Home Big della Musica Peppino Di Capri - Operazione Sole (1966 - 7")

Peppino Di Capri – Operazione Sole (1966 – 7″)

-

Peppino Di Capri Operazione SoleSe qualcuno vi chiedesse che cosa c’entra Peppino Di Capri con i centri sociali probabilmente non sapreste che cosa rispondere; in realtà il signor Giuseppe Faiella, in anticipo sui tempi, ha importato in Italia a metà anni ’60 lo ska, il nuovo caldo suono giamaicano padre del reggae.

Gli anni ’60 in Italia erano anni di fermento socio-culturale e rapidi cambiamenti che permeavano inesorabilmente anche la musica. Nei primi anni del decennio il cantante caprense era un indiscusso numero uno dopo aver lanciato la moda del twist con il brano “Saint Tropez Twist” (1962) e aver bissato il successo l’anno seguente con la ballata “Roberta”, mentre nel 1965 sembrava già destinato al viale del tramonto spazzato via dall’ondata beat (in realtà la carriera di Peppino durerà ancora a lungo). Dopo aver avuto l’onore e l’onere di aprire i concerti dei Beatles assieme ai New Dada e Fausto Leali (dove fu trattato con poco rispetto dai fans impazienti di vedere il quartetto di Liverpool) pubblica “Girl” (1966), un’evitabile cover degli scarafaggi, ma quantomeno un apprezzabile tentativo di modernizzare il proprio suono.

Al Disco Per L’Estate dello stesso anno cerca di giocare il jolly portando al concorso un brano dalle sonorità inedite non solo per l’Italia ma per tutta l’Europa (ad eccezione della Gran Bretagna); “Operazione Sole” diventa di fatto il battesimo italiano dello ska giamaicano, solo i misconosciuti Silvano Silvi & gli Erranti ebbero l’occhio – o sarebbe meglio dire orecchio – lungo proponendo lo stesso anno un brano ska, “Scrivi Ti Prego” relegata però a modesta b-side del 45 giri “T’amerò (fino alla fine del mondo)”.

La canzone, pur non riscuotendo il minimo interesse del pubblico, è molto più di un semplice innesto in levare nella tradizione musicale italiana, bensì una vera e propria introduzione a queste nuove sonorità 10 anni prima della loro esplosione europea.

Peppino Di Capri Operazione SoleLeggendo il testo però tutto l’entusiasmo svanisce non solo per la pochezza delle liriche, ma perché appare chiaro che Peppino Di Capri vedesse nello ska un semplice ballo esotico da proporre al pubblico di casa (forse per bissare il suo primo successo basato proprio su un nuovo ballo), giocando la carta della novità assoluta.

Del brano venne incisa una versione in spagnolo dal titolo “Operacion Sol” ma soprattutto un giovanissimo Johnson Righeira, agli albori della sua carriera, ne incise una cover poi inclusa nella raccolta di rarità “Ex Punk, Ora Venduto” uscita nel 2006.

Nonostante siano passati più di 40 anni lo ska è ancora un genere piuttosto di nicchia che non ha mai attecchito in terra italiana se non in contesti piuttosto specifici con qualche sporadica ondata di mainstream negli anni ’80 e fine ’90.

Operazione Sole

Da lontano
questo ballo jamaicano
lontano
è arrivato
da una terra cotta dal sole
bruciata
li la gente lo chiama ska
qui nessuno lo sa
prima o poi ci conquisterà
certo… se provi… con me
capirai lo
ska ska ska ska scaldati un po’
ska ska ska ska scaldati un po’
ska ska ska ska scaldati un po’
sotto il sole
si può fare ciò che si vuole
col sole
ti distendi
e sull’onde sali e discendi
t’arrendi
questo ballo si chiama ska
sulla riva del mar
è più facile da imparar
quando… l’estate… verrà
capirai lo
ska ska ska ska scaldati un po’
ska ska ska ska scaldati un po’
ska ska ska ska scaldati un po’
li la gente lo chiama ska
qui nessuno lo sa
prima o poi ci conquisterà
certo… se provi… con me
capirai lo
ska ska ska ska scaldati un po’
ska ska ska ska scaldati un po’
ska ska ska ska scaldati un po’
scaldati con me!

