gregorio-insieme-a-noi

Gregorio – Insieme a Noi (1996, CD)

gregorio insieme a noiNota per il lettore: questo articolo è basato su una storia vera.

Tanto tempo fa, in un negozio in quel di Milano, iniziai a spulciare i CD usati per trovare qualche occasione. Dopo aver controllato i classici vasconi pieni zeppi di tutto e di più, scovai un curioso CD con in copertina un ragazzo che assomiglia vagamente ad Elio di Elio e le Storie Tese (che tra l’altro mi ha detto di possederne una copia), titolo del CD: Insieme a noi, autore tale Gregorio.

Decisi di investire le mie 5.000 Lire, portai a casa quel disco e d’improvviso mi ritrovai nell’Olimpo del diversamente bello più incredibile. Iniziai subito a coltivare la passione per questo genere grazie a Gregorio, punta di diamante della mia collezione.

Scordatevi Luca Sardella, Mauro Repetto o Loredana Lecciso qui tutto è a livelli incredibili a iniziare da una canzone intitolata Un’altra vita, un’altro amore, in barba alle regole base della grammatica (licenza d’ artista o errore non voluto? Propenderei per la seconda ipotesi), per proseguire con testi banali, rime indegne, voce indecente, realizzazione e produzione di bassissimo livello.

Le canzoni sono un turbinio d’emozioni fin dal primo brano, Stromboli (una dolcissima ode al famoso vulcano), si continua con la contagiosa elettro-dance autobiografica Uno, fino ad arrivare al primo capolavoro con la didattica Per conquistare le ragazze, autentico crossover zappiano travestito da pop. Tra le tracce incontriamo anche un primitivo rap, dal titolo Il senso del risparmio, nel quale il nostro eroe canta «ci vuole senso del risparmio o ci romperanno il culo».

L’ennesima canzone degna di nota è il classico brano da Festivalbar: Emozioni d’estate, il testo anche qui non delude:

Sì, l’estate è la più grande,
è la stagione più stupenda,
mare sole che vacanze,
a ballare a bere e via.

Ci sono altri brani di livello come le ballad Donna tu e Sabato, la canzone omaggio Lucio Battisti, l’allegra I soliti… Loro: insomma l’album è da ascoltare dal primo all’ultimo secondo tutto d’un fiato.

Il pop leggero di Gregorio però, concilia anche una canzone impegnata che dà il titolo al lavoro, ovvero Insieme a noi, brano dedicato ai ragazzi che fanno gare in auto e si ammazzano il sabato sera; il testo tocca in maniera incredibile: «Balla balla che la vita è bella, lascia stare la gioventù bruciata di James Dean».

Sicuramente un’opera unica e irripetibile; qui siamo di fronte al White Album della musica che piace a noi, al The Dark Side Of The Moon dell’orrore a 33 giri; mi sembra davvero impensabile riuscire a trovare qualcosa che si possa avvicinare a tale opera. Consigliato è poco.

Roberto Vallucci

EDIT 2016: dopo tanti anni siamo riusciti a scoprire l’incredibile storia di Gregorio che raccontiamo in questo articolo: tutta la verità su Gregorio: amore, musica e morte.

Tracce:
01. Stromboli
02. Uno
03. Per conquistare le ragazze…
04. I soliti… Loro
05. Donna tu
06. Mamma cara mamma
07. Sabato
08. Lucio Battisti
09. Un’altra vita, Un’altro amore
10. Il senso del risparmio
11. Emozioni d’estate
12. Insieme a noi

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!