Home Musica da Leggere Il Grande Libro di Abastor - Tomo I (2012 - libro)

Il Grande Libro di Abastor – Tomo I (2012 – libro)

-

il-grande-libro-di-abastor-tomo-iIn un’epoca di “cinguettii elettronici”, dei “mi piace”, di tablet e cloud, parlare di fanzine suona davvero come qualcosa di preistorico e difficilmente comprensibile dalle nuove generazioni che hanno tutto a portata di click.

In realtà non stiamo menzionando un oscuro processo alchemico del XII secolo, ma solo un popolarissimo medium in ciclostile che dalla fine degli anni ’70, andando a braccetto con l’esplosione della musica punk  e dell’etica del DIY (fai da te), è diventato un vero e proprio mezzo d’informazione alternativo, dando spazio a espressioni artistiche snobbate dalla stampa ufficiale perché non allineate al trend del momento o noiosamente fuori moda, oppure semplicemente improponibili per il grande pubblico generalista.

Un sottobosco fervidissimo di B movie o Z movie, disconi e discacci, autoproduzioni e sperimentazioni, movimenti semi-carbonari tra l’apocalittico e il sublime. Insomma, un indispensabile strumento per avere un punto di vista diverso, decentrato e non allineato.

Dal 1994 al 2010 Abastor ha deliziato i palati sopraffini dei suoi gai lettori (nel senso di “anime bambine”), passando dai primi rinfusi foglioni A3 alle ultime eleganti versioni a colori in A5, autentici libelli di retro-pop lontani dal revival superficiale, piuttosto delle indagini archeologiche motivate dal desiderio di conoscenza del dimenticato. Un universo a se stante quindi, un mondo “abastoriano” dove non esistono preconcetti culturali e tutto è messo sullo stesso piano, da fetenti quarantacinque giri di ignobile discomusic a meravigliose quanto dimenticate colonne sonore di filmetti porno-soft tricolori, dal Carosello al cinema d’essai, dalla brillantina al Big Jim.

il grande libro di abastor tomo i copertineTerminata quest’avventura, l’infaticabile F.C.N. (acronimo sotto il quale si cela Fabio Casagrande Napolin) ha pensato bene di raccogliere il meglio di questi 16 anni scarsi iniziando da un primo tomo che fa ben sperare per volumi futuri.

Lo spirito della fanzine rimane (quasi) intatto, con le sue rubriche classiche: “Degustazioni”, brevi recensioni “emotive” di film, dischi, giocattoli, cibi, bevande ecc., “Frames”, raccoglitore scientificamente casuale di bizzarre battute cinematografiche e televisive, e “Señor Tonto’s Groovy Library” bislacca raccolta di pubblicazioni direttamente dalla libreria personale di Enrico Sist, ovvero la faccia del Señor Tonto.

Purtroppo, come in tutte le operazioni di questo tipo, il puro piacere della lettura viene messo da parte a favore dello spirito antologico (300 pagine di recensioni non sono uno scherzo), così come il fascino di una pubblicazione tascabile corredata da meravigliose immagini che qui, immagino per ovvie ragioni di copyright, sono completamente assenti (senza menzionare la grafica spartana e ridotta ai minimi termini, davvero troppo lontana dalle meraviglie della fanzine). Piccoli peccatucci che non inficiano il valore della raccolta, vero compendio che vale la pena possedere, con l’unico rimpianto per chi scrive di non aver mai trovato il tempo di collaborare con F.C.N. e la sua “gaia redazione”.

Acquista “Il Grande Libro di Abastor – Tomo I”

I più letti

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Donato Mitola: l’ineffabile cantante di Mai Dire TV

Aggiornamento maggio 2018: Abbiamo avuto conferma da ex colllaboratori di Donato Mitola che purtroppo l'istrionico performer è scomparso qualche anno fa. Siamo ancora alla...

Playlist – Le peggiori canzoni italiane del 2019

Tutto non scorre. Anche il 2019 ci ha presentato puntuali come negli ultimi anni un polpettone di suoni pescati dai soliti plug in di...

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...