I più letti

16 COMMENTI

  1. sono curioso di sentire il pezzo di silvano silvi e gli erranti scrivi ti prego..su emule purtroppo niente

    FREAK

  2. beh che lo ska non abbia attecchito in italia mi sembra una stronzata…basta vedere il successo dei blue beaters o degli ska-p o qualsiasi gruppetto ska punk alternativo per rendersene conto

  3. Sul fatto che lo Ska abbia attecchito o meno nel nostro Paese si può discutere, ma un fatto credo sia indiscutibile: il pezzo di Peppino di Capri presentato in questo post non è ska!
    Ciao e complimenti per il blog.

  4. è un pezzo meraviglioso di cui da tempo cerco il 45 giri. Solo una volta ho beccato uno spagnolo ad una fiera che ne voleva 15 euro

  5. Uhm, scusami amico mio, ma dovresti portare rispetto a chi promuove musica, altro che feste alternativo-freakettone (mi pare evidente che tu non sappia nemmeno di cosa parli…).Lo SKA vero e originale c’entra molto poco con l’alternativismo da quattro soldi all’italiana, ma questo mi sa che non c’è bisogno di spiegartelo, amico blogger.Anche perchè se non lo sapessi faresti la figura del classico snobbettino rock che pensa di aver capito tutto e bolla la musica giamaicana come “una cosa da frikkettoni”. Come se io dicessi che il rock triste è roba da sfigati… NattyD, strictly rudeboy.

  6. NattyDsappiamo entrambi che lo ska vero e proprio non c’entra nulla con le feste da frikkettoni, ma che comunque é la colonna sonora di un certo ambiente, volente o nolente.Quello che si voleva evidenziare era la trangenerazionalitá dello ska sul territorio italiano da un punto di vista prettaente storico.

  7. Se siete interessati ho il disco in originale con copertina di Silvano Silvi e gli Erranti: T'amerò (fino alla fine del mondo) e Scrivi,ti prego.

  8. A proposito, di questo brano è imperdibile- e davvero bella- la cover realizzata nel 2001 dal gruppo ska bergamasco ‘Gli Arpioni’, che la piazzarono in apertura del loro CD ‘Buona Mista Social Ska’, pubblicato lo stesso anno su etichetta Gridalo Forte. Il cantante del gruppo, Stefano ‘Kino’ Ferri, che va detto è un mio buon amico, mi ha detto che il loro produttore trovò una copia del 45 giri di Peppino su una bancarella a Porta Portese, e naturalmente lo acquistò stupito dal termine ‘ska’ sulla copertina, poi lo fece ascoltare ai musicisti, e il resto è storia. Per concludere, ricordo un commento iperentusiastico su YouTube riferito a questo brano: ‘Bravo Peppino, fatti una canna con noi!’

  9. Ciao a tutti i lettori e complimenti per l’articolo. Mi sono occupati per anni, assieme a mio padre Francesco Mastroianni, della discografia e carriera di Peppino Di Capri. Scrivo per una piccola ma doverosa precisazione, la canzone “Operazione sole” non risulta essere mai stata incisa in spagnolo da Peppino, l’errore forse è dovuto al disco extended play che avete citato. Posseggo quel disco e i brani in esso contenuti sono cantati in italiano, solo i titoli riportati sono tradotti in spagnolo. La canzone è stata invece incisa in inglese e pubblicata in Australia col titolo “Please say si”, sempre da Peppino Di Capri. In spagnolo ne sono state incise varie cover all’epoca ma sempre da gruppi spagnoli, mai da Peppino. Ciao a tutti e complimenti per il sito, by Antonio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti