Home Illustri Sconosciuti Romina Falconi - Magari muori (2019, singolo digitale)

Romina Falconi – Magari muori (2019, singolo digitale)

Il frizzante brano estivo prodotto dall'agenzia di pompe funebri Taffo traboccante di humor nero al limite del buono e cattivo gusto

-

Romina Falconi Magari Muori TaffoAnche e forse soprattutto nel mondo dello spettacolo, esiste una linea sottile a confine tra il buon e cattivo gusto, percorsa da taluni con maestria e da talaltri con imbarazzante indecisione: i primi sono gli artisti, i secondi le varie schegge impazzite che, tuttavia, al pari dei primi si aggirano disinvolti in TV, radio, social media etc.

Tra gli artisti, merita plauso e menzione Romina Falconi, originalissima cantautrice che da qualche anno si sta segnalando tra le proposte più alternative e nel tempo stesso di spessore della nostra canzone più giovane e meno istituzionale, la quale ha spesso percorso con equilibrio la linea di cui sopra, sia da sola, come in questo caso, sia accompagnandosi ad Immanuel Casto (in questo secondo caso, le veniva ovviamente più semplice, perché il casto divo nel cattivo gusto ci sguazza eccome).

Di qui, la recentissima e dissacrante Magari muori, dove Romina gioca con tutti i luoghi comuni del trapasso a miglior vita, in modo mai scontato ed anzi irriverente, senza mai essere volgare e disseminando qua e là numerose frecciate, scoccate contro atavici modi di pensare.

Così, dato che siamo in estate, eccoci servito l’invito a uscire solo nelle ore più calde e bere poco, magari restando esposti per ore al sole cocente, con sottile ironia verso i consigli televisivi in materia (coi TG in prima fila, che ogni estate replicano i medesimi servizi) oppure l’esortazione a mangiare e tuffarsi subito in acqua (alzi la mano chi non è stato ingannato dai propri genitori, che ci infilavano in bocca il panino con la nutella per farci poi stare buoni sotto l’ombrellone per ore) e via andando, comprese le partite allo stadio (rigorosamente nella tifoseria avversaria, ovviamente).

Al testo fresco e ironico (a tratti geniale, come quando il «chissà che il prete ti nomini a messa» molla un ceffone a tutte le persone che siccome “danno” la messa per i propri cari, poi s’incazzano se questi non vengono menzionati), si accompagna un bel ritmo e un ritornello molto gradevole, soprattutto estivo.

In tutto questo, merita menzione la Taffo, affermata azienda leader del… Ehm… Settore dei servizi post mortem, che patrocinia questo singoletto estivo traboccante di humor nero e già balzata alle cronache per pubblicità al limite del buono e cattivo gusto… In fondo, sempre quella è la linea di confine, no?

Magari muori

Edizione Straordinaria, è estate
Uscite solo nelle ore calde, bevete poco
Al mare sono ottimi i raggi UV
E l’olio di palma è salutare
Consigliato non vaccinarsi
Caro amico, mangiamo insieme
Fino a scoppiare, poi andiamo a nuotare
Andiamo allo stadio con aria di sfida
In mezzo agli Ultras ma dell’altra squadra
Brinda stasera e ridi di gusto
Che forse domani sei sotto un cipresso
Canta e balla che la vita passa
E chissà che il prete ti nomini a messa
Dille che l’ami anche se è impegnata
Cos’è mai una rissa di fronte alla vita?
Riporta al cielo il tuo corpo usurato
Per dare la prova che hai proprio apprezzato
Dai, goditi la vita che poi magari muori
E vivi al massimo da qui fino ai crisantemi
Non rimandare più che poi magari muori
Baciami e stammi addosso
Che…

I più letti

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

3 COMMENTI

  1. Ennesima fallita della musica italiana.
    La ricordo a Sanremo 2007, era parecchio scialba e priva di particolare tecnica e talento.

    • Ah!!! Allora non sono il solo a pensare che questa è una delle tante “convinte” dello showbiz da censurare in toto!
      Mamma mia…è vero che fan cantare proprio tutti ormai!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...