Checco Zalone - ...Se Non Avrei Fatto Il Cantande (2006 - Libro + CD)

I dischi di Checco Zalone rimangono a tutt’oggi un mistero della comicità

Checco Zalone - ...Se Non Avrei Fatto Il Cantande (2006 - Libro + CD)

Checco Zalone, alias Luca Medici, è uno dei tanti personaggi che hanno popolato il 2006 made in Italy. Il suo è un successo che arriva inaspettato.

Dopo un fortunato esordio a Zelig, Luca viene invitato spesso e volentieri a presentare il suo personaggio Checco nelle varie radio. Ed è proprio a Radio Deejay che viene per la prima volta suonata la hit “Siamo Una Squadra Fortissimi”, una summa dello stile di Checco, pieno di strafalcioni voluti e ritmi “ipermaranza” (la peggio dance per lobotomizzati, insomma).

Subito la radio viene subissata di telefonate che richiedevano il pezzo. Ben presto viene pubblicato il singolo e il nostro Luca diventa un fenomeno nazionalpopolare, vero e proprio “caso” musicale di quell’anno. Il pezzo, che parla degli scandali del calcio italiano, arriva proprio al momento giusto e traghetta il nostro Checco nell’olimpo dei “musichi” italiani.

Al pezzo Checco fa seguire il disco (con libro allegato) “…Se Non Avrei Fatto il Cantande”, contenente altre belle perle come “La Ginnastica”; il disco prosegue poi con vari pezzi ad altro tasso ironico, come “La Mia Prima Fidanzata” o “La Clobalizzazzione”, che parla delle grosse incomprensioni sul tema da parte della “povera ggente”; sostenuta da un ritmo incredibilmente tamarro, con tanto di vocoder tipico delle produzioni spaghetti-dance tanto in voga tra i giovinastri italici.

Il disco si chiude con un paio di altri pezzi pesantissimi come “Checco Rap” o “Zio Santuzzo”, ultime perle di un disco bello carico di momenti alti e bassi (voluti e non).

Sfido chiunque a non skippare le tracce, che alternano momenti truzzi a pezzi pop in stile neomelodico, segnaliamo anche il singolo dal titolo “I Juventini”, che sfotte la mitica Juventus, finita nel campionato di serie B dopo i vari casini che hanno visto coinvolto il factotum Luciano Moggi.

Avevamo bisogno di tutto ciò? Onestamente no.

Tracklist:
01. Io faccio il cantande
02. La ginnastica
03. La polizzia
04. Telefonata impossibile – mi e’ finito il credito
05. I cinesi
06. La mia prima fidanzata
07. Mia cuggina
08. Mimma
09. Telefonata impossibile remix – la batteria e’ scarica
10. La clobalizzazzione
11. Checco rap
12. Ritardo mestruale
13. Telefonata impossibile reremix – non ci sta chu’ na tacc
14. Zio Santuzzo (feat. Checco Consoli)

Se Ce L’O’ Fatta Io… Ce La Puoi Farcela Anche Tu (2007 – CD)

Checco Zalone Se ce l'o fatta ioChecco Zalone è il quarto segreto di Fatima. Non si capisce perché mai un personaggio tanto inutile e imbarazzante sia finito in TV e soprattutto perché mai gli abbiano fatto incidere non un disco (quello, lo sappiamo, non lo si nega a nessuno) ma addirittura molteplici!

Io mi domando e dico, ma a chi fa ridere la comicità di Luca Medici? Come parodia del cantante neomelodico è pessima e soprattutto fanno molto più ridere gli originali, quindi Zalone finisce per risultare come una patetica e triste macchietta.

Bisogna essere davvero ottimisti per sperare che qualcuno possa farsi due risate con brani come “Se Ce L’O’ Fatta Io” o “Testimona di Genova” che giocano sullo stereotipo del personaggio alle prese con improbabili costruzioni grammaticali e ignoranza ruspante; la cosa che potremmo definire più comica è “Sfasci Famiglie” con giochi di parole che neppure il fratello alcolizzato di Totò si sognerebbe mai di usare nemmeno per scherzo.

Per cercare di risollevare le sorti il nostro si butta sulla nobile arte delle imitazioni da pianobar e come un Fiorello all’ultima spiaggia ci regala i soliti Ramazzotti, Vasco e Jovanotti.

Nonostante tutto, questo CD ha una sua utilità: vi permetterà di testare se la funzione “skip” del vostro lettore funziona correttamente.

