Home Sesso e Musica Eva Robin's - La Rosa (2002 - 12")

Eva Robin’s – La Rosa (2002 – 12″)

Il ritorno di Eva Robin's alla musica

-

Eva Robin's La RosaEva Robin’s, famosa personalità televisiva e cinematografica italiana nota a causa della propria ambiguità di genere, sfrutta il passaggio di millennio per regalarci la sua prima avventura discografica semi-autografa e seconda in totale dopo “Disco Panther”, polpettone disco-dance datato 1978 caratterizzato da un’estetica tra Sylvester e Amanda Lear, attribuito a Cassandra.

Il singolo, datato 2002 e presentato in tre differenti arrangiamenti più una radio edit, proviene dalla compilation fashion house L’Inde² Le Palais ed è un ulteriore frullato macrobiotico degli stili allora in voga, in bilico sulla linea di demarcazione tra elettronica e chill out.

Eva Robin's La Rosa
Eva Robin’s

L’apporto artistico della soubrette non pare aver affrontato alcun mutamento tangibile dal 1978: vocalmente nullo, il nostro Roberto Coatti (questo il nome di Eva all’anagrafe) si destreggia monotono su di un testo in spagnolo privo della distinzione tra strofa e ritornello, esibendosi in una performance scadente musicalmente ma ottima per una traccia destinata a far da sottofondo in un lounge bar.

Contestualizzata nel suo Zeitgeist, La rosa è un esempio lampante di quale fosse lo stato del mercato discografico che ha caratterizzato gli ultimi anni ’90 ed i primi ’00, una bolla di sapone destinata ad esplodere piena di piccoli artigiani dell’arte che hanno costruito la propria carriera sui metodi obliqui di guadagno attraverso la SIAE.

Oggi, per gli amanti del genere, rimane solo l’unica canzone (o quasi) della transessuale italiana più famosa.

 Simone Caronno

I più letti

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...