Raffaella Carrà ReplayRaffa, Raffa, Raffa… Che cosa mi combini? 70 anni e non sentirli. Piuttosto che pensare a una tranquilla pensione e ai nipotini, meglio mettersi tacchi alti, un vestito di paillette e scatenarsi sulla pista da ballo come una cougar che non fa prigionieri.

Inossidabile come la sua ossigenatura, Raffaella Carrà torna alla ribalta nazional-musicale con un nuovissimo singolo rumoroso e ignorante, perfettamente in linea con le ultime uscite della signora Ciccone, altra MILF (ri)convertitasi alla musica dance sulla via della mezza età allo spuntare delle prime rughe (prontamente combattute a suon di botox e bisturi).

Niente testo sciocchino da far imparare ai bambini né improbabili passi di danza da sfoggiare nelle occasioni più peculiari. Il ritorno in pista (da ballo) si materializza con un brano inutilmente tamarro che fa davvero a pugni con l’implacabile età anagrafica dell’interprete.

Raffaella Carrà Replay

Impavida di quanto possa apparire ridicolo, Raffa nazionale ci racconta delle sue improbabili scorribande nei vari locali notturni («In the club we fall in love, we stay out ‘till the morning comes») con una pronuncia inglese scandalosamente scolastica, su rime a doppio taglio («When we dress to impress, we forget about the stress») e ripetizioni convulsive («everyday everyday», «let it play, let it play») come la prima delle sgallettate alla ricerca disperata di 15 miniti di popolarità .

In tutto questo la grande assente è però la voce completamente scomparsa nonostante i malcelati trucchi da studio, con la signora d’Italia che si limita, di fatto, a parlare piuttosto che cantare.

Insomma, il perfetto prodotto dance scritto con il manuale del riempipista economico per vecchi artisti in cerca di un improbabile rilancio discografico, che magari con una botta di culo si avvera.

Nonostante faccia di tutto per farsi odiare, questa “Replay”, musicalmente piacevole coma la cacca di piccione sulla macchina appena lavata, è un trionfo camp da prima serata che pochissimi possono permettersi e che ci restituisce Raffaella Carrà quale indiscussa icona gay made in Italy.

9 COMMENTI

  1. Seguo da anni questo sito senza essere mai intervenuta (lurko, per dirla in gergo di Internet xD), ma dopo aver letto il SIMPATICISSIMO commento dell'anonimo di cui sopra non posso fare a meno di fargli notare che il suo atteggiamento si traduce in un ben noto modo di dire, e cioè "il bue che dice cornuto all'asino": non solo insulta (imbecille vallo a dire a tuo nonno, con tutto il rispetto per il nonno), ma accusa pure Vikk di non firmare il suo "merdoso servizio" (ehm, forse intendevi "articolo" o "recensione", amico anonimo? Non siamo a Studio Aperto… grazie al cielo. E comunque moltissimi scrivono articoli o recensioni firmandosi con pseudonimi, e non solo su Internet)… senza firmare il suo, di commento! xD Insomma, in due parole: EPIC FAIL.Chiedo scusa per l'intervento inutile (Vikk sa sicuramente difendersi da solo), ma quando leggo robe di questo tipo mi sale davvero il sangue al cervello. Colgo l'occasione per fare i complimenti al sito, che mi ha fatto e mi fa fare tante risate, e anche provare un po' di nostalgia del passato (sono praticamente cresciuta insieme agli 883 ^_^).Marina

  2. Ma vai a impiccarti e ficcateli nel culo i tuoi inutili servizi.Magari avessi fatto tu la carriera di raffa.Invece sei un misero fallito.

  3. Ora vado subito a richiederla alla Radio che ascolto!! Inossidabile Carrà. Ma forse questa canzone è solo un gioco per lei. G

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.