Home Comica e Demenziale Gianfranco D'Angelo - Has Fidanken (1984 - 7'')

Gianfranco D’Angelo – Has Fidanken (1984 – 7”)

-

Gianfranco D'Angelo Has FidankenLa trasmissione di Antonio Ricci Drive In (1983-1988) ha ridefinito la comicità italiana degli anni ’80 dando vita a un gran numero di personaggi, situazioni e sketch rimasti nella memoria collettiva: per citarne solo alcuni, Zuzzurro e Gaspare, il Tenerone, Vito Catozzo, i quadri di Teomondo Scrofalo, il paninaro, il signor Armando… Chi era costui? Bastano due parole e tutti avranno già capito: “Has Fidanken”.

Interpretato da Gianfranco D’Angelo, Armando era un improbabile domatore che tentava inutilmente di far compiere al suo cocker (in realtà una femmina) mirabolanti esercizi. Per l’ilarità del pubblico in studio e a casa, questo se ne restava sempre bellamente immobile, non importa quante volte Armando ne strillasse il nome: «Has Has Has… Fidanken!».

Per quanto semplice e ripetitiva, la scenetta riscosse subito un grande successo, tanto da divenire un tormentone molto in voga in quegli anni. Quelli della Fininvest decisero di trasporlo in un singolo e sfruttare così la cassa di risonanza del programma. Il risultato è una delle poche incursioni nel mondo della musica di D’Angelo, non certo un cantante di professione.

Has Fidanken, pubblicato dall’etichetta Fontana nel 1984, è una canzoncina nonsense senza infamia e senza lode che ricorda molto le sigle dei cartoni animati di quegli anni, pianoline e coretti di bambini inclusi. Il testo, scritto addirittura da quattro autori (Enrico Vaime, Gian Carlo Nicotra, Roberto Satti – per gli amici Bobby Solo – e Romano Musumarra, che era anche l’arrangiatore), descrive il cane come una bestia incontrollabile, con perle come «Lo sguardo lui ce l’ha come Al Pacino», sempre nel segno della (pur debole) gag che sta alla base dello sketch.

Gianfranco D'Angelo Has Fidanken drive in Blitz
Has Fidanken sulla copertina di una rivista per adulti

Metà del minutaggio è occupata dal tormentone di cui sopra; stesso discorso anche per lo strumentale sul lato B del vinile, con un arrangiamento leggermente più italo disco e la comparsa di un’armonica sintetizzata, ma una ripetizione ugualmente ossessiva del nome dell’animale, letto in questo caso da una voce adulta.

Una roba tutto sommato inoffensiva, in futuro la corte di Ricci ci regalerà di molto peggio, basti pensare alla Bucatini Disco Dance. In fondo Drive In ha fatto la storia della televisione, mica quella della musica! Menzione speciale anche per la copertina giallo canarino su cui Gianfranco D’Angelo, col suo sguardo stralunato, sembra un incrocio tra Frederick e Igor, i due protagonisti di Frankenstein Junior.

I più letti

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Le 5 migliori canzoni dedicate a Sandro Pertini

S e chiedete in giro quale sia stato il Presidente della Repubblica più amato dagli italiani (specialmente dai giovani) la maggior parte vi risponderà senya...

La sigla italiana di Lamù: un mistero irrisolto (forse)

Il caso della sigla italiana dell'anime Urusei Yatsura, meglio noto ai fan nostrani come Lamù, è uno dei grandi misteri della storia della musica...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Mesopotamia – Vaffanculo (Marco Masini cover) – (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

6 COMMENTI

  1. Vorrei un’informazione, grazie: fra gli autori vedo anche Roberto Satti, che poi è il vero nome di Bobby Solo. Confermate?

  2. Per ringraziare dell’informazione, ve ne offro un’altra: il cane è in realtà una cockerina dal nome molto poetico, Baby dell’Aquila Bianca (il simbolo della Polonia, per la cronaca).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (Marco Masini cover) – (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...