Danny Chunga Fammi vedere la

Danny Chunga – Fammi Vedere La… (1994 – 12″)

Danny Chunga Fammi vedere laLa musica dance anni ’90 ci ha regalato tante perle di musica horribilis, probabilmente seconda solo agli abissi della dance maranza 2003-2004 che però era assai più noiosa.

Tra i pezzi degni di essere ricordati c’è sicuramente questo fantomatico progetto a nome Danny Chunga, rigorosamente battente bandiera tricolore. L’unico merito di questo singolo è quello di aver partorito probabilmente il brano più esplicito che sia mai arrivato nelle discoteche italiane, con buona pace di Rubix, Carolina Marquez e degli Art Of Love.

Se tutti gli altri si sono limitati ad ammiccamenti più o meno espliciti e doppi sensi squalloriani più o meno sottili, qui non c’è alcun filtro se non l’autocensura nel titolo.

Il brano è costruito per essere un sing-a-long in salsa techno da quattro soldi. Il testo non è molto fantasioso quanto esplicito, costruito attorno a una manciata di frasi che vorrebbere essere a effetto senza riuscirci, finendo nel demenziale:

Fammi vedere la… la… la… la tua fichetta.
Se dico succhia gridalo! Succhia! Succhia!
Se grido fotti gridami: fotti! Fotti!
Se stai godendo grida: ah! Ah!
I ragazzi che questa sera vogliono scopare
saltino e dicano: ooooh!
Tutte le ragazze che del cazzo vanno pazze
saltino e dicano: yeah!
Se vuoi scopare grida oh! Grida! Grida!
Scopare la fichetta.
La tua fichetta, il mio pisello.
Dammi la fichetta.

La canzone è passata pressoché inosservata non senza qualche rammarico, perché l’idea di fondo avrebbe potuto anche funzionare se fosse stata coinvolta qualche pornostar (personalmente ci avrei visto bene Maurizia Paradiso), in quel caso il tutto avrebbe assunto una prospettiva differente.
Forse non è un caso che il lato B si intitoli “Pass The Toilet Paper”.
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!