Home Illustri Sconosciuti Granny Turtleman - Pizza From Italia (1983 - 12")

Granny Turtleman – Pizza From Italia (1983 – 12″)

Un frasario da turista per caso per la perfetta canzone disco-schlager sulla pizza

-

Granny Turtleman Pizza From ItaliaSe dovessimo elencare tutte le canzoni “culinarie” della storia, il cibo più venerato dal mondo della musica sarebbe senza discussione la nostra pizza.

Pizza, pasta e mandolino… insomma il nostro amato stivale in ammollo nel Mediterraneo, nazione di santi, poeti, imprenditori e belle donne, terra del sole, del mare e del buon cibo. Facile comprendere il perché in molti decantino le doti del Belpaese e della sua cucina.

Forse proprio durante una vacanza in Italia, tra una birra di troppo e l’altra, è venuto in mente all’austriaco Granny Turtleman (una persona dotata di spirito, visto il ridicolo nome d’arte) di deliziarci con una bella canzone che inneggi al “made in Italy”, più “made in Italy” che si possa pensare.

Il nostro non ha dovuto andare molto lontano per inventarsi questa sorta di disco-schlager dalla melodia per bambini. Perfetto sing-along per i lunghi viaggi in macchina d’estate per arrivare all’agognata località di velleggiatura:

Pizza from Italia
pizza from Italia
just like a good song.

Pizza from Italia
pizza from Italia
no, you can’t go wrong.

Pizza from Italia
pizza from Italia
it’s for everyone.

Pizza from Italia
pizza from Italia
sister, brother, dad and mom.

E poi via di frasario da turista per caso: una pizza margherita, una bella donna, un bicchier di vino, una bella musica… Vabbè!

La cosa davvero tragica è che un tale Al Derek, fiutando le potenzialità di questo capolavoro, ha pensato di confezionarne una cover l’anno successivo, riuscendo probabilmente a guadagnare solo il disprezzo di amici e parenti.

I più letti

La sigla italiana di Lamù: un mistero irrisolto (forse)

Il caso della sigla italiana dell'anime Urusei Yatsura, meglio noto ai fan nostrani come Lamù, è uno dei grandi misteri della storia della musica...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Roberto Angelini – Gattomatto (2003 – singolo)

È difficile parlar male di un bravo artista, ma questa “Gattomatto” riesce a ogni ascolto a mettermi addosso una tristezza impressionante, a cominciare da un...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Le 10 migliori canzoni dei film di Bud Spencer e Terence Hill

Abbiamo perso quello forzuto, grosso e bonaccione nel 2016 mentre quello biondo, belloccio e scaltro ci ha regalato l'ennesima pellicola fatta di cavalcate in...

6 COMMENTI

  1. A proposito di dischi brutti sulla pizza… ricordo anni e anni fa di aver sentito su una orrida cassettina una canzone che era una specie di rock-blues in cui un cantante finto italo-americano (vero italiano tamarro) tesseva le lodi della pizza. Il pezzo faceva tipo "pizza che mangia, mangia la pizza.." e poi "everybody… tutta la family…." Potete aiutarmi solo voi!!

  2. Che dire… del resto anche il nostro Giorgio Gaber emigrò anni fa in terra teutonica proponendo ai nostri fratelloni ariani una cover germanica di "A' pizza con 'a pommarola n'coppa".Non ricordo bene il pezzo esatto ma penso lo si possa trovare agevolmente sul tubo.Comunque bravo Turtleman e brava la Polydor che lo ha prodotto!Poi, si scelga tra le divese opzioni.Fare le vacanze a Linz o a Neustift am Stubaital perchè li' c'è una ricettività alberghiera di qualità mille volte superiore a tutto il resto d'Italia.Oppure andare a Nervi, Bosa o la costa Salentina dove appena vedono uno straniero gli fanno pagare un Cuba Libre 15 euro offrendolgi poi servizi da vomito. Da certe canzoni emerge molta ingenuità, ma ii loro leimotiv è quello che degli italiani, pur se bravi e belli, bisogna assolutamente diffidare.Vogliamo chiederlo a Ruby o a Mangano?Dico

  3. Non posso non segnalare sullo stesso tema “Pizza Wundaba” (anche nota come “Pizza Leed”) degli Höhner (i re indiscussi del carnevale di Colonia), il cui testo mischia il dialetto kölsch alla solita sfilza di parole italiane no sense.
    Merita anche il video, con il baffutissimo cantante crucco nelle vesti di un pizzaiolo impegnato a sfornare una delle pizze più obbrobriose che abbia mai visto, mentre il resto della banda aspetta felicemente l’ordinazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato é quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...