Home VIP Canterini Raffaella Fico - Rush: The Album (2014 - CD)

Raffaella Fico – Rush: The Album (2014 – CD)

La prova musicale della ex Grande Fratello ed ex di Mario Balotelli.

-

Raffaella Fico Rush the albumCerte volte per riscuotere il proprio posto in tv bisogna essere pronti a tutto. In tempi in cui un bel faccino e un bel lato B non servono più di tanto, perché oramai prodotti di bellezza e chirurgia estetica sono alla portata di tutti, bisogna sapersi vendere e dimostrare che «oltre le gambe c’è di più» (cit.), facendo sfoggio di altre abilità.

Tra le fanciulle che affollano i programmi televisivi come vallette, miss e quant’altro, a un certo punto c’è sempre chi cerca di fare il salto di qualità, dandosi ora alla recitazione, ora all’arte coreutica, ora al bel canto. Una lezione questa che conosce molto bene Raffaella Fico, showgirl nata a Cercola, ridente cittadina della provincia di Napoli, che probabilmente ricorderete per aver messo all’asta la sua verginità o per aver avuto una figlia dal calciatore Mario Balotelli.

Viste le numerose problematiche legate alla paternità della sua bambina, inizialmente sembrò quasi che Raffaella volesse ritirarsi dal mondo dello spettacolo, puntando verso la svolta religiosa, con tanto di foto a mani giunte dinnanzi alla statua di Padre Pio uscite sulle varie riviste di gossip.

Ma il richiamo delle luci della ribalta era troppo forte, così la Nostra, dopo aver accantonato la precedente idea di darsi alla recitazione, decide giustamente di intraprendere la carriera di cantante. Nel 2014 esce quindi Rush, per l’etichetta Momy Records, dal quale viene dopo poco estratto il singolo omonimo.

Con un ritmo a metà tra pop e R&B, con tanto d’inspiegabile intermezzo in lingua arabeggiante, Raffaella Fico canta col suo filo di voce un po’ sexy una canzone della quale non si sentiva assolutamente il bisogno. Alla melodia senza infamia e senza lode si aggiunge infatti un testo dal sapore autobiografico in lingua inglese perché fa più “internescional” ma del quale la stessa interprete ha fornito una traduzione ufficiale, dal cui estrapoliamo chicche come «Lo sai che non posso, ho delle cose da fare! Sto rimettendo a posto i pezzi!» o anche «Sono di corsa, sono di corsa! Dammene un po’, mi serve un po’ di amore, sono di corsa!» ma soprattutto il «Yeah F-I-C-O» pronunciato a mo’ di rapper del ghetto, altro inutile preziosismo.

È facile capire come per qualcosa del genere non ci siano commenti da fare ma rimanga solo da chiedersi il perché Raffaella si sia lanciata in una tale impresa. Secondo fan e detrattori, comunque, la cosa migliore di Rush è il videoclip, giusto perché si vede la Nostra far sfoggio del suo gradevole personale – ricordiamoci che è sempre una gran bella ragazza – mentre ancheggia attorniata da ambigui ballerini.

Tracklist:

  1. Rush (radio edit)
  2. Déjà Vu
  3. Baby Boy
  4. #fico
  5. Is It You?
  6. Taking Over Me
  7. Twerk
  8. Ready To Get Back
  9. K.O.B.E.
  10. One Word

I più letti

La sigla italiana di Lamù: un mistero irrisolto (forse)

Il caso della sigla italiana dell'anime Urusei Yatsura, meglio noto ai fan nostrani come Lamù, è uno dei grandi misteri della storia della musica...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Roberto Angelini – Gattomatto (2003 – singolo)

È difficile parlar male di un bravo artista, ma questa “Gattomatto” riesce a ogni ascolto a mettermi addosso una tristezza impressionante, a cominciare da un...

Le 10 migliori canzoni dei film di Bud Spencer e Terence Hill

Abbiamo perso quello forzuto, grosso e bonaccione nel 2016 mentre quello biondo, belloccio e scaltro ci ha regalato l'ennesima pellicola fatta di cavalcate in...

1 COMMENTO

  1. La cosa che più mi spaventa della Fico son le sue tette, orripilanti, finte, fatte male con degli orribili capezzoli, la loro bellezza è inversamente proporzionale allo splendore del suo culo. Una grande artista, niente da dire, il suo disco fu un grande successo, ormai entrato a pieno diritto tra i classici del secolo che stiamo vivendo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato é quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...