Home Illustri Sconosciuti Beatallica - Sgt. Hetfield's Motorbreath Pub Band (2007 - album)

Beatallica – Sgt. Hetfield’s Motorbreath Pub Band (2007 – album)

-

Beatallica Sgt. Hetfield's Motorbreath Pub BandI Beatallica sono uno dei tanti fenomeni di internet, sicuramente capaci di affrontare senza timori reverenziali il metal e le storiche composizioni di Lennon-McCartney che, con una trovata folle e geniale, hanno mischiato insieme, più per divertimento che per reale convinzione; nascono così i simpatici demo autoprodotti: “A Garage Dayz Nite” del 2001 e soprattutto il più professionale e compatto “Beatallica” del 2004 che li ha portati, a grandissima richiesta, a suonare al di qua e al di là dell’oceano.

Grazie agli ottimi consensi di pubblico e critica e all’appoggio incondizionato del loro fan numero uno Mike Portnoy dei Dream Theater, arrivano al debutto con un album vero e proprio e con attrezzature assolutamente professionali.

Nonostante tutte queste buone premesse i Beatallica purtroppo o per fortuna non cambiano di una nota il loro suono e neppure il loro approccio: Jaymz Lennfield (voce a chitarra), Grg Hammettson (chitarra), Kliff McBurtney (basso) e Ringo Larz (batteria) restano quei veraci metallari un po’ nerd in fissa con i Beatles, esattamente gli stessi che avevamo lasciato nel 2004, però qui il minutaggio è più del doppio di quello a cui eravamo abituati e dopo il sesto brano si tende a premere inesorabilmente il tasto skip. Interessanti tuttavia brani come “Blackened In The U.S.S.R.”, “A Garage Dayz Nite” e “Hey Dude”, i più divertenti di entrambi le formazioni originarie, che riusciranno a farvi battere il piedino e a strapparvi qualche sorriso.

Piacevoli a piccole dosi, ma sulla lunga distanza stancano, soprattutto quando le canzoni non sono le più frizzanti del repertorio; probabilmente è vero che un bel gioco dura poco.

Trackslist:
01. Sgt. Hetfield’s Motorbreath Pub Band
02. Revol-ooh-tion
03. Blackened In The U.S.S.R.
04. Sandman
05. Helvester of Skelter
06. A Garage Dayz Nite
07. Anesthesia (I’m Only Sleeping)
08. Leper Madonna
09. Ktulu (He’s So Heavy)
10. For Horsemen
11. Hey Dude
12. Sgt. Hetfield’s (Reprise)
13. And Justice For All My Loving

I più letti

Padre Maurizio – Divertiti di più ma fallo con Gesù (1999, CD)

Di religiosi canterini è piena la discografia italiana, dalle più recenti Suor Cristina e Suor Anna fino alle partecipazioni al Festival di Sanremo con Frate...

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Donato Mitola: l’ineffabile cantante di Mai Dire TV

Aggiornamento maggio 2018: Abbiamo avuto conferma da ex colllaboratori di Donato Mitola che purtroppo l'istrionico performer è scomparso qualche anno fa. Siamo ancora alla...

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be) (1989 – inedito)

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato Nothing Else Matters dei Metallica...

Le 20 peggiori canzoni di Sanremo

Il Festival di Sanremo è il regno delle polemiche, dei gossip e dei VIP, ma non dimentichiamoci che alla fine tutto gira intorno alle...

4 COMMENTI

  1. Ascoltato.

    Effettivamente è molto, molto pesante sentirlo tutto d’uno fiato.

    Un pò come i Punkles che hanno dalla loro però canzoni per forza di cose più brevi.

    A quando un loro post?

  2. in ritardo, ma l’ho ascoltato.

    secondo me si tratta di metal demenziale (nel senso nobile della definizione). le cover sono ben fatte e molto autoironiche.

    per un beatlesiano come è un buon album: divertente e, strano a dirsi, filologicamente ci sta dentro. se nn arrivi in fondo alle canzoni senza fare skip direi che nn gradisci i beatles.

  3. sisterB io adoro i 4 di Liverpool ed i Beatallica sono anche simpatici, quello che dici tu è vero: metal demenziale e cover ben fatte, ma il gioco ha il fiato corto; ascoltare tutto d’un fiato il disco è davvero ardua.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Cab Calloway – Minnie the Moocher (Disco Version) (1978, 12″)

Tra tutte le celebrità che tentarono di rinnovarsi e di trovare un nuovo pubblico durante la discomania alla fine degli anni '70 sicuramente Cab...

Mesopotamia – Vaffanculo (1994, 12”)

Sotto il curioso quanto insensato nome di Mesopotamia si cela uno dei tanti progetti di musica dance italiani spuntati come funghi e durati lo...

Sanremo 1993: l’ultimo vero minestrone festivaliero

E' luogo comune definire il Festival di Sanremo come un minestrone, dove tutto cozza e s'accozza, ma a ben vedere questa essenza si è...

10 imbucati illustri al Festival di Sanremo

L'imbucato è quel favoloso animale sociale che con estrema indifferenza e noncuranza troneggia dove meno te lo aspetti: dalle assemblee di condominio ai consigli...

Plus-Tech Squeeze Box – Cartooom! (2004, CD)

Se in Occidente abbiamo i fanatici di anime, manga e "giapponesate" varie che cercano di rifarsi quanto più possibile ai loro stilemi (chiedere ad...