Home VIP Canterini David Hasselhoff - Night Rocker (1985 - LP)

David Hasselhoff – Night Rocker (1985 – LP)

-

David Hasselhoff Night RockerLa prima prova discografica di David Hasselhoff è contemporaneamente la migliore della sua lunga discografia e la più patetica. Il mitico Michael Knight ce lo ritroviamo piazzato sulla copertina dell’album con il suo sguardo da manzo che imbraccia una Gibson Explorer sul cofano di una vettura nera che, guarda caso, ricorda l’auto dei sogni K.I.T.T. sua fedele compagna di avventure.

Il disco mantiene le aspettative (quali, vi chiederete voi) e difatti si dimostra un insulso frullato di rock radiofonico, pop insipido e slanci AOR, delineando sin dal principio il limbo sonoro nel quale piacerà sguazzare a The Hoff.

La title track è il perfetto summa del nulla hasselhoffiano in pieno stile Frank Stallone (quindi poi non tanto male considerando il resto), la scatenata “Do You Love Me” non è molto di più che un brutto scherzo, forse registrato in una notte alcolica del nostro su una base per karaoke, mentre ascoltando l’inenarrabile ballad “Any Kind of Love at All” ci si imbarazza per l’attore americano che si trasforma magicamente in un perfetto cantante da matrimoni accompagnato dalla voce di Catherine Hickland (che impreziosisce anche “Our First Night Together” per la quale è stato girato anche un imprescindibile videoclip e la cover conclusiva “Let It Be Me” inserita addirittura in una puntata di “Knight Rider” dallo stesso titolo); il resto è puro decorativismo sonoro da quattro soldi estremamente kitsch.

Successivamente l’album venne ristampato con una copertina da fotoromanzo perdendo anche quel fondo di magica tamarraggine un po’ ironica che sprigionava in origine.

Tracklist:
01. Night Rocker
02. Crazy On a Saturday Night
03. Do You Love Me
04. Our First Night Together
05. She Cried
06. No Way To Be In Love
07. Any Kind of Love at All
08. All The Right Moves
09. No Words for Love
10. Let It Be Me

I più letti

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Donato Mitola: l’ineffabile cantante di Mai Dire TV

Aggiornamento maggio 2018: Abbiamo avuto conferma da ex colllaboratori di Donato Mitola che purtroppo l'istrionico performer è scomparso qualche anno fa. Siamo ancora alla...

Playlist – Le peggiori canzoni italiane del 2019

Tutto non scorre. Anche il 2019 ci ha presentato puntuali come negli ultimi anni un polpettone di suoni pescati dai soliti plug in di...

6 COMMENTI

  1. Cero che si! Nella sua canzone “Americanos”, Caetano Veloso dice:
    “Os americanos representam boa parte
    Da alegria existente neste mundo”
    E’ o non è un superfikus?

  2. Il capolavoro di The Hass resta però “Crazy for you”,in cui plagia addirittura i Village People!!! Anche il video è super Trash (con la T maiuscola!)

  3. Nel mio primo viaggio a Vienna-l’anno dopo l’uscita di questo disco-mi stupii a scoprire che il nostro David era popolarissimo in Austria; so che quando gli dissero che in quel Paese aveva vari dischi in classifica, lui commentò ‘Molto piacere. Dov’è l’Austria?’

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...