Home Cinema e TV Amedeo Minghi - Fantaghirò (Colonna Sonora) (1991, CD)

Amedeo Minghi – Fantaghirò (Colonna Sonora) (1991, CD)

La colonna sonora del celebre sceneggiato televisivo degli anni '90 ha un autore d'eccezione

-

Amedeo Minghi Fantaghirò Colonna sonoraSu Orrore a 33 Giri ci occupiamo principalmente di fenomeni cult. Immaginate la nostra felicità quando abbiamo scoperto che tutti gli episodi di Fantaghirò sono stati finalmente resi disponibili su Infinity, la piattaforma di streaming di Mediaset che consente di vedere migliaia di contenuti video (film, serie TV e programmi) sia nuovi che tratti dal loro immenso catalogo. Il motivo principale della nostra gioia è stato ovviamente il fatto che finalmente avremmo avuto un pretesto per affrontare un disco che da sempre volevamo recensire: la terribile, meravigliosa colonna sonora del più celebre sceneggiato italiano fantasy degli anni ’90, composta nientepopodimeno che dal Maestro Amedeo Minghi.

Prodotto da Fininvest e diretto da Lamberto Bava (figlio e nipote d’arte e vero maestro del cinema dell’orrore), il primo film di Fantaghirò andò in onda in due episodi il 22 e 23 dicembre 1991 lanciando la carriera dei due giovani Alessandra Martines (nel ruolo di Fantaghirò appunto) e Kim Rossi Stuart (nel ruolo del bel Romualdo). Il successo fu talmente strepitoso (fu il programma più visto della serata con oltre 6,5 milioni di spettatori e uno share del 27,50%) che vennero commissionati negli anni successivi altri quattro film, sempre divisi in due episodi. A dire il vero Kim Rossi Stuart dopo il terzo film dichiarò di non voler più vestire i panni di Romualdo quindi, come vuole la tradizione, fu fatto fuori con un banale espediente: fu trasformato nel mostro Fiodor a causa di un sortilegio del mago Darken. La scena finale in cui Romualdo ritorna ad avere le sue sembianze davanti allo specchio nel quarto film fu realizzata usando spezzoni dei precedenti film.

Amedeo Minghi Fantaghirò Colonna Sonora 1
Alessandra Martines nel ruolo di Fantaghirò

Arrivata al quinto capitolo, nel 1995 la serie si interruppe bruscamente a causa degli ascolti a quel punto non più soddisfacenti, lasciando un finale aperto (nelle intenzioni degli sceneggiatori ci sarebbero dovuti essere anche Fantaghirò 6 e Fantaghirò 7) e un’orda di ragazzine sognanti e amareggiate.

In effetti La serie lasciò un segno indelebile sulla generazione nata tra la fine degli anni ’70 e la prima metà degli anni ’80: ancora oggi un taglio a scodella su di una ragazza è visto inequivocabilmente come un chiaro richiamo all’iconica (e bruttissima) acconciatura di Fantaghirò, che un po’ principessa un po’ Giovanna d’Arco riuscì a incarnare in un colpo solo la più caparbia emancipazione femminile, l’assertività di una donna di potere e allo stesso tempo la scioglievolezza di una dolce storia d’amore. Impossibile per una preadolescente non identificarsi.

Amedeo Minghi Fantaghirò Colonna sonora
Kim Rossi Stuart nei panni di Romualdo

Oltre ai bei primi piani dei due attori principali però, gran parte della magia fu dovuta alla grande sapienza da maestrante del cinema di Lamberto Bava (dall’horror al fantasy il passo è breve), alla sceneggiatura talmente noiosa e demenziale da ritrovare una sua logica cristallina e dulcis in fundo alla maestosa e melensa colonna sonora di Amedeo Minghi, fresco della consacrazione nazional-popolare con Vattene amore, vero tormentone sanremese del 1990 entrato di prepotenza nella storia della musica pop italiana.

