Home Illustri Sconosciuti Enzo Carella - Barbara (1979 - 7")

Enzo Carella – Barbara (1979 – 7″)

-

Enzo Carella - Barbara (1977 - 7")“Tentami
Toccami con l’alito
Fammi un caldo in più
Dolce tu per tu

Rubami
Con le trecce allacciami
C’è più smania in noi
Che dall’onda in poi

Tienimi
Tra le mani e l’anima
Fammi un male tenero
Fantasiosa e Barbara”

Così inizia “Barbara” di Enzo Carella, un sensualissimo disco-funk che permise al cantante di arrivare secondo al Festival di Sanremo nel 1979. La canzone nasce dalla collaborazione tra Carella e Pasquale Panella, paroliere divenuto in seguito famoso per le collaborazioni con Lucio Battisti nel periodo post-Mogol.

Prodotto da Vincenzo Micocci (della IT), Carella inizia subito a collaborare con Panella per la produzione del primo album, uscito nel 1977, “Vocazione”. In un’intervista il cantante ricorda così l’incontro con il paroliere: “Il suo modo così particolare di scrivere mi ha subito conquistato ed ho accettato volentieri di averlo come collaboratore. Purtroppo eravamo tutti e due troppo avanti e la gente ci mise molto tempo prima di cominciare ad apprezzare le nostre canzoni”.

Il vero successo arriva nel 1979, anche grazie alla partecipazione a Sanremo, con la canzone “Barbara” e il buon album “Barbara e Altri Carella”, un 33 giri che permise al nostro di passare alla RCA. “Quella di Sanremo è stata per me un’esperienza indimenticabile. Arrivai sul palco dell’Ariston che ero poco più che un’esordiente e conquistai nientemeno che il secondo posto assoluto. Ricordo che la cosa che mi impressionò di più fu il grande nervosismo che serpeggiava dietro le quinte tra i cantanti, sembrava che si stessero giocando la vita. Io, in virtù del mio carattere giocoso e della fortuna di aver raccolto un sacco di voti dalla giuria popolare, riuscii a tenermi fuori dall’andazzo generale, conservando una certa allegria e leggerezza. La mia “Barbara” ebbe un discreto successo, infatti, piace ancora oggi, anzi, piace più oggi che allora. Sono molto orgoglioso di questo”.

Enzo Carella
Enzo Carella

Il testo della canzone, per quanto superficialmente comprensibile, racchiude dei doppi sensi e delle rime apparentemente casuali, che ne accentuano la componente poetica, tipica dello stile di Panella; chi conosce il paroliere per le collaborazioni con Battisti, sa bene quanto può diventare criptico il suo stile di scrittura.

“Ho freddo in mano
Ti tocco piano piano
Ho freddo al pianto
Mi faccio accanto accanto
Ho freddo al bacio
Ti bevo goccia a goccia
Ho freddo ancora
Il freddo m’innamora”

Nel 1981 esce l’ottimo “Sfinge”, il terzo lavoro del cantante romano, album che vanta la collaborazione alle musiche di Elio D’Anna (degli Osanna) che, combinata ai testi dell’immancabile Panella, gli farà ottenere un buon risultato di vendite.

Nonostante le vendite incoraggianti Carella si concede ben undici anni per la produzione del quarto album; da quel momento in poi non è più riuscito ad ottenere visibilità e le sue produzioni si sono fatte più dilatate nel tempo. Sono solo tre gli album compresi tra il 1992 e il 2007 più una raccolta di successi. “Vedete, i dischi si fanno per essere venduti, io, a parte la “Barbara” di Sanremo, non ho mai avuto questa fortuna perciò, dopo un po’ che era uscito ogni mio nuovo album, constatato che non era successo granché, quasi mi offendevo e pensavo: no, voi non mi meritate. Continuavo a suonare, perché la musica è la mia più grande passione, ma in privato, senza incidere niente, magari mi mettevo insieme a qualche amico musicista in una cantina e mi divertivo così”.

La notizia più recente che potrete trovare in rete su Carella è quella riguardante il suo arresto, nel 2011, con l’accusa di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Il cantante è stato processato per direttissima e subito rilasciato poiché incensurato.

I più letti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

6 COMMENTI

  1. Genio cantautoriale avanti con i tempi, ha precorso gli album di Battisti ( che ha scelto Panella dopo Mogol proprio perché aveva ascoltato Carella). Da recuperare assolutamente anche i singoli precedenti: Fosse Vero e Malamore ancora piu’ intriganti…

    • Verissimo, cantautore e cantante sottovalutato avanti 20 anni nella musica che poi sara’ stata…..un abbraccio all’ Enzone nazionale….

  2. Il fatto che nel ’79 ci sia nato denota il buon gusto dei miei genitori nel non essere stati interessati dalla televisione durante quel periodo.

  3. Ho appena visto una sua esibizione su Techetechete(Barbara) con ragazze Sandwich,baffo malandrino e colpo di gamba stile can can verso fine pezzo.Ne sono sinistramente affascinato…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...