D-Strutto - D-Retto

D-Strutto – D-Retto (2007 – CD)

D-Strutto - D-RettoSolo per caso mi sono imbattuto in D-Strutto, un rapper volutamente rozzo-demenziale che prende beatamente per il culo l’atteggiamento macho-maschilista che purtroppo infesta il mondo dell’hip hop italiano.

I brani del disco di debutto “D-Retto” (i doppi sensi non sono puramente casuali) sono quasi tutti ben fatti, ma quello che caratterizza D-Strutto è la voce resa roca in maniera palesemente caricaturale e soprattutto i testi infarciti di parole a dir poco triviali e insulti al gentil sesso, elevando al cubo i classici testi dell’ultima ondata di pantaloni extra large del belpaese come gentaglia tipo Fabri Fibra o Club Dogo.

Le highlight dell’album sono concentrate nei primi 4/5 brani: la programmatica incipit “Funky-Ulo”, l’estiva “Vattenammare” (se non fosse così piacevolmente maleducata sarebbe potuta diventare un facile tormentone radiofonico), “Primo Appuntamento” suddivisa in due parti antitetiche e “D-Sabato”.

Purtroppo dopo “Io Non Ballo La..” la qualità cala vistosamente e il finale pare un po’ raffazzonato con un paio di filler fin troppo palesi.

Nonstante il disco sia un po’ altalenante D-Strutto appare leggermente più accessibile rispetto al noto e tanto contestato Padre P-Yo, con il quale condivide la critica di base di certo hip hop, ma utilizza armi differenti per combatterlo anche se l’ironia è comune.

La cosa grandiosa è che il disco si poteva scaricare gratuitamente, mentre oggi ci si può solo affidare ad animali vari che pascolano nel web.

Tracklist:
01. Intro
02. Funky-Ulo
03. Vattenammare (feat. I Canterini)
04. Primo Appuntamento
05. D-Sabato (feat. ExoDJ)
06. Io Non Ballo La..
07. Scusate (feat. Marco Cinelli)
08. Strana Situazione (feat. SurfaIra – ExoDJ)
09. Pezzo Che Stacca (feat. MarvelMex)
10. Liberi di Fare (feat. DoubleGJ – Skuba)
11. Riccoglionito