Home Illustri Sconosciuti Leo Leandro - Caramella (1993, 7")

Leo Leandro – Caramella (1993, 7″)

-

leo leandro caramellaNei primi anni ’90, con la fine della Democrazia Cristiana e prima dell’avvento delle Authority, probabilmente non c’era un garante che controllasse la legalità delle canzoni presentate al Festival di Sanremo.

Questo è l’unico motivo plausibile per cui il brano Caramella ce l’abbia fatta sino alla prima serata: nessuno se n’è accorto.

Leo Leandro, al secolo Leopoldo D’Angelo, con voce e vestiti da inguaribile maniaco, racconta della sua cotta per una minorenne. Da notare che all’epoca lui aveva solo 24 anni anche se dimostrava 40. Citiamo testualmente: «Hai sedici anni, ma guarda tu / ormai io li ho passati da un po’ / ma tu mi piaci troppo però / mangi troppe caramelle, gnam gnam gnam / scappi e lasci i brividi a pelle».

Parliamo poi dell’infallibile ritornello? «Caramella all’albicocca, guarda che bocca / caramella alla mora, guarda che bona / caramella stammi stretta, ma quanta frutta / ti chiedo un bacio e ti fai brutta / caramella alla pera, che merendera / caramella anche alla mela, che seno a pera / vieni a casa mia stasera / ma vieni sola, mi ridi in faccia e scappi via». Chicca finale, il mini assolo di oboe che esce sbagliato per la troppa emozione.

Sul lato B del 45 giri troviamo una versione “Techno Mix” che aggiunge assurdità all’incredibile. In casi come questo vorrei conoscere il DJ che abbia avuto il coraggio di mettere questo remix ad una sua serata e stringergli molto forte la mano.

Senza dubbio la canzone più brutta della storia di Sanremo. Soprattutto perché nessuno se n’è accorto. Volete la riprova di quanto scriviamo? Ecco cosa ne pensava nel 1993 il Corriere della Sera riguardo a Leo Leandro: «Al secolo Leopoldo D’Angelo, napoletano, classe ’69, oboista diplomato al Conservatorio, un tour con De Crescenzo, voce un po’ velluto un po’ vetriolo. Gioca la carta dell’ironia con un brano su una “sventola” sedicenne che “mangia troppe caramelle, ride e scappa via” lasciando “brividi a pelle”. Il ritmo dai colori fine anni 60 fa venire voglia di ballare.»

leo leandro con alba parietti nel 1993
Leo Leandro con Alba Parietti nel 1993

Leo Leandro si è poi trasferito a New York sparendo dai palcoscenici italiani, di lui ci rimane qualche raro video in cui canta al bar del paese ma soprattutto un canale Youtube con brani ricchi di pathos.

Caramella
(S. Jovine, Leopoldo D’Angelo e S. Jovine)

Esco dal portone e poi via
Sei sempre sotto lì casa mia
Che sventola, mi guardi e vai via
E poi ti giri, mamma mia
E mastichi qualcosa, cos’è, cos’è
Andiamo al bar, mi prendo un caffè
Tu prendi tante caramelle
Ti guardo e sento brividi a pelle
Caramella all’albicocca, guarda che bocca
Caramella alla mora, guarda che bona
Caramella stammi stretta, ma quanta frutta
Ti chiedo un bacio e ti fai brutta
Caramella alla pera, che merendera
Caramella anche alla mela, che seno a pera
Vieni a casa mia stasera
Ma vieni sola, mi ridi in faccia scappi via
La sveglia ormai non mi serve più
Uno squillo, e già io so che sei tu
Mi pensi, io ti penso di più
Hai sedici anni, ma guarda tu
Ormai io li ho passati da un po’
Ma tu mi piaci troppo però
Mangi troppe caramelle, scappi e lasci i brividi a pelle
Caramella all’albicocca, guarda che bocca
Caramella alla mora, guarda che bona
Caramella stammi stretta, ma quanta frutta
Ti chiedo un bacio e ti fai brutta
Caramella alla pera, che merendera
Caramella anche alla mela, che seno a pera
Vieni a casa mia stasera
Ma vieni sola, mi ridi in faccia scappi via
Caramella all’albicocca, guarda che bocca
Caramella alla pera, che seno, che merendera
Caramella stammi stretta, ma quanta frutta
Ti chiedo un bacio e ti fai brutta
Ma vieni sola, mi ridi in faccia e scappi via
Ma vieni sola, mi ridi in faccia e scappi via.

I più letti

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Donato Mitola: l’ineffabile cantante di Mai Dire TV

Aggiornamento maggio 2018: Abbiamo avuto conferma da ex colllaboratori di Donato Mitola che purtroppo l'istrionico performer è scomparso qualche anno fa. Siamo ancora alla...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

7 COMMENTI

  1. Il #1 della vostra classifica del peggio di Sanremo meritava giustamente un post approfondito, grazie.La canzone la ricordavo vagamente, soprattutto per il senso di fastidio generato da quelle rime forzate nel ritornello: pera l'ha gia' detta, allora fa la rima di pera con mela, e poi… "che merendera"? Bah.

  2. Ecco un nuovo caso per i detective Benson e Stabler 😀 😀 😀

    Tra l’altro l’interpretazione, unita al testo, mi dava l’idea del vecchio “rattuso” da bar sport, al terzo giro di Amaro Lucano alle 10 di mattina, che fa commenti sulle sbarbate di passaggio all’altro lato della strada. Insomma, ‘na roba di una triSSSSHHHtezza a palate! Communque…

    Quel “merendera” ha 2 possibili chiavi di lettura (e sono una peggio dell’altra):

    1) le rime, già forzatissime e tenute con lo spago, nascondono a malapena l’impietosa realtà di un testo buttato lì, svogliatamente, tanto per fare numero, perché ai mondiali di calcio come a Sanremo, non puoi fare i gironi con le squadre dispari… “Abbiamo già scritto PERA 52 volte in 4 righe; cos’è che fa rima con pera? Boh… Corriere della Sera, Ionosfera… Merendera!”

    2) Nel gergo codificato di Ted Bundy… ops… Leo Leandro… e del suo amico immaginario, merendera vuol dire chiaramente… Vabbè dai, avete capito 😉 ed è coerente allo “stile” del testo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...