Home Big della Musica Pat Boone - In A Metal Mood: No More Mr. Nice Guy...

Pat Boone – In A Metal Mood: No More Mr. Nice Guy (1997, CD)

Mr. Speedy Gonzeles cerca di rilanciare disperatamente la propria carriera rivisitando in chiave jazz-swing alcuni classici hard rock ed heavy metal del passato

-

Pat Boone In A Metal Mood No More Mr. Nice Guy 1997Pat Boone, più noto come Mr. Speedy Gonzeles, per cercare di rilanciare la propria carriera nel 1997 ebbe la brillante l’idea di rivisitare in chiave swing, con tanto di big band, alcuni classici hard rock ed heavy metal del passato (lontano e recente).

Se al funanbolico Richard Cheese questo tipo di reinterpretazioni pazzarelle riescono con estrema facilità, anche perchè il gusto dissacratorio è insito nel suo personaggio, al sessantatreenne Pat Boone si può al massimo elogiare l’idea, perché il risulatato non è certo tra i più eccitanti.

Non contento di aver scomodato quasi il non plus ultra del mondo hard rock e heavy metal anni ’80 si è preso la briga di scomodare anche mostri sacri come Jimi Hendrix, Deep Purple e Led Zeppelin; a questo sacrliegio hanno partecipato anche diversi ospiti illustri, tra cui Ritchie Blackmore e Dweezil Zappa che hanno contribuito ad impreziosire questo “capolavoro”.

L’iniziale You’ve Got Another Thing Comin’ dei Judas Priest fa sperare davvero bene, così come sono cover riuscite No More Mr. Nice Guy di Alice Cooper, Holy Diver dei Dio con tanto di cammeo vocale di Ronnie James Dio in persona, Smoke On The Water dei Deep Purple impreziosita dalle chitarre di Dweezil Zappa e Ritchie Blackmore, oltre alla “famosa” Crazy Train utilizzata come sigla del semi-reality The Osbournes ripresa dal repertorio di Ozzy Osbourne ovviamente.

Purtroppo “non tutte le cover non riescono col buco” ed ecco che con Panama dei Van Halen si sfonda il muro del non ritorno della noia che prosegue con le riletture facilotte di Love Hurts, originariamente degli Everly Brothers e portata al successo dai Nazareth) e The Wind Cries Mary di Jimi Hendrix, fino a toccare il fondo con l’orripilante versione di Paradise City dei Guns N’ Roses (pubblicata addirittura come singolo) e la pessima Stairway To Heaven dei Led Zeppelin.

Il progetto ambizioso del nonnetto rock Pat Boone (che pensò bene di promuovere il disco cingendosi di abiti in pelle, orecchino e finti tatuaggi) si trasforma immediatamente in un soprammobile kitsch per la vostra raccolta di dischi, interessante solo per i cultori delle cover bizzarre. In ogni caso questa pagliacciata consentì aPat Boone di rivitalizzare la propria carriera arrivando alla posizione 135 della classifica Billboard 200. Missione compiuta.

Tracce:
01. You’ve Got Another Thing Comin’ (Judas Priest cover)
02. Smoke on the Water (Deep Purple cover – feat. Ritchie Blackmore)
03. It’s a Long Way to the Top (If You Wanna Rock ‘n’ Roll) (AC/DC cover)
04. Panama (Van Halen cover)
05. No More Mr. Nice Guy (Alice Cooper cover)
06. Love Hurts (Everly Brothers cover)
07. Enter Sandman (Metallica cover)
08. Holy Diver (Dio cover – feat. Ronnie James Dio)
09. Paradise City (Guns N’ Roses cover)
10. The Wind Cries Mary (Jimi Hendrix cover)
11. Crazy Train (Ozzy Osbourne cover)
12. Stairway to Heaven (Led Zeppelin cover)

I più letti

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Le 5 migliori canzoni dedicate a Sandro Pertini

S e chiedete in giro quale sia stato il Presidente della Repubblica più amato dagli italiani (specialmente dai giovani) la maggior parte vi risponderà senya...

La sigla italiana di Lamù: un mistero irrisolto (forse)

Il caso della sigla italiana dell'anime Urusei Yatsura, meglio noto ai fan nostrani come Lamù, è uno dei grandi misteri della storia della musica...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Mesopotamia – Vaffanculo (Marco Masini cover) – (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

2 COMMENTI

  1. L’esperienza di Pat Boone è stata seguita da Paul Anka con il suo “Rock Swings” del 2005. Tra le 14 canzoni presenti in chiave swing, si segnalano “Eye of the tiger”, “Jump”, “Wonderwall”, “It’s my life”, Smells Like Teen Spirit”. Aiuto!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (Marco Masini cover) – (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...