Blackmen L'Urlo Negro

The Blackmen – L’Urlo Negro (1966 – 7″)

Ultimo aggiornamento:

Blackmen L'Urlo NegroIl beat italiano dei favolosi anni ’60 ci ha regalato tantissime perle, soprattutto le innumerevoli versioni italianizzate dei successi d’oltremanica.

Tra la miriadi di band che in quel periodo rivitalizzavano la musica tricolore sgomitavano anche i Blackmen che non raggiunsero mai la ribalta ma guadagnarono fama eterna tra i cultori della musica “alternativa” con il loro magnifico 7” “L’Urlo Negro”, pubblicato nel lontano 1966.

La canzone, come si può intuire dal titolo, parla della rabbia, o meglio dell’odio, della popolazione nera nei confronti dei bianchi schiavisti, esprimendolo con poche, ma efficaci liriche:

lo sai che cosa hai fatto? a me!!
lo sai che cosa hai fatto? a me!!
lo sai che cosa hai fatto? a me!!

Ti odierò finché il signore non mi porterà con sè…

non farti più vedere!! da me!!
non farti più vedere!! da me!!
non meriti più niente!! da me!!

Non voglio più un padrone per raccogliere caffè

non farti più vedere!! da me!!
non farti più vedere!! da me!!
non meriti più niente!! da me!!

Non voglio più un padrone per raccogliere caffè

Quello che sorprende è soprattutto l’interpretazione vocale davvero “da urlo”; siamo nel 1966 ed il cantante dei Blackmen urla nel microfono con una rabbia quasi punk ed una potenza degna dei migliori singer heavy metal che avrebbero cavalcato le scene una quindicina d’anni dopo.

Una canzone entusiasmante che in poco più di due minuti e mezzo rende vecchio tutto il beat tricolore.

https://www.youtube.com/watch?v=OeGxfwTtnLE

Della grandezza di questa canzone se ne è accorto anche Mike Patton che nel suo ultimo magnifico progetto Mondo Cane interpreta magistralmente il classico dei Blackmen dando finalmente un po’ di visibilità a questo piccolo gioiello italiano. Due anni dopo  proverà anche Michele a dedicare una canzone alle popolazioni afroamericane vessate presentando una cover del classico di Elvis Presley “In The Ghetto” che diventerà appunto “Negro”.

SUPPORTACI

Ti piace Orrore a 33 giri? Puoi regalarci un caffè per sostenere le spese di hosting.

Abbiamo voluto essere sempre indipendenti e per questo non abbiamo pubblicità sul sito.

SEGUICI QUI