Home Big della Musica The Primitives - Yeeeeeeh! (1967 - 7")

The Primitives – Yeeeeeeh! (1967 – 7″)

-

Primitives YeeeeeehTutti conosciamo Mal per la sigla della fortunata serie televisiva “Furia” del 1977, ma non tutti sappiamo che prima di essere l’idolo delle teenager, delle mamme e dei bambini, Mal è stato un apprendista elettricista. Al secolo Paul Bradley Couling, è nato nel febbraio del 1944 a Llanfrechfa nel Galles, da madre pasticcera e padre muratore; ma sarà solo dopo il suo esordio a un matrimonio (dove per la prima volta prese in mano un microfono, facendosi coraggio in stato di ebbrezza totale) che deciderà di piantare le basi per il suo primo gruppo: i Meteors, che ebbero scarso successo.

Seguirono gli Spirits e i Primitives, che furono scovati a Soho da Alberigo Crocetta (propietario del famoso Piper) e Gianni Boncompagni, durante una sera di bagordi. Fu così che, tra un whisky e una Coca Cola, decisero di scritturarli e di portare i quattro baldi English-boys nel paese della pizza e del mandolino, tra ragazzette deliranti che non avevano mai visto nulla di simile, perché abituate a Don Backy e Gianni Pettinati.

Ma passiamo alla nostra “Yeeeeeeh!”. Brano dal titolo evocativo che fu il primo singolo dei primi Primitives (sì, il ridondante gioco di parole è stato creato volutamente, con estrema simpatia), uscito nell’anno 1967. Erano gli anni del beat italiano e nulla poteva calzar più a pennello di un urlo scimmiesco come incipit che destò dubbi in una società immobile nelle sue tradizioni, ma che fu senza dubbio una lucente via di uscita che illuminò le menti assopite di una nuova generazione.

Primitives Yeeeeeeh

Ovviamente nulla può far da padrone in una canzone anni ’60, se non il tema amoroso: ma niente cose melense da evitare in caso di diabete o di predisposizione a carie. Piuttosto il testo ci racconta di un giovine uomo che non vuol farsi “bruciare” dalla solita sciacquetta, nonostante lei sia conscia di “quanto bene io volia a te”. E il nostro Mal si sfoga, urlando una sorta di manifesto anti-uomo-zerbino, che non ha paura di ammettere il suo amore ma che non vuole farsi ammanettare al calorifero. Non male per un ragazzetto dalla faccia pulita.

Il tutto ovviamente condito con il suo accento inglese che mi fa impazzire: amo quando non pronuncia le doppie e le “gl”, ma vengo pervasa da libidine estrema quando storpia il “basta”. Sembra un infante alle sue prime parole di senso compiuto. Ed è forse questo il perché del suo successo: l’inglesino con il caschetto alla Beatles che nonostante voglia fare il duro, emana tenerezza.

In realtà il brano nasconde una sorpresa: “Yeeeeh!” è la versione italiana di “I Ain’t Gonna Eat Out My Heart Anymore” degli Young Rascals, firmata da Sergio Bardotti e Luigi Tenco.

Un’ulteriore conferma del successo della band e dei loro pezzi si ha sempre nel 1967 con l’uscita del film “I Ragazzi di Bandiera Gialla”, in cui si può trovare una sorta di video-interpretazione della nostra “Yeeeeeeh!”. Tutto è perfettamente coerente con il mood e il mode dell’epoca: completo classico e cravatte alla moda (dei tempi che furono), caschetti a scodella, balletti ancheggianti quasi fossero delle upupe in amore, deliziose fanciulle con troppo eyeliner, sguardi ammiccanti del nostro cantante rubacuori, assolo-scuoti-capelli-ossessivo, linea di basso noiosa come Gigi Marzullo, ma interpretata dal bassista come se fosse un virtuoso, batterista con un viso così simpatico che tutto ciò che è e che compie va in secondo piano.

Come si fa a non adorarli.

Per i più fuori dalle righe e solo esclusivamente dotati di palato sottile, consiglio l’ascolto di “Yeeeeeh” coverizzata da Mike Patton: sentire e guardare (sì guardare perché Mike fa bene allo spirito e al cuore) un americano, che imita un inglese, che storpia l’italiano, non ha veramente prezzo.

Claudia Andrea

I più letti di oggi

8 COMMENTI

  1. La Clo. sei troppo forte! Dovevi mettere il testo della canzone in versione integrale però! E' micidiale! Provvediamo subito! Yeeeeeeh (Mal & The Primitives)Yeeeeeeh I Tuoi ochi sono dei fari abalianti… io ci sonno davanti… si…Yeeeeeeh Le tue labra sonno un grosso richiamo per me che ti ammo… certo…Ma io non devvo bruciarmi con una come teinon devvo bruciarmi con una come teBastaPiccato peccato che tu saitroppo bene quanto volia a tePeccato peccato però saiNon finnirò cosiiiiii!Yeeeeeeh Pensi già di avermi amaestrato, ma non sono mallato come pensi… no!Yeeeeeeh Se tu giocchi pesante, donne cenne son tante… ricordalo!Ma io non devvo bruciarmi con una come teinon devvo bruciarmi con una come teBasta!Piccato peccato che tu saitroppo bene quanto volia a tePeccato peccato però saiNon finnirò cosiiiiiì!Ma io non devvo bruciarmi con una come teinon devvo bruciarmi con una come tenon devvo bruciarmi con una come tenon devvo bruciarmi con una come teYeeeeeeh Yeeeeeeh Yeeeeeeh Yeeeeeeh Niente da aggiungere: Mal sei un mito!

  2. La cosa graziosa è che su questa canzone riluce come un diamante la firma di Luigi Tenco, all'epoca un beat coriaceo e spietato.Era un po' il mondo delle contraddizioni giovanili: i figli di papà contro l'Italia del boom, vecchi contro giovani, classici contro modernisti, libertari contro conservatori.Bello vedere come Luigi abbia condensato queste tensioni in una sola parola: "Yeeeeeh!""Tu sei così, ma non mi incanti. E io non devo bruciarmi con una come te", sembra dire alla maliarda che rappresenta il perbenismo.Molti anni dopo Mal farà carriera. Il batterista dei Primitives Pick Withers andrà a formare i Dire Straits e Luigi?Quello di Yeeeeeeh?Deciderà che la "maliarda" non era più una ragazza immaginaria, ma la sua stessa vita.E ha preferito levarsi di mezzo. Forse.

  3. Dimenticavo: "Yeeeeh!" è la versione italiana di "I Ain't Gonna Eat Out My Heart Anymore" degli Young Rascals, firmata da Sergio Bardotti e Luigi Tenco.

  4. La Clo,t assicuro che Mike parla l'italiano meglio della media d noi…avendo abitato e studiato a Bologna fino a poco tempo fa .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

SEGUICI SU INSTAGRAM @ORROREA33GIRI