spicciolo gli americani non hanno praticamente concorrenza e questo America, Why I Love Her non fa altro che confermarcelo. Al confronto il grandeur francese, lo snobismo inglese o la retorica sovietica sono roba per dilettanti.

Immaginate un sottofondo country e la voce calda e spigolosa di John Wayne, il non plus ultra dell’essere americano, che ci racconta quanto ami il suo paese e quanto sia straordinario il popolo americano. Brividi!

È bene ricordare che l’attore oltre ad aver impersonificato l’ideale americano di coraggio, onestà e amore per la patria, ebbe anche un ruolo sociale non certo secondario dichiarandosi a favore dell’allontanamento da Hollywood di tutti i comunisti (veri o presunti) durante l’era McCarthy, o peggio quando durante la guerra del Vietnam pontificava dalla sua comoda villa sulla necessità del conflitto e del sacrificio per la madre patria… Proprio lui che non solo non aveva mai combattuto per la sua amata nazione (eh caro John, i film con le pistole giocattolo non valgono), ma neppure aveva mai fatto il servizio militare!

John Wayne, guardandosi bene dal cantare una singola nota, si limita a riempirsi la bocca  di frasi traboccanti di patriottismo e valori americani, raccontandoceli con l’ausilio di un’orchestra e con la speranza di ravvivare l’amore per la nazione, distrutta all’inizio degli anni ’70 dallo scandalo Watergate e dilaniata da una guerra insensata.

Il risultato è patetico, adessere buoni. America, Why I Love Her condensa una mezz’ora di noia davvero rara, salvo che non siate dei collezionisti impulsivi del Duca. Purtroppo il disco suona modernissimo nella sua vacuità, giacché i patrioti a stelle e strisce di oggi (ma non solo loro) continuano a giocare la carta della tronfia retorica fatta di parolone senza alcun contenuto.

Tracce:
A1. Why I Love Her
A2. The Hyphen
A3. Mis Raices Estan Aqui (My Roots Are Buried Here)
A4. The People
A5. An American Boy Grows Up
B1. Face the Flag
B2. The Good Things
B3. The Pledge of Allegiance
B4. Why Are You Marching, Son?
B5. Taps

I più letti

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Donato Mitola: l’ineffabile cantante di Mai Dire TV

Aggiornamento maggio 2018: Abbiamo avuto conferma da ex colllaboratori di Donato Mitola che purtroppo l'istrionico performer è scomparso qualche anno fa. Siamo ancora alla...

Playlist – Le peggiori canzoni italiane del 2019

Tutto non scorre. Anche il 2019 ci ha presentato puntuali come negli ultimi anni un polpettone di suoni pescati dai soliti plug in di...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...