Home Big della Musica Bobby Solo ‎– Arrivederci Roma (1979 - 7'')

Bobby Solo ‎– Arrivederci Roma (1979 – 7”)

Una bizzarra discofollia che cerca di coniugare il vecchio e il nuovo in un improbabile melting pot musico-culturale

-

Bobby Solo Arrideverci RomaPer artisti affermati e di successo accade spesso che si cerchi di modernizzare il proprio suono, vuoi per dare una spolveratina al glorioso passato orma fuori moda, vuoi per cercare di stare al passo con i tempi costi quel che costi, vuoi per il gusto della sperimentazione e la ricerca verso territori differenti, vuoi perché bisogna comunque tirare a campare.

Lo hanno fatto tanti grossi nomi, dai Bee Gees ai KISS, da Alice Cooper ad Alan Sorrenti, dai Queen ai Litfiba. Nulla di strano quindi che anche il nostro Bobby Solo sul finire degli anni ’70 decida di prendere questa strada e tentare il colpaccio; un artista da sempre molto poliedrico con un occhio verso le sonorità americane tra Elvis Presley e Johnny Cash e uno verso le facili ballate romantiche da jukebox.

Quindi pare quasi normale che in piena discomusic-follia decida di prendere la sua hit Una lacrima sul viso e darle una nuova verniciata danzereccia. Più insolito, invece, che l’anno successivo decida di proporre una sua versione disco del classico Arrivederci Roma portato al successo da Claudio Villa nel 1958. Ancora più insolito che sulla copetina del 45 giri nella stampa per il mercato francese compaia in sella a una motocicletta in un terrificante fotomontaggio in barba alle più banali regole della prospettiva, con il faccione di Bobby al posto di quello di Marlon Brando ne Il selvaggio.

Così come per Una lacrima sul viso 78 anche qui il brano originale viene reso in formato anglo-italiano rielaborando la versione di Dean Martin, mostrandoci quello che sarebbe potuto accadere se Elvis Presley fosse scampato alla morte: un perfetto e quasi straniante incrocio bastardo di disco-crooning.

Bobby Solo Arrideverci Roma

Sul lato B troviamo Love Is Burning, che sembra quasi un medley di frammenti di canzoni prese dai film di Elvis con una base disco in un bizzarro risultato che troverà piena coronazione nell’album Rock’n’Roll: un LP che a discapito del titolo è una fusione assurda tra vecchi brani della tradizione rock americana e arrangiamenti discomusic.

Una folle e utopica bizzarria che cerca di coniugare il vecchio e il nuovo in un improbabile melting pot musico-culturale: i biker ribelli, la tradizione del bel canto italiano, la nuova musica da discoteca ed Elvis Presley. Il risultato è sicuramente curioso e per questo in grado di regalarci una fantastica chicca per appassionati dell’insolito.

Vittorio “Vikk” Papa e Domenico Francesco Cirillo

I più letti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Sanremo 1989: l’apoteosi di una catastrofe annunciata

L'edizione del Festival di Sanremo del 1989 rappresenta in modo perfetto lo zenit di tutto quello che il lettore più fedele di Orrore a...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Cicciolina (Ilona Staller) – Muscolo Rosso (1988, LP)

Se il primo disco di Ilona Staller, pur piacevole, era comunque in linea con il filone pop-disco anni '70, con il suo secondo ed...

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Raccolta differenziata: i precetti per riciclare la musica italiana

Siamo prossimi al collasso! Ci stiamo distruggendo con le nostre mani. O forse no, perché gli sbalzi climatici, dai più considerati atipici, sono semplicemente...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...