Home Illustri Sconosciuti Tipinifini - Fever (1985 - 7")

Tipinifini – Fever (1985 – 7″)

-

Tipinifini - Fever (1985 - 7")Chi sono i Tipinifini, questi perfetti sconosciuti? Qualche reperto storico degli anni ’80? Ci siete vicini, ma è inutile che vi sforziate di ricordarli perchè il duo Paolo Baggi – Mauro Tondini (poi riciclatosi come produttore nel cui curriculum spicca un album di Alexia) non è mai diventato veramente famoso, benchè prodotto dalla mente oscura della musica italiana da fine anni ’70 fino ad oggi: Claudio Cecchetto.

Costruiti per cavalcare l’onda del successo della italo-disco come altri “artisti” della scuderia del famoso mentore pigliatutto (tra cui ricordiamo Tracy Spencer, Sandy Marton, i Via Verdi, Sabrina Salerno ecc.) purtroppo non se li filò nessuno nonostante i vani sforzi promozionali del produttore che fece diventare “Fever” la sigla di “Zodiaco”, fortunato quiz del sabato sera abbinato ai segni zodiacali in onda su Italia Uno e condotto dallo stesso Cecchetto (programma dove mossero i primi passi Marco “Mandi Mandi” Milano ed un giovane e magrissimo Gerry Scotti che compare fugacemente anche nelle vesti di un improbabile personaggio chiamato “Sterminator”, incaricato di “umiliare” i concorrenti che dovevano sottostare ad una penitenza) ma senza ottenere grossi risultati.

 

La canzone in sé non è peggio della media dei brani italo-disco del periodo, ma non ha neppure nulla che lo renda memorabile, un mezzo pastrocchio dall’appeal estivo con una pronuncia inglese piuttosto approssimativa; i risultati non migliorano girando il disco dove il lato b è più pompato e smaccatamente dance, ma ripetitivo e noioso come pochi.

Nonostante i riusultati non arrivassero il duo pubblicò l’anno successivo un album (di scarso successo) intitolato “Factory Of Fantasy” e il singolo “All Of My Life” che a sorpresa ottenne un buon riscontro negli Stati Uniti, ma questo non bastò per evitare l’oblio. Fortunatamente per Cecchetto i Tipinifini erano solo l’inizio della sua avventura da produttore discografico, di lì a poco sarebbe arrivato un certo Sandy Marton a salvare la situazione (e le vendite).

I più letti di oggi

8 COMMENTI

  1. non so se ti interessa ma sono al settimo cielo e lo racconto lo stesso: zeitgeist, il nuovo album dei pumpkins, uscirà il 7 luglio, mentre saranno in concerto all’heineken j.f. il 16 giugno!

  2. grazie x la news, ma alcune precisazioni:
    1- che c’entrano con il post?
    2- gli SM senza James Iha non potranno MAI essere gli stessi
    3- l’HJM non mi è mai piaciuto e poi io sto a Dublino… se passano di qua DEVO vederli assolutamente!
    4- non potevano scegliere un titolo più brutto!

  3. 1) mmm… nulla!
    2) non è detto, sono speranzoso
    3) nemmeno a me, però è quel che passa il convento, e poi quel giorno suonano anche gli aerosmith, che non sono male.
    4) ma è bello!!!!! 😀

    ciao!

  4. Patrocchio?? che significa?Volevi forse dire pastrocchio?? "…per "eviatre" alla band l'oblio" ???A questo punto tutta la musica è un'orroretranne i Pink Floid live…o un assolo di Mark Knopfler senza filtri dello studio di registrazione!!O forse per non essere catalogati tra chi ascoltò certi orrori è meglio ascoltare esclusivamente Ludwig van Beethoven ??Ovvio il resto a paragone è tutto un'orrore a 33 giri!!Come diceva il grande Totò.."MA MI FACCIA IL PIACEREEEE…!!!!!!!!

  5. Secondo me non sono malaccio dai… Se dovessero mettere FEVER come pubblicità a una marca autobobilìstica magari di un modello giovanile, ai giorni nostri potrebbe pure rifunzionare!

  6. Per correttezza Sandy Marton in casa Cecchetto pubblicò OK RUN nel 1983. così Come Taffy nel 1984 con Walking in to the daylight.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

SEGUICI SU INSTAGRAM @ORROREA33GIRI