Home VIP Canterini Edo feat. Tj Crash - Vai Di Pietro Vai! (1993 - 12")

Edo feat. Tj Crash – Vai Di Pietro Vai! (1993 – 12″)

-

Edo feat TJ Crash Vai Di Pietro VaiA Striscia la Notizia di personaggi ragionevolmente inutili ed estemporanei ne abbiamo visti parecchi. Uno dei primissimi, se non il primo in assoluto che possiamo annoverare in questa categoria fu Edo, palestratissimo “velino” dalle movenze robotiche imparate guardando David Zed alla televisione, che compariva con regolare casualità all’interno del programma satirico, molto spesso durante la sigla di chiusura.

A oggi non c’è dato sapere perché questo culturista sia finito nella gang di Antonio Ricci e quale fosse il suo ruolo preciso, ma tanto è bastato perché in piena tangentopoli il nostro decise di incidere un disco per additare i ladri venuti improvvisamente allo scoperto grazie alla magistratura.

Il brano non poteva evitare di tirare in ballo il magistrato italiano più famoso del secondo dopoguerra, all’epoca figura chiave del pool investigativo di Mani Pulite. Curiosamente il titolo “Vai Di Pietro Vai!” è la traduzione italiana di “Di Pietro Let’s Go”, altra perla sonora figlia della nascente seconda repubblica regalataci dall’allora sconosciuto Pino Campagna.

Sotto l’ala protettrice del concittadino Slang, sfigatissimo social-rapper della provincia di Padova, che ricordiamo per averci regalato un disco di rara bruttezza come “Autodifesa Mentale”, il nostro Edoardo “Edo” Soldo si getta nella mischia con un 45 giri confezionatogli da Tj Crash, stretto collaboratore proprio di Slang, che non trova di meglio se non scopiazzare a piene mani dal suond dei Black Machine: base eurodance con forti innesti funk e immancabile parte rappata.

Edo feat TJ Crash Vai Di Pietro VaiCon un maestro come Slang non c’è da meravigliarsi di quanto sia imbarazzante la prestazione di Edo come rapper, non a caso direttamente proporzionale alla sua credibilità come MC, che non riesce a fare molto di più se non farfugliare in un microfono manciate di populismo spicciolo contro i politici corrotti, impreziosito da un “piacevole” accento padovano.

Una cosa è sicuramente ammirevole: il ritornello affidato a voci femminili, che noi vogliamo immaginare siano le “veline” Cecilia Belli e Laura Valci in copertina, che ripete insistentemente “Vai Di Pietro, tu ce la farai! / Vai Di Pietro che li inchiapperai!”; una rima di tal caratura non era davvero facile da concepire.

I più letti di oggi

3 COMMENTI

  1. Per la precisione, Slang è di Cittadella (se nel frattempo non l'hanno cacciato), mentre Edo è di Bassano del Grappa (di persona è simpatico e sembra quasi una persona normale)Andrea

  2. Per quand mi goncern non poss discostarmi dal ridenere evidende l'imbordanz di una certa guldura popolar che finango mi riguard.Gerto è che breferirei ghe gerte bassioni si draducessero in un maggior imbegno a livello givile e bolitico in grado, al limite, di dsdrutturare il sistema esistend. Il dutto, naduralmend, in direzione di guella demograzie che fino ad oggi gi è stata negata da ghi sabbiamo.Guindi, gontinuate a votare me… e vedrete che gualgosa cambierà davvere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

SEGUICI SU INSTAGRAM @ORROREA33GIRI