Home Illustri Sconosciuti Fear - Fuck Christmas (1982 - 7")

Fear – Fuck Christmas (1982 – 7″)

-

Fear - Fuck Christmas (1982 - 7")Alle volte si sprecano a casaccio appellativi come “fondamentale” o “seminale”, ma per i Fear la band dell’irrequieto Lee Ving è il minimo che si possa dire.

Con i Fear già nel 1977 il punk era potenzialmente morto non certo per il loro atteggiamento nichilista, maschilista e strafottente (o semplicmente “punk”) immortalato nel film The Decline of Western Civilization, ma per la musica che contemporaneamente definiva il perimetro per tutto il vero suono punk rock futuro (ed il successivo movimento hardcore) e ne espandeva i limiti verso sonorità differenti e più sperimentali, con cambi di tempo improvvisi ed incursioni estemporanee in generi differenti (caratteristiche che saranno tanto care ai Faith No More).

La band realizzò il suo primo LP “The Record” solo nel 1982 e durante le stesse sessioni di registrazione incise “Fuck Christmas” uscita come singolo; il brano è per molti versi la canzone natalizia definitiva che parte “dolce” e termina in una sfuriata finale in stile hardcore ante litteram; nel mezzo troviamo poche ma illuminanti liriche sulla visione del Natale in chiave punk; il tutto in soli 40 secondi.

Don’t despair,
just because it’s Christmas.
Children, they’re
all so gay at Christmas.
All the children on the street
hope they get something good to eat.
But for me it’s not so great.
Fuck Christmas!

Come lato b venne incisa “(Beep) Christmas” ovvero la versione censurata del lato a per cercare di far passare il brano per radio.

Successivamente la band cambiò diverse volte line-up con il solo Lee Ving alla guida (anche un giovanissimo Flea fece parte della band per un breve periodo), ma seppur realizzando altri dischi non riuscì mai a sfiorare l’urgenza del debutto che, oltre ad influenzare migliaia di punk band, negli anni è stato tributato da Soundgarden, S.O.D., Guns N’ Roses, Turbonegro e A Perfect Circle.

Se volete avere un breve assaggio della loro carica live guardatevi questa versione di “Fuck Christmas”; se siete stanchi delle solite “Jingle Bells” e “White Christmas” ora sapete come rimediare.

Tracklist:
1. Fuck Christmas (:42)
2. (Beep) Christmas (:40)

I più letti

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Carmen Russo – Nuda (1985 – 7″)

Il 1985 di Carmen Russo sembra scandito dal ricordo di spiagge esotiche come la tastierina nell’intro del pezzo ci suggerisce; un’atmosfera frizzantina e leggera....

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Momo – Fondanela (2007, CD singolo)

Eccoci di nuovo a parlare del Festival di Sanremo. Questa volta però non vi parleremo di “artisti” partecipanti, di vincitori e di vinti, ma...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

5 COMMENTI

  1. Porca tr***, questi erano veramente micidiali. “Fuck Christmas” poi, è bellissima. Parte piano per far risaltare bene le liriche e chiude con un un orgia hardcore. Perfetto.
    Per gli adepti consiglio il libro “American Hardcore” (Shake edizioni”)… e come regalo di Natale, ovviamente… il mio “La Luna Sotto Casa”, stesso editore.

    Grande Vikk, che evochi (tra una collasso e l’altro)anche questi gioielli.

    John Martin
    https://classikrock.blogspot.com

  2. grazie per questa perla.
    “”The Record” e’ un album che tutti dovrebbero avere (rigorosamente in vinile)” stavo per dire che ormai è reperibile solo sul mercato dell’usato a prezzi folli, ma googlando ho appena scoperto che è stato ristampato 🙂

  3. Avrei consigliato anch’io “American Punk Hardcore – a tribal history” di Stephen Blush, edizioni Shake, 17 eurini, come succosa strenna di natale.

    Oppure il DVD American Hardcore, che però è solo in inglese, senza considerare “The Decline of Western Civilization” di Penelope Spheeris.

    Ma l’ hanno già fatto altri, percui mi associo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero inimitabile minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato é quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...

La crisi tra Stati Uniti e Iran in 10 canzoni

L'inizio del 2020 è stato segnato dall'ennesima crisi politico-diplomatica-economica tra Stati Uniti e Iran, tra nuove preoccupazioni e vecchie tensioni mai sopite. Come sempre,...