Badate bene, nessuna critica particolare da parte nostra, dopotutto stiamo parlando della colonna sonora di un film per la TV che ha come target la fascia femminile compresa tra i 5 e i 15 anni. Inoltre “maestosa” e “melensa” sono le due parole che descrivono esattamente la cifra stilistica del Maestro Minghi. Aggiungete una produzione interamente a base di strumenti sintetizzati (tastiere, archi, fiati, percussioni, tutto) e avrete una bomba a orologeria pronta ad esplodere nel vostro cuoricino in preda agli ormoni pre-teen.

Il disco è esattamente ciò che ti aspetteresti: ballatone di stampo pagano pseudo-medievale dai suoni finto-veri alternate a brani musicalmente più descrittivi della scena che devono accompagnare (Il re alla guerra, La fata e il topo, Le danze, Il soldato ubriaco, Il duello, La solitudine). Tutto rigorosamente strumentale (perdonateci ma “orchestrale” sarebbe stato davvero troppo), eccezion fatta per l’immancabile brano strappamutande posto in chiusura, Mio nemico, interpretato dall’eterna Rossana Casale.

Amedeo Minghi Fantaghirò Colonna sonora 3
Amedeo Minghi

La cosa più sorprendente di questo disco (forse l’unica) è che vale discreti soldini: se lo cercate online non lo troverete a meno di 30-40 Euro (tenuto male). Per fortuna in tempi recenti tutti i brani sono stati ripubblicati in diverse raccolte tra cui Il fantastico mondo di Amedeo Minghi che include anche diversi brani dagli altri capitoli del franchise tra cui la sigla finale della quinta stagione (l’unica cantata da Amedeo Minghi) e poi giustifica il titolo integrando le colonne sonore di Desideria e Sorellina, squallidi cloni sempre prodotti da Fininvest, diretti sempre da Lamberto Bava e musicati da Minghi che cercavano di bissare il successo di Fantaghirò fallendo miseramente.

Amedeo Minghi Fantaghirò Colonna sonora 2Per i completisti non possiamo non citare Prinzessin Fantaghiro, la versione per il mercato tedesco (ebbene sì, la serie è stata un grande successo anche in Germania) e per finire Il fantastico mondo di Fantaghirò, l’unico ad oggi disponibile in digitale, che contiene il terzo e ultimo brano cantato dell’intera produzione di Fantaghirò, la nuova sigla interpretata in duetto da Minghi e Arianna Bergamaschi (sì, quella di Siamo forti).

Quando siamo tristi non possiamo non immaginarci Amedeo Minghi al pianoforte mentre è assorto a comporre la colonna sonora di Fantaghirò e improvvisamente ci sentiamo più felici. Dopodiché, per colmare quel vuoto che è un po’ parte di tutti noi andiamo su Infinity e ci  facciamo un bel binge watching della serie completa di Fantaghirò.

Tracce:
01. Il Re alla guerra
02. Il Principe e Fantaghirò
03. La solitudine
04. Il duello
05. Il soldato ubriaco
06. Le danze
07. Il Principe
08. Fantaghirò
09. La magia
10. La Regina (la morte il dolore il pentimento)
11. La fata ed il topo
12. Mio nemico

I più letti

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Le 5 migliori canzoni dedicate a Sandro Pertini

S e chiedete in giro quale sia stato il Presidente della Repubblica più amato dagli italiani (specialmente dai giovani) la maggior parte vi risponderà senya...

La sigla italiana di Lamù: un mistero irrisolto (forse)

Il caso della sigla italiana dell'anime Urusei Yatsura, meglio noto ai fan nostrani come Lamù, è uno dei grandi misteri della storia della musica...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Mesopotamia – Vaffanculo (Marco Masini cover) – (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

2 COMMENTI

  1. Fantaghiii-i-i- ro’
    Fantaghiii-i-i- ro’
    Fantasia con ghirigoo-o-oo-o-o-ro
    Nelle favole c’è l’o-o-o-o-oo-o-ro
    me la ricordo bene?

  2. Non sono molto d’accordo con quanto scritto nell’articolo. Questa colonna sonora è stupenda e alcuni brani sono davvero dei capolavori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (Marco Masini cover) – (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...