carla urban mangiamania

La canzone piú pazza sul cibo: Mangiamania di Carla Urban

Ognuno di noi ha dei tormentoni che per qualche assurda ragione rimangono appiccicati al cervello come del chewing gum su un tappeto persiano. Io, tra i miei tanti deliri, sono solito canticchiare proprio Mangiamania (che magari ricordiamo erroneamente come Mangimania) unica opera canora della giornalista improvvisata cantante Carla Urban, nonché sigla dell’omonimo programma culinario in onda su Rai Due nel 1983.

Carla Urban Mangiamania

In realtà la nostra tecnicamente non canta neppure, ma quello che conta è la follia intrinseca del testo scritto utilizzando la tecnica delle associazioni casuali o molto più probabilmente dopo aver ingurgitato qualche fiasco di vino della casa.

Quello che ci affascina è che inzialmente la canzone sembra la solita squallida sigla riversata inspiegabimente su un 45 giri, su cui Carla Urban riprende l’ascoltatore per le sue insane abitudini alimentari, per poi virare rapidamente su tematiche da “sesso in manicomio” con tanto di sospiri e gemiti strozzati tra le righe:

Mangi il vino e bevi il pane
mangi me con tutti gli occhi;
lasci il piatto raffreddare,
mangia dai… ho ancora fame.

Mangio prima ed anche poi,
già stracotti siamo noi.
Mangia me e la mia mania.

Mangio amore nelle mele,
mangia… assaggia… siamo noi!
Le mani? Le mangeremo poi!
Mangi bene?
Ti mangi le mani?
Ma poi mangi le mani,
dai rimani!

Carla Urban vuole chiaramente portarsi a letto il partner che, probabilmente accortosi dell’instabilità mentale della ragazza, sta inventando scuse su scuse pur di togliersela di mezzo.

A completamento una base musicale pazza e bellissima, con un groove talmente sghembo da assumere immediatamente senso, non a caso l’arrangiamento è del Maestro Carlo Maria Cordio. Il risultato dell’unione tra testo e musica è un piccolo gioiellino di camp music, una canzone talmente inquietante e gioiosa da volerla ascoltare almeno una volta a settimana.

Non possiamo non raccomandare questo piccolo capolavoro a tutti gli afacionados di musica diversamente bella.

  1. Ciao sono Carla….Mangimania si intitolava il programma e mangimmmmmaniiia…. rappertavo un po’ io, come scritto nel testo, che è MIO!,,,, che ridere.
    La regia era di Leone Mancini, mitico autore e regista del,replicatissimo “Ieri e Oggi”,
    Viveva in una fattoria ruspantissima. Girammo li programma, nella stalla, perché non c erano studi Rai disponibili quell estate.La sigla finale era Vamos alla Playa, che da lì prese il volo, trasmessa ogni sera prima del tg delle 20…..
    Perché. Mi telefono’ un tipo proponendomi la sigla iniziale. Minoli, capo struttura, e Mancini dissero :” perché no?,” e io :” non so neanche se so,cantare, non c è tempo per affinarmi…”.( io imparo,presto!).
    L autore della musica, Carraresi, mi disse che potevo fare un rap….non mi sentii a mio agio in registrazione…me ne uscivo coi miei sospiri e mugolii, assai perplessa. Ma gli atri ridevano sorpresi…ma si, se per voi va bene.
    Ero,convinta solo del testo….lo avevo scritto sfottendo la mia bulimia, ben sapendo,che buttarsi sul cibo è segno di qualche insoddisfazione. Mi fa piacere che sia un orrore oggi, che fa ridere, e sorrido parecchio anche io, femmina poco erotica..Volevo prendermi in giro, ora capisco la ridicolaggine.. Grazie ai collezionisti per l’interessamento. Vado a mordermi una mela….a quasi 70 anni ho ancora sempre voglia di dolce. Ciao ciao.

  2. Condivido una contorta curiosita’ per questa canzoncina tratta da un programma dimenticato. Ho visto su eBay che questo oscuro vinile ha un ancora piu’ sconosciuto lato B, tale “Ra-ta-ta”. Non potresti estrarre anche quella canzone, Vikk?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.