Home Big della Musica Zucchero feat. Mousse T. - Il Grande Baboomba (2004 - singolo)

Zucchero feat. Mousse T. – Il Grande Baboomba (2004 – singolo)

-

il grande baboombaDevo essere sincero: a me Zucchero sta(va) simpatico! Quell’aria da contadino della bassa strafatto e sempre tra il ciuco e lo stordito, con la dialettica pari a quella del Gabibbo dopo una bella serie di canne è irresistibile! Ma… un attimo… questo Zucchero è lo stesso che negli anni ’80 scriveva pezzi come “Solo una sana e consapevole libidine salva il giovane dallo stress e dall’Azione Cattolica” (da “Blue’s” del 1987) o un album come “Oro, incenso e birra” (del 1989 e ad oggi il disco più venduto della storia italiana, ma contenente un plagio: infatti il testo di “Il Mare Impetuoso” è opera del poeta Piero Ciampi, ma fu pubblicata inizialmente a nome Zucchero, solo dopo aver perso la causa intentata dalla famiglia del poeta scomparso il disco venne ristampato col nome del vero autore)? Qualcosa di davvero grave deve essere successo, o ha battuto la testa, o ha esagerato con qualche sostanza non troppo lecita… oppure il vero Zucchero è morto ed il suo posto è stato preso da un allevatore di Reggio Emilia.

Non riesco a spiegarmi l’involuzione sia a livello di musica (sempre più commerciale e spesso rubacchiata da qualche altro artista; dice niente Michele Pecora con cui Sugar Fornaciari ha collaborato all’inizio della sua carriera?) sia a livello di testi che da “Miserere” (del 1992, in cui è presente la memorabile canzone “Lecca Le Mie Pene” in cui, con estremo romanticismo, il cantante invita la sua partner a un rapporto orale) in poi sono andati via via sempre peggiorando (è anche vero che parolieri come Gino Paoli e Francesco De Gregori da allora non callaborarono più con l’imponente – non per via dell’altezza – cantante) e un album indecente come “Walzer d’un Blues” (1993) a nome Adelmo e i sui Sorapis qualche campanello d’allarme lo aveva suonato.

Personalmente pensavo che con “Baila Morena” avesse toccato il fondo, ma invece di risalire il signor Fornaciari ha cominciato a scavare e assieme a Mousse T. ha dato vita a questa porcheria semi-dance buona solo forse per il Festivalbar o per risolvere problemi intestinali senza ricorrere a medicinali o metodi empirici; “Tiro cioccolata, molta cioccolata” …come non crederci!

Il Grande Baboomba
Belli come me
Non ne fanno ancora
C’ho una cartola
Che fa’ pauraDove vai, dove vai
E prestami la faccia dai
Che devo fare brutta figura
E dopo vado a mille all’oraArriva la bomba, oh yeah, il grande baboomba per te
La rumba e la tromba, oh yeah, il grande baboomba per te

Sani come me
Non ne trovi in giro
C’ho una calamita
Per la sfiga

Chi e’ la star di questo show
E prestami la faccia oh
Che devo fare brutta figura
E dopo vado finche’ dura

Arriva la bomba, oh yeah, il grande baboomba per te
La rumba e la tromba, oh yeah, il grande baboomba per te

E scoppia la bomba, ole’, il grande baboomba e’ con te
E cala la mutanda, ole’, il grande baboomba e’ per te

My baby, mama, lives in New Orleans
Yeah, I’m a boogie man, she’s a queen
Sono un fenomeno e sai perche’
Tiro cioccolata, molta cioccolata yeah

It’s all right, it’s all right, it’s all right…

Arriva,arriva,arriva,arriva, arriva la bomba,oh yeah,il grande baboomba per te
La rumba e la tromba, oh yeah, il grande baboomba per te

E scoppia la bomba, oh yeah, il grande baboomba e’ con te

Che rumba e che tromba…
Che rumba e che tromba…
Che rumba e che tromba…

Il grande baboomba

I più letti di oggi

10 COMMENTI

  1. Concordo sull’involuzione di Zucchero dopo “Oro Incenso e Birra” e sullo scarso valore del “Grande Baboomba”, anche se ritengo che la più recente “Bacco Perbacco” non abbia nulla da invidiare al testo della canzone con Mousse T.

  2. LECCA LE MIE PENE, non “leccami le pene”, ignorante! 😉

    A parte questo, sono daccordo che Zucchero con gli anni è calato molto artisticamente (anche se in FLY c’è qualche bel pezzo).

  3. Non che sia mai stato un genio,ma in questi anni Zucchero stà peggiorando spaventosamente…ho il sospetto che il suo paroliere sia lo stesso dei Bee Hive (diventato nel frattempo un pò più sporcaccione…) vista la profusione di ritornelli in inglese (She’s my babe,You make me feel love…)nonchè dei vari Baby,It’s all right,oh Yeah,Under the moonlight, disseminati qua e la…

  4. Zucchero è così. I testi non sono mai stati la parte più brillante del suo essere artista. Se vi piace lo ascoltate, altrimenti lasciatelo perdere. A me piace. Specialmente il brano che fustigate è un qualcosa che ascolto spesso in auto, del tipo "finestrino giù e volume a chiodo". Ho passato i 50 e non mi vergogno. Anzi, se in macchina c'è mia figlia, è lei a chiedermi di rimetterlo. E invece di cercare involuzioni, provate a sorridere e gasarvi un poco. Fa bene al cuore. Ciao amaroni!!!!! Viva Zucchero.

  5. L’ultimo disco ê semplicemente un CAPOLAVORO. Poche volte nella musica italiana i concept son stati degni, lui ci è riuscito alla grande.

  6. Mi ricordo su un numero di ‘Mucchio Selvaggio Extra’ una microrecensione di ‘Zu&Friends’ nella quale, dopo aver doverosamente elencato tutti gli artisti che compaiono con lui nel CD, il recensore se ne esce con una frase finale da colpo di grazia: ‘Ci vuole talento a fregare della gente così’. Sottoscrivo in pieno.

  7. ‘E prestami la faccia dai/Che devo fare brutta figura’non e’molto originale come verso…infatti lo scrisse Dalla nella sua ‘Mambo’ del 1980 (‘Chiedi se qualcuno ti presta la faccia/stai facendo una brutta figura’)…lo stesso Dalla affermo’durante un’intervista con la Goggi che questa frase gliela disse un amico…qui l’intervista.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

SEGUICI SU INSTAGRAM @ORROREA33GIRI