Visto il successo mediatico al cinema, alla TV, in teatro e pure nella musica, probabilmente siamo noi a sbagliarci, ma continuiamo a non ridere a distanza di 10 anni.


Tracklist:
01. Se ce l’o’ fatta io
02. Testimona di Genova (feat. Mariangela Eboli)
03. Finisce qui (feat. Mariangela Eboli)
04. La sala
05. Sfascia famiglie
06. W le tette grosse (Checco Casadei feat. Mario Rosini)
07. Stitica/Zio Santuzzo (Midlei Laiv) (Checco Consoli)
08. Va be’ (Laiv)
09. Mi piace quella cosa (Laiv)
10. Grandissima storia (Checco Ramazzotti)
11. Fiducia nel prossimo (Checco Cherubini)
12. I Juventini (Niu Verscion Laiv)
13. Siamo una squadra fortissimi (Laiv)

  1. D’accordo coi comici: è chiaro che non è una questione di generalizzazione territoriale ma oggi in Italia quali sono i comici che fanno ridere?
    SECONDO ME, sono pochi, e quei pochi sono romani…. comunque è soggettivo..
    Ammetti che quel cd non l’hai mai ascoltato dai….. ti perdonerò…
    Anche se, per scrivere degli articoli, bisognerebbe sapere di cosa si sta parlando…..
    Il link mi servirebbe solo per avere conferma: il cd ce l’ho e di certo non me ne vergogno, stanne certo.
    Barbagli

  2. “Adoro” la musica Trash per capire fin dove può arrivare la coglionaggine, per chiedermi ogni volta se veramente questi personaggi si sentono artisti oppure lo fanno per scherzare… ma Checco Zanone è davvero spazzatura di quella fetida, a sto punto meglio WANNA MARCHI con il microfono a cuoricino “D’accoooordo????” o piuttosto (e non “piuttosto che” come usano dire i D.J ANALFABETI) Cristiano Malgioglio “Sbucciamiiii”, almeno qualche congiuntivo lo beccano. “SE AVREI…” al posto di “SE AVESSI…” è il Non plus ultra, basta dare un’occhiata ai vari Blog, e credimi, personaggi del genere non fanno che aumentare la dilagante ignoranza!!!
    SENTITAMENTE

  3. Intanto io mi vanto di saper suonare alla perfezione “zio santuzzo” con tanto di splendida imitazione.

    Grazie al cazzo, a tutti. 😀

  4. haime’ sto perdendo di vista la scena musicale italiana che tanto ci ha dato, ma ne sto guadagnando in salute mentale 😀
    Penso che Fabri Fibra arrivera’ assieme a Mondo Marcio (attendo news da Romo – te ne vuoi occupare tu?).
    Non concordo che i veri comici siano romani (io non ne farei una questione territoriale) ma quelli che fanno ridere.

    PS ripeto che il disco della Hunkizer e’ stato in loop per 2 giorni nel mio computer (tanto che il mio coinquilino ha cominciato a preoccuparsi). Barbagli non credo che tu abbia bisogno del link per scaricarlo vero 😉

    ciao

  5. Mi chiedo quale sia la casa discografica che permette un tale scempio. Come comico è terribile (un po’ come tutti quelli di Zelig: i veri comici sono quelli romani, altro che milanesi; e lo dico da lombardo quale sono….).
    Ora, devo ammettere che ho sentito solo “Siamo una squadra fortissimi” e “I juventini” delle sue canzoni (e lo dico serenamente, non come vikkhtor nel caso del cd “Lole”…..), ma già queste 2 mi bastano….. è il classico comiciattolo-cantante esordiente che in Italia, senza merito, diventa sempre tanto famoso e quasi osannato….. E poi prendersela col calcio italiano (tra l’altro la Nazionale, vincendo i Mondiali lo ha smentito e ha reso del tutto insulsa la sua prima “hit”) e con la Juve mi sembra un po’ troppo facile…..
    Infine, mi infastidisce questo suo fare il “nuovo abatantuono” con storpiature di parole che dovrebbe lasciare al succitato personaggio, o a chi ha più capacità di lui….
    Ritengo comunque che se ora è famoso lo deve a questo popolo spesso “odioso” nei suoi gusti musicali e “di spettacolo”. (lo stesso vale per tanti altri cantanti terribili come Cremonini, Ferro, Fabri Fibra e Meneguzzi…. di cui questo sito dovrebbe parlare….).
    Barbagli

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!