Frank Zappa Tengo 'Na Minchia Tanta (1982)

Tengo ‘na minchia tanta, la canzone di Frank Zappa preferita dagli italiani

Frank Zappa è stato e continua ad essere un personaggio incatalogabile, vero e proprio cappellaio matto baffuto del rock’n’roll, musicista onnivoro capace di spaziare a 360° dal rock, alla musica classica, passando il jazz e musica demenziale, senza contare che fu anche un talent scout dal fiuto sopraffino (Alice Cooper, Captain Beefheart, Terry Bozzio, Steve Vai, Vinnie Colaiuta…).

Frank Zappa - Tengo 'Na Minchia Tanta (1982)

Nella sua lunga ed intensissima carriera il nostro non si è mai dimenticato di omaggiare le sue origini tricolori andando addirittura a riesumare le composizioni di un omonimo violoncellista milanese vissuto oltre 200 anni prima, nell’album Francesco Zappa del 1984.

L’incontro ufficiale con la musica italiana era avvenuto però un paio d’anni prima, quando, con l’aiuto di Massimo Bassoli (amico, fotografo e biografo dello stesso Frank) incise la sua prima ed unica canzone in italiano, davvero lontana dalle raffinatezze barocche che seguiranno.

Il mood del brano pare subito chiaro sin dal titolo: Tengo ‘na minchia tanta, è un rock robusto dai toni dissacranti e volgarotti, con tanto di ricercato retrogusto misogino. Passaggi come «Tengo ‘na minchia tanta, tengo ‘na minchia accussì / guarda che se la mangia / e mentre se la sta a pappà / chiedimi che cosa fa / se la sta a succhià» lasciano davvero ben poco spazio all’immaginazione, ma la volgarità viene stemperata dal nonsense intrinseco del personaggio che ci regala passaggi come «Devi usare un pollo / Devi usarlo per misurar / Devi usare un pollo / Così me la potrai succhiar».

Il brano, nonostante fosse poco più che uno scherzo uscito dalla sala d’incisione (difatti non fu mai suonato live e si trova solo nella ristampa di Uncle Meat come materiale aggiuntivo), continua a suscitare un certo interesse forse più tra il pubblico alla ricerca di brani “diversamente belli” che tra gli afacionados dell’artista americano.

Tengo ‘Na Minchia Tanta

Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.
Devi usare un pollo, devi usare un pollo
Se me la vuoi tastar.

Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.
Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.

Devi usare un pollo
Se me la vuoi misurar
Devi usare un pollo
Se me la vuoi tastar.

Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.
Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.

Guarda che se la mangia
Guarda che se la mangia
Guarda che se la mangia
Guarda che se la mangia
E mentre se la sta a pappà
Chiedimi che cosa fa
Se la sta a succhià.

Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.
Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.
Devi usare un pollo
Devi usare …se la vuoi misurar.
Devi usare un pollo
Se me la vuoi tastar.

Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.
Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.
Come on baby
Come on baby, suck my fire!
Oh yeah
Guarda che se la mangia
Tengo ‘na minchia accussì.

Guarda che se la mangia
Mentre se la sta a pappà.
Chiedimi che cosa fa
E’ chiaro! Se la sta a succhià
Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.
Guarda che se la mangia
Guarda che se la mangia
E se la sta a pappà.

Darling, darling, darling
Look at your sister
Do something like that, thanks.
Devi usare un pollo
Devi usarlo per misurar.
Devi usare un pollo
Così me la potrai succhiar.
Ooh, you both suckin’ stereo
Jesus

Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia accussì.
Tengo ‘na minchia tanta,
Tengo ‘na minchia tanta
Tengo ‘na minchia tanta.