Home Big della Musica Cyndi Lauper - Merry Christmas... Have a Nice Life! (1998 - CD)

Cyndi Lauper – Merry Christmas… Have a Nice Life! (1998 – CD)

-

Cyndi Lauper - Merry Christmas... Have a Nice Life! (1998 - CD)Cyndi Lauper fa tenerezza: a parte aver sfoggiato per anni un gusto talmente pessimo nell’abbigliamento da essere quasi bello non sa fare molto di più, un po’ come miss Ciccone, ma senza l’abilità di sapersi scegliere i produttori giusti al momento giusto.

Abbandonata da anni ogni velleità da classifica, con apprezzabile tenacia lei è sempre lì ad incidere album su album. La sempre biondissima Cyndi quindi poteva forse lasciarsi scappare l’occasione di un disco di Natale? Assolutamente no!

Dimenticandosi che era nel 1998 la Lauper sfoggia sulla copertina una bella mise anni ’80 (non che voglia disprezzare, per carità!) augurandoci non sono un felice Natale, ma anche una buona vita!

Purtroppo questi auguri si esauriscono alla copertina, perchè il disco è terribile; un pastrocchio di colori, ritmi e sapori diversi… una specie di tacchino ripieno con i gusti più diversi.

L’iniziale “Home On Christmas Day” è davvero bella ed avrebbe potuto essere scritta da cantautrici come Meredith Brooks o Joan Osbourne, purtroppo a parte questa perla da qui in avanti sembra di entrare nella fabbrica del cioccolato di Willy Wonka: “Rockin’ Around The Christmas Tree” con un arrangiamento scandalosamente brutto sembra la classica canzone da ballo di gruppo per il veglione di Capodanno, si peggiora con la demenziale “Christmas Conga” dal sapore mariachi, “Minnie And Santa” suona come una pessima canzoncina per bambini, “New Year’s Baby (Lullaby)” è un brutto pop natalizio insapore come i panettoni da discount. “Feels Like Christmas” è un mezzo pasticcio di fisarmoniche folk, chitarre rock e ritmiche pop-dance, ma ha uno di quei ritornelli che si appiccica in mente alla velocità della luce, nonostante le premesse assolutamente promossa.

Nelle ultime due tracce la cantante americana rischia grosso e prova a giocare la carta del vocal pop cercando di scimmiottare Celine Dion e, supportata da arrangiamenti celtici, l’Enya più pop, ma con risultati abbastanza modesti anche se la sua “Silent Night” ha un certo fascino.

Tutt’altro che il meglio della produzione della platinatissima Cyndi che però un paio di brani memorabili riesce comunque a regalarceli (se dimentichiamo tutto quello che ci sta intorno).

Tracklist:
01. Home On Christmas Day
02. Early Christmas Morning
03. Rockin’ Around The Christmas Tree
04. Christmas Conga
05. Minnie And Santa
06. Feels Like Christmas
07. Three Ships
08. New Year’s Baby (Lullaby)
09. December Child
10. In The Bleak Midwinter
11. Silent Night

I più letti di oggi

2 COMMENTI

  1. Ciao, ho appena scoperto il tuo sito, devo farti i miei complimenti per l’idea. Da anni sono un inguaribile estimatore della musica trash, tuttavia devo dissentire su quanto hai scritto di Cyndi Lauper: è vero che per anni ha vestito malissimo ma questa piccola donna è una delle più talentuose nel panorama della musica internazionale al femminile. Ha doti vocali non indifferenti e alcuni suoi dischi resteranno nella storia (vedi She’s so unusual e True Colors solo per citare qualche titolo). Detto questo, è innegabile che il suo album natalizio sia un guazzabuglio di generi e di musica trash-pop ma rispetto alla sua normale produzione è una goccia in mezzo al mare. Infatti è il disco che riesco ad ascoltare di meno perché alcuni brani sono veramente tremendi. Ti ringrazio comunque per aver ricordato la sua esistenza visto che ormai per i più è diventata una meteora e molti non sanno nemmeno chi è.

  2. guarda, io apprezzo molto alcuni pezzi tra cui il mio peferito è “She Bop” che avrei voluto reinterpretare in chiave punk-metal alla Adndrew WK 😀

    resta sintonizzato perchè in programma c’è anche di parlare di dimenticatissimi Blue Angel

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

SEGUICI SU INSTAGRAM @ORROREA33GIRI