Home Illustri Sconosciuti Sterling Saint-Jacques - Tutto È Blu (Blue) (1981 - 7")

Sterling Saint-Jacques – Tutto È Blu (Blue) (1981 – 7″)

-

Sterling Saint-Jacques Tutto È Blu (Blue)Sterling Saint-Jacques ovvero: come un paio di occhi blu (qualcuno ha detto lenti a contatto?) possono dare la celebrità.

Sicuramente la più bizzarra delle meteore cadute in Italia tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli ’80; proveniente dagli ambienti mondani di New York e assiduo frequentatore della mitica discoteca Studio 54 di Manhattan, si costruì una carriera come prezzemolino (ballerino, cantante e attore) privo di ogni talento se non una certa avvenenza.

Il nostro conquistò il suo quarto d’ora di celebrità spacciandosi per l’unico uomo di colore dagli occhi di ghiaccio. Trovata tanto idiota da risultare vincente.

Per qualche motivo a noi ignoto l’artista afroamericano riuscì a partecipare al Festival di Sanremo con questa “Tutto È Blu (Blue)”, stucchevolissimo brano bilingue (inglese e italiano), cantato con voce afona e un accento alla Mal dei Primitives.

Sterling Saint-Jacques Tutto È Blu (Blue)Profondissimo e autobiografico il tema trattato. Tutto è blu: la notte è blu, il mare è blu, il cielo è blu, il fiume è blu. Capirai che scoperta, colpa delle lenti a contatto colorate!

La canzone ebbe, incredibilmente, accesso alla finale, ma non finì in classifica. Nessun problema! Il nero più ariano che sia mai apparso in televisione, lungimirante come pochi, aveva un altro asso nella manica: cominciò ad esibirsi a torso nudo (e orridi pantaloncini) sui pattini a rotelle! Indimenticabile.

Dopo un manciata di insulse canzoncine disco-funk passate giustamente inosservate e soprattutto inascoltate di lui si perdono le tracce senza rammarico da parte di nessuno, spegnendosi presumibilmente nel 1984 dopo, si dice, aver contratto l’AIDS.

Barbara Ghiotti

Tutto È Blu (Blue)

All my life
I’ve waited for something real
Someone to make me feel
Warm inside
Trust in me
That’s all I heard you say
So i gave everything
And watched you walk away
Blue
Lovers come and lovers go
But memories remain
In blue
All the joy I came to know
Came and went with you
Everyday turns into everynight
Turns out that nothings right
Anymore
I believe someone will rescue me
But then that’s how we met
And now I came to be
Blue
Lovers come and lovers go
But memories are painted blue
All the joy I came to know
Came and went with you
And I’ll walk with you
And i’ll walk the lonely nights
Lost without a clue.

 

I più letti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

4 COMMENTI

  1. Io ho ballato con lui e rosa fumetto le vostre cattiverie nei suoi confronti vanno oltre ogni limite povero mondo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...