Angeli-In-Bandiera

Milva prostituta e Gino Bramieri pappone: la storia di Angeli in bandiera

Angeli-In-BandieraNel 1969 il simpatico Gino Bramieri in compagnia della suadente Milva grazie al famoso trio di commediografi (Pietro) Garinei, (Sandro) Giovannini e Iaia Fiastri (veri e propri inventori della commedia musicale italiana) furono i  protagonisti dello spettacolo Angeli in bandiera, musicato dal maestro Bruno Canfora (auore di innumerevoli brani di successo come Da-da-un-pa e La notte è piccola delle Sorelle Kessler, Il ballo del mattone e Il geghegè di Rita Pavone, Stasera mi butto di Rocky Roberts e Zum zum zum di Mina).

La narrazione è davvero curiosa: Angela (Milva) proviene da una famiglia all’antica, in cui l’uomo non fa e non deve fare mai un piffero e la donna regge le sorti del focolare portando avanti la tradizione del mestiere più antico del mondo. Un vero e proprio idillio matriarcale che dalla bisnonna è giunto fino alla madre e che sarebbe in seguito dovuto passare alla sorella Esmeralda, che così avrebbe tenuto alta la bandiera di famiglia.

Purtroppo le cose non vanno come si spera, Esmeralda decide di sposarsi (con chi non si sa, dalla voce il personaggio dello sposo sembrerebbe impersonato da Riccardo Garrone) pertanto Angela decide di portare orgogliosamente avanti la tradizione familiare, pur dovendo imparare tutto da zero. Come risolvere il problema? Semplice, basta andare a chiedere aiuto al re dei protettori, il migliore sulla piazza, noto come “il professore” (Gino Bramieri).

Inizialmente questi cercherà d’instradare Angela alla nuova professione dandole tutti i consigli e le dritte giuste, facendole conoscere l’ambiente e frequentare le varie “colleghe” di lavoro. Col tempo però scaturisce un dolce sentimento e l’amore, quello vero, raggiungerà  i cuori di entrambi: Angela diventerà  una brava moglie, mentre “il professore” da bravo marito ripiegherà  per una professione più onesta anche se meno remunerativa: guida turistica di Roma. E vissero tutti felici e contenti.

Tutti i brani vennero raccolti in un album che porta il nome dei due protagonisti, ma che in realtà vede la presenza di molte più voci; riascoltato oggi fa sorridere per i toni delicatissimi con cui vengono trattati certi argomenti, giocato tutto su innocue insinuazioni e doppi sensi mai volgari.

Un bell’album in cui poter apprezzare un Gino Bramieri un po’ inedito ma sempre in grande spolvero (giusto per ricordare che non era solo Nonno Felice o quel signore che raccontava le barzellette), mattatore e protagonista assoluto, e una ottima Milva che debutta in veste di attrice teatrale in questa commedia leggera prima di passare a Giorgio Strehler e Bertolt Brecht. Chiaramente figlio dei suoi tempi, ma indubbiamente tutto da sentire e gustare!

Alex e Vittorio “Vikk” Papa

Tracce:
A1. I Cantori Moderni Di Alessandroni – Tu, L’Angelo Pilota
A2. Milva – Che Famiglia
A3. Gino Bramieri e i Cantori Moderni Di Alessandroni – Tu Lo Sai Chi Sono Io?
A4. Gino Bramieri e Milva – Passeggiare
A5. Gino Bramieri, Milva e i Cantori Moderni Di Alessandroni – Esmeralda
A6. Milva e i Cantori Moderni Di Alessandroni – È Amore Quando
B1. Gino Bramieri, Milva e i Cantori Moderni Di Alessandroni, Toni Ucci e Solvejg D’Assunta – Bello, Bello, Bellisimo Questo S. Valentino
B2. Milva – Qualcosa Di Mio
B3. Gino Bramieri e i Cantori Moderni Di Alessandroni – Stasera Mi Sento In Bandiera
B4. Giusi Raspani Dandolo e i Cantori Moderni Di Alessandroni – Bella La Vita!
B5. Milva e i Cantori Moderni Di Alessandroni – È Amore Anche…
B6. Gino Bramieri, Milva e i Cantori Moderni Di Alessandroni – Finale

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!