pippo franco

Pippo Franco doveva davvero incidere una nuova versione di Che fico?

Lo showman nasuto nel 2017 torna improvvisamente alla musica con una nuova versione riveduta e corretta del suo tormentone più famoso

Ultimo aggiornamento:

Che bello riascoltare Pippo Franco in versione canterina nel 2017. Permetteteci un momento d’immodesto orgoglio visto che è da oltre 10 anni che non perdiamo mai occasione di sottolineare il nostro amore per l’immenso talento del poliedrico attore-cantante-presentatore nasuto, fregandocene delle solite facili battutine e dei commenti superficiali.

Quando un decina d’anni fa tentammo inutilmente di intervistarlo ci fu detto che «Pippo preferiva non apparire sul web», evidentemente ora la pensa in maniera differente o deve aver cambiato agente, vista la facilità con cui il suo social media manager snocciola e condivide tweet, foto e filmati.

Un male necessario (forse) per mantenere vivo il personaggio Pippo Franco non tanto tra i meno goivani, ma per i millennials (cioè la generazione nata a cavallo degli anni ’90 e 2000) che comunque dubito siano interessati ad ascoltare un pacioso ultrasettantenne dalla faccia picassiana, quando invece possono godere dei vari Fedez, Fabio Rovazzi, Pitbull, Luis Fonsi e Thegiornalisti.

Ciliegina sulla torta di questo ritorno (ma se ne era mai veramente andato?) è la nuovissima versione a ben 35 anni di distanza del suo tormentone Che fico! , reintitolata maldestramente #CheFico. Puro revival? Certamente, ma che cos’ha da dimostrare un simpatico nonnino che, tra le tantissime cose fatte nella sua carriera, può vantare un’ampia discografia che tanti potrebbero solo sognare? Ovviamente nulla.

Che vi piaccia o meno Che fico! è assurto a classico della canzone pop italiana degli anni ’80 (e se non la pensate così provate a dimostrarci il contrario), quindi alla notizia di una versione riveduta e aggiornata una goccia di sudore freddo ci è corsa lungo la schiena, anche perché nel 2012 ci aveva provato senza successo tale Fabio Milella a svecchiare il brano e tentare di recuperare il tormentone che fu.

Partono le prime note di questa #CheFico e ci troviamo immediatamente spiazzati da un arrangiamento acustico probabilmente vicino alla stesura originale della canzone, lontano anni luce dal synth-pop “rimbalzino” dell’originale che abbiamo tatuato nel cuore e nelle orecchie. Il pericolo “rovazzata” è per fortuna scampato ma basta a farci piacere la canzone? In ogni caso qui vince Pippo, però poi arriva il resto.

Così come la canzone del 1982 era un’istantanea dei teenager dell’epoca (gli adesivi, i poster, le spillette punk, i pattini…) così anche la versione 2017 ha un punto di vista esterno sui ragazzini di oggi, ma davvero troppo limitato al mondo dei social network, quasi fosse una parodia che non è. Quindi vai con un orgia di termini “moderni” (twittare, chattare, taggare, postare, Facebook, Youtube, Vimèo, Netflìx, Instagràm…) che però sembrano buttati lì alla rinfusa giusto per inzuppare il testo d’inutile modernità che tra l’altro suona gia vecchia considerata la velocità con cui si evolvono mode e tecnologie al mondo d’oggi. Tutto molto scontato, forzatamente “gggiovane” e in un paio di passaggi metricamente incerto, tanto che probabilmente il testo è stato scritto proprio dal social media manager di prima.

Traspare inesorabilmente il fatto che la canzone è stata scritta da un vecchio che vuole raggiungere un pubblico di giovanissimi e forse non si rende conto che in questo mare di lessico del mondo 2.0 l’espressione «che fico» suona terribilmente datata e a nulla serve farne un hashtag. Isomma un eroico fallimento già scritto prima di iniziare.

L’arrangiamento, a metà strada tra un generico pop acustico e una compilation lounge da aperitivo sulla spiaggia, può sembrare fresco, ma non dona alcuna personalità alla canzone. Poi vogliamo davvero parlare dell’agghiacciante ritornello «ma quanto è fico quello lì / ma guada quanti cliccano like / tutti gli mandano smile»?. Volendo anche ignorare tutto questo, ciò che manca è principalmente la scintilla istintiva che rendava irresistibile quella canzonetta sciocchina.

In ogni caso questa cosetta di fine anni ’10 nulla toglie a una carriera invidiabile (a eccezione della parentesi televisiva che dimentichiamo volentieri) e non ci fa minimamente disinnamorare di Pippo Franco, ma se volete ascoltare il suo genio qui siete fuori strada.

Mostra Commenti (5)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. Pippo che hai combinato? Scherzi a parte, questo pezzo mette davvero tanta tristezza. Se pensiamo al pezzo originale scanzonato e divertente, questo e’ davvero terribile. Ma noi ti ricorderemo sempre per tutte le canzoncine dei bei tempi andati!! Grande Pippo ti voglio bene!!!

  2. Ciò che rende questo remake intristito è 1- L’arrangiamento stile canzone di Chiesa/canzone sulla spiaggia, privo di quel ritmo allegrotto dell’originale 2 – La mancanza di corretto femminile al ritornello, in favore di un gruppetto di boy scout che fanno il controcanto
    3 – La metrica totalmente sbagliata, specialmente nel ritornello. Sarebbe stato più dignitoso un “Ma quanto è fico quello lì, ma guarda quanti like, quanti click… Ora ritwitto a questo qui, è un tipo fico, ma proprio fico…
    Povero Pippo, secondo me non la voleva fare. Però è e rimane un grande, ed è un peccato non lo voglia nemmeno TV 2000 🙁

  3. Maddai, non e’ male. La solita critica che pero’ nasconde un’approvazione in piccole dosi (quando tocca a noi).

  4. Mai sentita in vita mia (e sono vecchio) e non ci tengo a sentirla modernizzata. Il fatto che ci siano “detrattori” è nella natura stessa del mestiere di artista: a molti piaci, ad altrettanti fai pena…non significa che chi ti adora è ok e chi ti critica è un demente.

  5. L’ho ascoltata con un senso di tristità .. direi che “eroico fallimento” è una definizione puntuale.
    Peccato, preferisco tenermi il ricordo dell’originale.

SUPPORTACI

Ti piace Orrore a 33 giri? Abbiamo voluto essere sempre indipendenti e per questo non abbiamo pubblicità sul sito. Se vorrai puoi aiutarci a sostenere le spese di hosting con una piccola donazione su Ko-Fi o PayPal. Grazie!

SEGUICI QUI

SUPPORTACI

Orrore a 33 giri è sempre stato un progetto indipendente e per non avere padroni non abbiamo pubblicità sul sito. Per questo, se ti piace quello che leggi, ti chiediamo una mano, se vorrai, con una piccola donazione per sostenere le nostre spese di hosting. Potrai farla su Ko-Fi o PayPal.

GRAZIE MILLE