Home Illustri Sconosciuti Clara Serina - Astronave Cioccolato (2014 - singolo e audiolibro)

Clara Serina – Astronave Cioccolato (2014 – singolo e audiolibro)

-

Clara Serina Astronave CioccolatoPer tutti quelli che come me appartengono alla generazione thirty something, cresciuti a pane e anime, non sarà difficile rievocare l’inconfondibile voce nasale, piena di arzigogoli melliflui tanto inutili quanto evocativi di Clara Serina, storica voce femminile (assieme alla sorella Guiomar) del gruppo I Cavalieri del Re, mitologico ensemble fondato da Riccardo Zara, interprete delle più belle sigle dei cartoni animati degli anni ‘80.

Per tutti coloro che invece hanno vissuto l’infanzia in una camera iperbarica, in un polmone d’acciaio, con la testa sotto la sabbia, o privi di una qualsiasi formazione siglo-musicale, o non hanno mai posseduto un televisore (o delle orecchie), perché troppo poveri o troppo brutti, o ancora perché sono attualmente in preda ad un attacco di Alzheimer precoce, o non hanno mai sentito parlare di Google, ricordo che il gruppo è stato uno dei più importanti di sempre per la realizzazione di sigle dei cartoni (Lady Oscar, Devil Man, Chappy, L’Uomo Tigre, Ransie, Yattaman… se non vi dicono nulla andate in cucina e mettete la mano in un frullatore acceso… ora!).

Per tutti gli altri che sanno di cosa sto parlando invece, sarà molto triste dover rendersi conto di quanto il tempo passi davvero in fretta e, purtroppo, in maniera impietosa. Infatti lo scoramento di fronte alla discografia solista della nostra è direttamente proporzionale alla stima di cui godono I Cavalieri del Re: ovvero immensa.

Appare chiaro che dopo l’inaspettato revival nei confronti del gruppo a partire dal 2006, in seguito alla reunion sul palco del Lucca Comics, l’interprete debba essersi sentita galvanizzata.

La nostra non solo ha prodotto “Merry Christmas”, uno degli album natalizi più brutti che la storia della discografia italiana (e non solo) ricordi, ma anche una serie di singoli benefici dalla prevedibilità disarmante, ma andiamo con ordine.

La gemma più sconcertante di tutta la sua discografia è il singolo “Astronave Cioccolato”, raro esempio di come una base in stile musical “Hair” dagli inappropriati risvolti reggae sia totalmente inaccostabile al testo. L’autore deve averlo concepito pensando (o magari sperando) che il pubblico fosse stato ibernato per 30 anni, saltando a piè pari tutta l’evoluzione cantautoriale in Italia, risvegliandosi stamattina nella convinzione che sia ancora il 1981.

Non c’è altra spiegazione perché nulla risulta più datato di questo brano, infarcito di parole quali “tiranno”, “supersonici” (usata ben sei volte in una canzone di 2:30). Ma ecco l’apoteosi del ritornello:

E mangiamo cioccolato
Tutte caramelle e gelato,
ti risvegli come dentro un sogno
non segui più la gravità
E mangiamo cioccolato
anche fuori sei emozionato….

E ho detto tutto.

Nonostante tutto, da bravi nostalgici quali siamo, a Clara perdoniamo tutto, fintanto che ci regalerà le sue melodie senza tempo, facendoci sentire ancora una volta come se fossimo davvero negli anni ’80.

I più letti

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Carmen Russo – Nuda (1985 – 7″)

Il 1985 di Carmen Russo sembra scandito dal ricordo di spiagge esotiche come la tastierina nell’intro del pezzo ci suggerisce; un’atmosfera frizzantina e leggera....

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

Roby Facchinetti – Dea (Inno Ufficiale Atalanta B.C.) (2007)

Se la cosa, per i più, fosse passata inosservata, sono certo che rivelando che Roby Facchinetti abbia scritto e cantato l'inno dell'Atalanta Bergamasca Calcio...

2 COMMENTI

  1. Ho fatto una puntatina su Google prima di scrivere perché non sapevo che la cantante fosse di origine brasiliana: ora ne ho la conferma, anche perché il nome della sorella, Guiomar, è tipicamente brasiliano e molto usato per le ragazze (la prima grande concertista di pianoforte brasiliana si chiamava Guiomar Novaes, ma quando da bambino sentivo i suoi dischi pensavo fosse un uomo, anche perché non c’erano foto sulle copertine).

  2. Se volete sapere TUTTO sulla storia dei Cavalieri del Re vi consiglio OPERA OMNIA, il box del loro trentennale con tutto il loro repertorio originale (8 cd!!!).
    All’interno c’è un libretto a colori di 60 pagine strapieno di notizie inedite, scoop e foto d’epoca introvabili altrove! 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato é quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...