Broken Heart College

Broken Heart College rifanno Non puoi lasciarmi così dei Backstreet Boys

Rovistando tra gli avanzi di Sanremo 2010 come delle iene fameliche era inevitabile imbattersi nel duo più sfigato d’Italia: chi se non i Broken Heart College?

Penserete che parlare di questi Sonohra in versione “rockettino paraculo” sia come sparare sulla croce rossa, ma noi non abbiamo pietà per nessuno, soprattutto in questi casi.

Broken Heart College class of 2010

Gli spunti sarebbero diversi: quel disgustoso tormentone onomatopeico di NaNaNa, la versione di Wannabe che affidata alle Spice Girls indubbiamente funzionava, ma che nelle loro mani diventa un inno gay neppure divertente, il loro brano sanremese Mesi, ricamato su Beautiful Soul del bamboccio Jesse McCartney con il ritornello di T’appartengo dell’Ambra Angiolini che fu, oppure la loro tragicomica esibizione al teatro Ariston che ci ha fatto rivivere momenti che solo quelle sciagurate delle Lollipop seppero regalarci.

Con sprezzo del pericolo abbiamo voluto ascoltarci tutto d’un fiato il loro disco di debutto ancora caldo di stampa e il nostro occhio, o meglio orecchio, non poteva non posarsi su un titolo come Non puoi lasciarmi così. Alle teeenagers di oggi non dirà assolutamente nulla, ma chi era quindicenne sul finire degli anni ’90 ricorderà bene quando i Backstreet Boys, allora sulla cresta dell’onda, pubblicarono un’imbarazzante versione italiana del loro singolone Quit Playing Games (With my Heart).

Oggi come ieri ed ecco che i Broken Heart College pensano bene di reinterpretare quell’infame auto-cover (o auto-parodia) che speravamo di aver dimenticato in fretta. A peggiorare ulteriormente la situazione si aggiunge il fatto che questo miserabile pezzo risulta essere anche il brano di gran lunga migliore in quel mare di melodie per cellulari, chitarrine Chicco e autotune, che risponde al nome di “Class of 2010” in un enfasi di americanismo da paninari, al giorno d’oggi difficilmente spiegabile.

Tristi e patetici, ma sicuramente conquisteranno le radio anche perché qualsiasi canzone verrà suonata dopo un brano dei Broken Heart College sembrerà un capolavoro.

SUPPORTACI

Ti piace Orrore a 33 giri? Abbiamo voluto essere sempre indipendenti e per questo non abbiamo pubblicità sul sito. Se vorrai puoi aiutarci a sostenere le spese di hosting con una piccola donazione su Ko-Fi o PayPal. Grazie!