Volare cantata da David Bowie sa di jingle pubblicitario ma ci piace

È il 1986, l’anno di Chernobyl. La gente si tinge e cotona i capelli, scoppia la guerra in Libia, Silvio Berlusconi acquista il Milan e David Bowie coverizza Volare.

Perché?

Sicuramente è un periodo di grandi cambiamenti storici e sociali ma un motivo vero per questa cover non c’è.

Diciamo che il pezzo viene inserito nella colonna sonora di Absolute Beginners che solo con mezzo trailer dovrebbe farti venire voglia di mollare quello che stai facendo per vederti tutto il film.

Ma ci tengo a ringraziare personalmente Davidino.

Lui, immenso come sempre, chiude una cover elegante e per nulla kitsch nonostante l’accento random.

dabid bowie absolute beginnersPrende il meglio di quella musica e la trasforma in un prodotto quasi pop: un po’ jingle pubblicitario, un po’ segreteria telefonica da numero verde.

Ma torniamo alla ricerca del motivo valido per cui una divinità come Bowie si mette a cantare la canzone italiana più famosa al mondo. Ho ascoltato il pezzo in loop e ho rielaborato un’unica spiegazione possibile: Volare, o meglio Nel blu dipinto di blu di Domenico Modugno cantata da David Bowie è la vendetta personale dell’artista verso tutti quei cafoni che gli autogestiscono il cognome chiamandolo Baui.

«Mi sbagliate il cognome? E Io vi canto in italiano come Filippo Nardi del GF», ma quasi 20 anni prima.

Bravo David, sempre sul pezzo. Di un altro.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!