Home Comica e Demenziale Enrico Beruschi - Sarà Un Fiore (1979 - 7")

Enrico Beruschi – Sarà Un Fiore (1979 – 7″)

-

Enrico Beruschi Sarà Un FioreIl Ragionier Enrico Beruschi (Beruscao per gli amici di Drive In), classe 1941, milanese DOC e comico di spicco nella TV dei primi anni ’80, si cimentò nell’arte canora a modo suo; prima con la sigla del programma Qua La Zampa nel 1977, poi partecipando sontuosamente al festival dei fiori (finti) di Sanremo nel 1979 con una marcettina dal testo a doppio senso di cui si stenta a credere che non ci sia lo zampino di Arbore & Co. Invece c’era voluta addirittura la triade di autori Conti-Panzeri-Pace per creare questa perla titolata “Sarà Un Fiore”(poetico calembour per alludere al sesso maschile) che, non dimentichiamocelo, arrivò quinta (!) alla finale Sanremese e questo la dice lunga sulla qualità della musica italiana (e delle giurie) dell’epoca.

Sontuosamente dicevamo, perché il Ragioniere arrivò sul palco con una ventina di coristi ed attaccò a cantare, o meglio a filastroccare con quel suo faccione barbuto, una serie di strofe all’apparenza ingenue ma ovviamente riferite ad altro… Se dovessi riassumere il senso di questa vaccata metaforica la spiegazione del testo sarebbe questa: Enrico invita la sua Marisa in casa offrendole una lauta cena a base di pere e formaggio, ma poi sul più bello della serata, l’espressione di ingenua meraviglia meneghina “Cusa l’è che’s’ chì?” alla vista del membro beruschiano fa sprofondare il Ragioniere nello sconforto più nero (“Ma come !!!” ripete disperato all’inizio di ogni strofa).

Dopodiché, una volta sposati e passati ormai diversi anni la signora scopre la routine del talamo e le delizie dell’infedeltà coniugale grazie al postino “birichino birichino che bussava ogni mattino” per cui al povero Beruschi non resta che una mesta considerazione finale: “Ma la donna quando vuole dice sì!”, come a dire: “le corna arrivano sempre, aspettale!”, e via con l’accorato ritornello:

Sarà un fiore
Che cresce con la pioggia e con il sole
Se c’è la luna cambia di colore
Marisa, dai non chiedermi cos’è!

La canzone è ovviamente figlia dei cabaret milanesi (Il Derby in testa), ma anche discendente di quella leggerezza equivoca che ha nella “Pansé” di Gigi Pisano (1953) la sua capostipite musicarella più conosciuta fuori dai palchi dei tabarin.

L’unico problema è che il brano non aveva proprio un argomento adatto ai più piccoli pur avendo una struttura melodica decisamente banale per le orecchie adulte, il che lo fece scivolare presto nell’oblio delle italiche fetecchie. Beruschi continuò comunque a cimentarsi in altre due o tre prove canore di questo livello, tra cui “Urca che bello!”  del 1980, “Volevano andare a Genova”(1981) ed il singolo estivo “Mira l’onda del mar”(1985).

Dopodiché il piccolo schermo ebbe la meglio per sua (e nostra) fortuna, in fondo Beruscao lo ricordiamo più volentieri come il buffo marito angariato dalla moglie Margherita che come cantante, sebbene siamo genuinamente attratti dalla sua capacità di inserire sottili (ma neanche tanto) doppi sensi in banali canzoni apparentemente per il più piccoli.

I più letti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...