Home Cinema e TV AA.VV. - Olmo & Friends (2001 - CD)

AA.VV. – Olmo & Friends (2001 – CD)

L'incredibile successo di Olmo, l'improbabile cantante interpretato da Fabio De Luigi

-

Olmo and Friends gialappa's bandGrazie alla Gialappa’s Band Fabio De Luigi è divenuto celebre al grande pubblico per un buon numero di simpatici personaggi. Tra di essi ricordiamo l’Ingegner Cane, Medioman, il nobile Guastardo, ma quello che ci interessa è Olmo, apparso per la prima volta in una puntata di Mai Dire Gol del 1999.

Olmo è una caricatura dei cantanti da balera, dalla chioma improbabile tanto quanto la sua pronuncia in anglo-romagnolo e le sue movenze scomposte. Il classico sbruffone che si atteggia a sciupafemmine ma non trova mai nessuna che gliela dia.

In quel periodo la Gialappa’s Band sfotteva, oltre ai calciatori, anche i cantanti nostrani, tra cui Claudio Baglioni e Paolo Conte, per cui una macchietta come Olmo risultava ben calata nel contesto. Il personaggio fu accolto da un ottimo e insperato successo, tanto che gli venne pure affidata la sigla di chiusura del programma: quella “Dimmi cosa pensi di me” (in genere ricordata col ritornello «Sei una merda») cantata in coppia con la cantante folk pseudo-inglese Vanette alias Paola Cortellesi. Anche le altre canzoni del nostro vennero molto apprezzate dai telespettatori per cui un giorno qualcuno disse: e se facessimo un disco di Olmo per davvero?

In realtà, alla base dell’iniziativa vi era l’idea di incidere un CD per beneficenza i cui ricavati andavano interamente a favore di Emergency (l’associazione fondata da Gino Strada) intervenuti nell’allora recente conflitto in Afghanistan. Spesso questo tipo di iniziative risulta in dischi di valore mediocre, buoni solo per far mostra dei propri “buoni sentimenti” ma in questo caso si tratta di un cantante fasullo con testi palesemente demenziali, per cui il problema non si pone.

Così nacque “Olmo & Friends”, che già nel nome sbeffeggiava il ben più noto (ma non sempre migliore) Pavarotti & Friends. Solo che qui i “friends” sono appena due: la già citata Paola Cortellesi e Maurizio Crozza (nella fase post-Broncoviz ma pre-Sanremo) nei panni di Arrigo Sacchi.

Per far raggiungere una durata standard al disco, oltre alle consuete versioni karaoke e remix dei pezzi più celebri, sono stati inseriti anche i pezzi cantati da De Luigi nell’altra trasmissione della Gialappa’s Band, quella sul secondo tema più caldo del momento dopo la guerra ai Taliban: il Grande Fratello (era pur sempre il 2001). Direttamente da Mai Dire Grande Fratello sono state aggiunte “Non vuole un Fratello” e “Fratello Fever”, che prendono per il culo il nuovo format e chi sogna di parteciparvi.

Quindi: cantante comico + beneficenza + argomenti topici = schifezza assicurata? Non necessariamente. Grazie allo zampino di vecchi amici della Gialappa’s quali Elio e le Storie Tese, più tutta una serie di validi arrangiatori, fonici e collaboratori, le canzoni risultano decisamente orecchiabili e più che decenti anche per chi non apprezza le rime baciate surreali di Olmo.

Gli arrangiamenti rendono sopportabili anche sketch comici francamente inutili (per non dire brutti) come “Non voglio fare il militare” di Crozza. Chi scrive ascolta ancor oggi con piacere la dance-funk-disco di “Fratello Fever“, e come curiosità va menzionato anche “Il ballo dell’umilté” che cita a più riprese “My Sharona”. Insomma, non un capolavoro ovviamente, ma certo un disco comico migliore di tanti altri, forse anche perché nato senza alcuna pretesa. Il merito va senz’altro anche alla bravura recitativa di De Luigi e Cortellesi, molto a loro agio nei panni dei loro personaggi e dotati di una buona alchimia reciproca.

Nonostante un incredibile terzo posto in classifica questo CD però non ebbe mai un seguito proprio perché Fabio De Luigi temeva di venire incasellato nel personaggio del cantante sfigato a vita. Di Olmo ricordiamo solo qualche sporadica apparizione televisiva successiva, molto apprezzata da di chi si ricordava delle sue liriche tipo «sulla panchina del mio cuore / sei sempre tu la titolare» o «forse è meglio del ping pong / se io adesso sing a song».

Tracklist:
01. Piccolo fiore bugiardo (Pop Version) – Olmo
02. C’è simpatia – Olmo
03. Sei il mio cucù (Studio Version) – Olmo
04. Dimmi cosa pensi di me – Olmo e Vanette
05. Non vuole un fratello – Olmo
06. Fratello Fever – Olmo
07. Piccolo fiore bugiardo (alla vecchia) – Olmo
08. Gialappa’s per vooi (parlato) – Gialappa’s Band
09. Il ballo dell’umiltè (Live Version) – Maurizio Crozza e Elio e le Storie Tese
10. Non voglio fare il militare (Live Version) – Maurizio Crozza e Elio e le Storie Tese
11. Sei il mio cucù (Live Version) – Olmo e Elio e le Storie Tese
12. Dimmi cosa pensi di me (Remix) – Olmo e Vanette
13. C’è simpatia (Karaoke Version)
14. Fiore bugiardo (Karaoke Version)
15. Sei il mio cucù (Karaoke Version)

I più letti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...