Yulla I’m a Cougar“La vita inizia dopo i quarant’anni” (Demi Moore)

Prima di parlare di Yulla bisogna essere sicuri di aver ben chiaro il significato della parola cougar, altrimenti corriamo il rischio di perderci lungo il percorso; letteralmente cougar in inglese significa puma e senza troppi giri di parole serve a definire in maniera gergale le donne mature oltre i 40 anni che sono a caccia di partner molto più giovani, tra i venti e i trenta, magari da utilizzare come toy boy (ragazzi giocattolo).

Ora che tutto è ben chiaro possiamo cominciare a parlare di Yulla Preti, divenuta discretamente famosa sul web a causa di alcuni video e canzoni dal contenuto piccante, o come si diceva una volta in TV, canzoni dai temi osè! Da quello che leggiamo sulla sua biografia, Yulla è una che da sempre vive di musica, scrive per sé e per altri artisti, collabora e lavora per alcune etichette discografiche producendo artisti del calibro di Salvo Veneziano (meglio noto come il pizzaiolo canterino della prima edizione del Grande Fratello), ma anche l’album “Nella fretta dimentico” di Federico Poggipollini (storico chitarrista di Ligabue e anche dei Litfiba all’epoca di “Terremoto”), accompagnandolo anche come batterista nel tour promozionale;  quindi facendo due conti visto che il disco uscì nel 2003 e io Poggipollini lo vidi in concerto nel 2004, devo aver visto pure Yulla senza saperlo! Vabbè, diciamo che non vale perché all’epoca aveva solo 33 anni e non era ancora una cougar, ma non perdiamoci in chiacchere.

Yulla I’m a Cougar

La visibilità, quella vera, mediatica, però non arriva grazie alla musica, o almeno non direttamente. Yulla si fa portavoce nel reggiano del movimento 9dicembre2013, quello dei cosiddetti Forconi per intenderci. Capirete anche voi che se la portavoce di un movimento è una quarantenne dal fisico procace che si fa fotografare mezza nuda e in pose sexy, che canta canzoni dal titolo “Me gusta il pelo” o appunto “I’m a Cougar” la notizia è praticamente già fatta e scritta.

Yulla viene quindi ribatezzata il Puma, un chiaro riferimento alla canzone “I’m a Cougar”  (cougar = puma; restate attenti per favore), per inciso un banalaccio brano electro-dance che se non fosse per la combo testo e interprete sarebbe passato inosservato, ma la Preti ci tiene a precisare in un intervista rilasciata all’epoca che non si tratta affatto di un brano autobiografico: “Io quella canzone l’ho scritta pensando alle over 50, mentre io di anni ne ho soltanto 42. È una parodia di certe situazioni, ma io non c’entro. Nel testo cito anche Demi Moore e Madonna, che hanno più di 50 anni e si scelgono uomini molto più giovani: da madre quale sono, mi metto nei panni dei miei due figli e mi chiedo cosa penserebbero se mi comportassi come queste star. Sono stata fraintesa, perché la gente non capisce il messaggio che voglio lanciare”. (ilrestodelcarlino.it)

Il messaggio di “I’m a Cougar” invece è ben chiaro a noi attenti ascoltatori, almeno quelli che rientrano ancora nella papabile categoria del toy boy, un caloroso state attenti a non finire sbranati da questo tipo di donna, perfettamente descritta nel testo della canzone:

Sessualmente attiva, poco obiettiva
Talvolta eccessiva
Sfoggio fidanzati di vent’anni d’età
Chiamami donna tra sesso e vanità.

Yulla I’m a CougarFidatevi quando vi dico che Yulla non ha sbagliato nemmeno una virgola nella descrizione della categoria. Provate almeno una volta a entrare in certe discoteche o locali, in particolare con musica latino-americana (che, attenzione, la stessa Yulla canta e produce – sarà un caso?) e guardatevi intorno, quelle maschere di cera, quei corpi sudati avvolti da pantaloni leopardati e top contenitivi, gli sguardi puntati su di voi, che potete essere anche brutti al livello del cesso di Trainspotting, ma se siete minori di una certa età e avete parecchio pelo sullo stomaco, potrete godere di una notte di sesso selvaggio (vorrei precisare che io non ci tengo, giusto per non essere frainteso come Yulla).

Il fenomeno cougar anche in Italia a livello mediatico funziona alla grande, solo per fare un esempio provate a pensare a Lory del Santo, ma non ne capisco il motivo; non per fare il maschio femminista, ci mancherebbe altro, ma non riesco a digerire il fatto che la cosa faccia così scalpore e necessiti, tra l’altro, di un’etichetta, oltre a tutta una buona dose di pubblicità.

Alla fine come sempre a rimetterci sono quelle coppie che con la loro differenza di età stanno comunque bene e hanno un loro equilibrio, ma per il resto del mondo sono dei pervertiti. Provate a guardarvi i commenti sotto il video di “I’m a Cougar”, gli insulti gratuiti e gli apprezzamenti sessuali espliciti, lasciano molto intendere il modo di pensare generale.

I’m a cougar

Potrei essere tua madre, ma non lo sono

Cercasi stallone privo di neurone
Cercasi stallone privo di neurone

Like Madonna e Demi Moore, Demi Moore, Demi Moore
Si vive e si muore fingendo l’amore
Si mente e si gode senza margine di errore.

I’m a cougar
I’m a cougar

Sessualmente attiva, poco obiettiva
Talvolta eccessiva
Sfoggio fidanzati di vent’anni di età
Chiamami donna tra sesso e vanità.

I’m a cougar
I’m a cougar

Superbamente promiscua
Esibizionista, esclusivista

Mi dici dato che non sei mia madre
Trova un modo per farmi… turbare
Io sono pronto se ti fai trovare sexy, sexy, sexy, sexy, sexy, sexy
Un dispositivo da disinnescare
Una password sempre aperta dove entrare
Sexy, sexy, sexy, sexy, sexy, sexy
Da attirare ogni genere animale.

Stimoli veloci contro tutte le nevrosi
Se tengo calore attivo ogni tuo sensore

I’m a cougar
I’m a cougar

Geneticamente viziosa
Parecchio ansiosa
A volte nervosa
Uso parole di grande effetto
Ma a letto non ti rispetto

I’m a cougar
I’m a cougar

Spiccatamente invitante,
Intollerante, esuberante

Mi dici dato che non sei mia madre
Trova un modo per farmi… turbare
Io sono pronto se ti fai trovare sexy, sexy, sexy, sexy, sexy, sexy
Un dispositivo da disinnescare
Una password sempre aperta dove entrare
Sexy, sexy, sexy, sexy, sexy, sexy
Da attirare ogni genere animale

Cercasi stallone privo di neurone,
Cercasi stallone privo di neurone,
Like Madonna e Demi Moore, Demi Moore, Demi Moore
Demi Moore, Demi Moore, Demi Moore, Demi Moore

Mi dici dato che non sei mia madre
Trova un modo per farmi… turbare
Io sono pronto se ti fai trovare sexy, sexy, sexy, sexy, sexy, sexy
Un dispositivo da disinnescare
Una password sempre aperta dove entrare
Sexy, sexy, sexy, sexy, sexy, sexy
Da attirare ogni genere animale

CONDIVIDI
Articolo precedenteFinlandia, Giappone, la polka, il porro e la pecora: la storia di Ievan Polkka
Prossimo articoloEnzo Ghinazzi (Pupo) – La Mia Preghiera (1992 – 12”)
Nasco nel 1984 e da subito, grazie ai vinili di mio padre, la musica orbita attorno alla mia testa. Cresco quindi con i Genesis, Bob Marley, Neil Young, gli America, ma anche con Ruggeri, Dalla e Guccini. A 14 anni acquisto il mio primo basso ed il punk, assieme al crossover, muove ogni mio pensiero. Con gli anni la musica è diventata una vera ossessione, studiavo nuovi strumenti, leggevo articoli e recensioni, e più ne sapevo, più volevo saperne, per arrivare a considerarmi tuttora un ignorante. Ogni genere diventa fondamentale per accrescere la mia conoscenza, portandomi come artista su due progetti ben distinti, il cantautorato e la sperimentazione "noise".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here